Accesso utenti

Nome utente:
Password:
recensito domenica 18 aprile 2004 alle 00:00 da Paolo Beretta
A Kind Of Magic
 

A Kind Of Magic

Queen
1986, EMI
Hard Rock
Voto della redazione

A Kind Of Magic è un cd di grande qualità; forse l’ultimo vero e proprio capolavoro della Regina indiscussa del Rock britannico. Registrato nel 1986 riesce a coniugare con classe un sound fresco e denso d’effetti sonori, pause e melodie leggere ad altre più forti e decise. La voce di Mercury, come di consueto, ci mette del suo con un’interpretazione canora pulita e sempre al di sopra delle righe. Il songwriting dell’album è di buon livello alternando canzoni tristi ad altre più leggere e incalzanti che hanno supportato l’American Movie Highlander.

Il lavoro ha inizio con One Vision. Una superba opener (presa dal film Iron Eagle) che non si rivela direttamente ma che, al contrario, grazie ad un buon uso delle tastiere si fa quasi desiderare per poi esprimere tutta la sua genuina forza Rock con il riffing iniziale di Brian May. Le strofe cadenzate scorrono ben supportate dalle backing vocals prima di una pausa, in crescendo, che lancia un solo lungo per il finale disordinato e appassionante. La Title Track è invece una dolce melodia innocua che Freddy doma con la sua ugola potente e delicata, accompagnata da una sezione ritmica elementare. Sulle note del basso e dell’arpeggio fragile di una chitarra viene evocata un’atmosfera solare. Tutto è perfetto anche nella pausa che non altera una canzone stupenda e incantevole per la sua semplicità. One Year Of Love fa scendere un velo di tristezza e magone che raggiunge il suo apice nelle strofe singhiozzate seguite dal lamento del sax. Ci pensa Pain Is So Close To Pleasure a far risplendere note più allegre. Mercury alza il suo cantato per tutta la durata del pezzo. Il tempo sembra quasi tornare indietro di trent’anni per una song “antica” e fragile. Friend Will Be Friends è una Hit dei Queen anni ’80. Il Rock melodico e genuino ci ammalia mentre il testo racconta, sulla scia di assolo liberatori e di un chorus in irrefrenabile crescendo, il trionfo dell’amicizia. Who Wants To Live Forever (arcata portante della Sound-track di Highlander) trasmette la desolazione totale per il tempo che passa inesorabile (per noi mortali). L’orchestra amplifica la prestazione e l’impatto emotivo di un brano stupendo che si muove tra pause geniali per poi morire in un soffio leggero. Gimme The Prize è completamente diversa; una canzone Hard e tagliente che la chitarra di May fa sua per definire l’atmosfera ideale per lo scontro finale dell’american movie. Riff potenti, parlati oscuri, effetti sonori di spade che si scontrano si fondono con le urla “sporche” di Freddy. Don’t Lose Your Head vede la batteria di Roger Taylor, (autore del brano), sugli scudi per 4 minuti non troppo coinvolgenti e abbastanza privi di idee (basti vedere nel booklet la pochezza del testo) che sfigurano di fronte alla successiva Princes Of The Universe, un gioiello di rara bellezza che inizialmente riprendere il riffing di Gimme The Prize per poi snodarsi su sonorità più magniloquenti generate dall’uso sapiente delle Keyboards. Un’accelerazione improvvisa sconvolge gli equilibri e lancia Freddy Mercury in strofe passionali che muoiono in una pausa prima di una selva oscura di cambi di ritmo che portano la song al potente e disordinato finale caratterizzata da molti assolo e riff riusciti. Capolavoro assoluto; una delle mie Hit preferite di sempre dei Queen.

A Kind Of Magic in definitiva è un cd che ogni amante della musica Rock in generale deve fare suo. La regina ancora una volta offre una prestazione degna del suo nome. Ottima musica dotata di qualche acuto davvero clamoroso destinato a rimanere ben scolpito nelle nostre menti.

Tracklist:

1. One Vision
2. A Kind Of Magic
3. One Year Of Love
4. Pain Is So Close To Pleasure
5. Friends Will Be Friends
6. Who Wants To Live Forever
7. Gimme The Prize
8. Don't Lose Your Head
9. Princes Of The Universe.
Aggiungi un tuo commento
47 commenti - Mostrati da 41 a 60 - Pag: 1 2 3
CLIFFBURTON87 (16/11/2006 15:40)
0
questo 90 e innuendo 87?????? per me sarebbe meglio il contrario::::::...........
Eagle_Fly_Free (01/02/2007 15:19)
0
ma dico, 9 brani presenti...e ce ne fosse solo uno brutto!!!

^_^

da "Who wants to live forever" a "One Vision"...
da "One year of love" a "Gimme the price"...
da "Don't loose your head" a "Princes of the universe"...

ce n'è per tutti i gusti !!!


peccato che oggi non ci sono più gruppi così...
Sad_Wings (15/06/2007 22:13)
0
bellissimo poi questo album fa pensare al film highlander
judaspriest (13/08/2008 01:20)
0
dopo un ottimo disco come the works che pero soffriva forse della mancanza di ispirazione di alcune song , i king of magic si dimostra da subito superiore grazie al ritorno del hard rock e a song dinventate immortali grande album uno dei migliori targati anni 80
elpata86 (06/10/2009 21:53)
0
Bellissimo come il film al quale fa da colonna sonora. Conosco ancora poco i dischi dei Queen (ma chi è che non ha il mitico "Greatest Hits" di tre parti in casa !?"), ma questo è superbo. "One Vision", "A Kind Of Magic", "Friends Will Be Friends", "Who Wants To Live Forever", "Princes Of The Universe"...magico !
robfleming (04/04/2011 12:30)
0
Il mio primo album dei Queen preso in tempo reale. Magnifico. One vision, la TT, Princes of the Universe, Who wants to live forever, One year of love sono tra i vertifici assoluti del gruppo, anni '70 compresi. Gimme the prize stupisce per la sua violenza.
Alex_Lugli (04/07/2011 21:21)
0
La partecipazione al "Live Aid" diede nuovo entusiasmo ai Queen, che grazie a questo successo tornarono nuovamente ad essere un gruppo coeso; se prima dell'evento Deacon disse "I Queen non sono più un gruppo realmente unito ma quattro individualità che lavoravano insieme." dopo il 13 luglio affermò "Il Live Aid ci ha totalmente rivitalizzati, restituendoci l'entusiasmo di un tempo". Subito dopo il concerto londinese, cominciarono a progettare un nuovo album; il 4 novembre il gruppo pubblicò il singolo Hard Rock "One Vision". Nella primavera 1986, Mercury e Deacon parteciparono al musical "Time" di Dave Clark. Durante le prime sessioni di prove, le "regine" vennero contattate dal regista Russel Mulcahy, per commissionare loro una colonna sonora per il suo primo film. Dopo aver accettato l'incarico, cominciarono a registrare brani adatti alla trama, oltre che alcuni videoclip, diretti da Mulcahy, di tracce già pronte, come "A Kind Of Magic", il cui singolo raggiunse la prima posizione in 35 stati. L'album "A Kind Of Magic" uscì il 2 giugno 1986, balzando subito al primo posto delle classifiche britanniche, posizione che occuperà per 13 settimane consecutive, vincendo due dischi di platino. Il disco che si presenta come una colonna sonora di "Highlander - L'ultimo immortale", rappresentando allo stesso tempo un lavoro autonomo e svincolato dal film. Reduci dalle eccezionali esibizioni in tutto il mondo, i Queen continuano ciò che avevano intrapreso con "The Works", basandosi sulle caratteristiche Glam del gruppo e attingengo nuovamente al Pop ("A Kind Of Magic"), all'Hard Rock ("Princes Of The Universe", "One Vision", "Gimme The Prize"), all'Arena Rock ("Friends Will Be Friends") e alle ballate melodiche ("One Year Of Love"), senza notevoli innovazioni e cambiamenti, se non l'utilizzo dell'orchestra sinfonica in "Who Wants To Live Forever". "A Kind Of Magic" risulta un album intenso, potente, creativo e completo, in cui ciascun membro dei Queen scrive il testo di uno dei 4 singoli ("A Kind Of Magic", "One Vision", "Friends Will Be Friends" e "Who Wants To Live Forever"). L'album entrò in classifica al primo posto, rimanendovi per 13 settimane consecutive. "A Kind Of Magic" è un album del gruppo musicale Rock britannico Queen, pubblicato per la prima volta il 2 giugno del 1986 dalla EMI. Si tratta della colonna sonora del film "Highlander - L'ultimo immortale", il primo della serie, diretto da Russell Mulcahy. Non ebbe molto successo negli Stati Uniti, ma raggiunse il primo posto della classifica britannica, rimanendo nella chart per ben 63 settimane. Alcuni singoli estratti sono diventati delle vere e proprie Hit della Band inglese, come la stessa "A Kind Of Magic", "One Vision" o "Who Wants To Live Forever". Il Tour che seguì fu un successo straordinario che diede ancora più gloria alla Band, famosa per le sue esibizioni dal vivo. Ecco alcune curiosità sull'album:
- Le canzoni "Pain Is So Close To Pleasure" e "Friends Will Be Friends" furono in realtà quasi completamente opera del bassista John Deacon, che però decise di co-accreditarle a Mercury per ringraziarlo dell'aiuto da questi fornito in sede di arrangiamento.
- La Opening Track "One Vision", inizialmente pubblicata come singolo nel 1985 e in seguito considerata uno dei brani classici del gruppo, non fu utilizzata nella colonna sonora del film "Highlander"; divenne però parte della colonna sonora del film "Iron Eagle". Lo spirito del brano, che inneggia alla fratellanza di tutti gli uomini in una sola visione globale, si presume fu ispirato dal "Live Aid", anche se la Band ha sempre smentito tale ipotesi.
- Nella canzone "One Year Of Love" non partecipa Brian May. Deacon ha deciso di sostituire la chitarra con un assolo di saxofono dopo una discussione avuta con May.
- Le canzoni che appaiono nel film "Highlander" sono: "A Kind Of Magic", "One Year Of Love", "Who Wants To Live Forever", "Gimme The Prize", "Don't Lose Your Head" e "Princes Of The Universe". Nella colonna sonora del film "Highlander" è presente una cover di "New York, New York" cantata in versione solista da Freddie Mercury, questa canzone non è mai stata pubblicata su disco o album. "A Kind Of Magic" è senza dubbio un gran bel disco, probabilmente il momento più felice ed ispirato musicalmente della discografia degli anni '80 dei Queen, per valore delle singole composizioni e qualità delle parti lirico/strumentali. Pur non raggiungendo i vertici artistici assoluti degli album degli anni '70 (capolavori immensi, a mio avviso), questo è un disco da prendere sicuramente in considerazione se non altro per capire il valore di una Band che, seppur accentuando la matrice Pop negli anni '80 (anche se non mancano, in "A Kind Of Magic", momenti più tirati tipicamente Hard Rock), ha saputo regalarci ancora perle musicali dall'inestimabile valore artistico come questo album. Grazie Queen e Freddie Mercury in particolare, per la grande musica di cui ci avete fatto dono tramite la vostra unicità e genialità.
47 commenti - Mostrati da 41 a 60 - Pag: 1 2 3
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Tutti i loghi e i marchi in questo sito sono proprietà dei legittimi registratari. Gli utenti sono responsabili per ogni commento.
Copyright Truemetal.it 2001-2014 - Ringraziamo chi ci ha copiato
Clicca per i dettagli