Accesso utenti

Nome utente:
Password:
recensito sabato 03 gennaio 2004 alle 00:00 da Paolo Beretta
Greatest Hits
 

Greatest Hits

Queen
1981, EMI
Hard Rock
Voto della redazione

Se i Queen sono stati la regina indiscussa del rock britannico degli anni ’70 allora il Greatest Hits uscito nel 1981 è il re delle raccolte musicali. Solitamente io le aborro ma questa è diversa, è magica, perché immortala, come meglio non si potrebbe, gli anni d’oro dei Queen quando, forse, nel loro genere non avevano semplicemente eguali. Nella vecchia, scheggiata e opaca cassetta che tengo, or ora ,gelosamente tra le mani riecheggia con forza tutta la mia adolescenza (e sono sicuro anche la vostra) quando con una racchetta da tennis in mano “facevo” i solos di May e “cantavo” di fronte ad un pubblico immaginario le strofe del “divin” Mercury. Poter sentire così, tutto d’un fiato, tante canzoni che hanno significato molto per la mia crescita musicale (e non solo) è pura estasi. Ogni singola track di GH la posso collegare ad un momento della mia vita da adolescente: Tristezza, amore, spensieratezza, esuberanza, gloria, disperazione…I Queen in poche parole sono stati per diversi anni la colonna sonora della mia vita e questo Graetest Hits è una testimonianza di quanto fossero immensamente grandi.
Flash a parte (non mi è mai piaciuto più di tanto il pezzo scelto per la colonna sonora dell’omonimo movie) tutte le restanti Hit della raccolta sono eccelse. Per farVi capire il calibro del lavoro Vi dico che si comincia con Bohemian Rhapsody e si finisce con We Are The Champions. Spendere parole su queste due song, che hanno fatto il giro del mondo, mi sembra abbastanza futile visto che tra l’inizio e la conclusione del disco la musica proposta è altrettanto succulenta e prelibata. Dal basso penetrante di Deacon nell’oscura Another One Bites The Dust si passa all’incalzante, allegra e festante Bicycle Race che con i suoi tempi mai domi ben evoca una pazza corsa. In You’re My Best Friend un testo zuccherino ci accarezza con tenerezza mentre subito dopo arriva il sottovalutato capolavoro Don’t Stop me Now che, dopo un inizio fragile e timido, cambia passo. Le strofe supportate dal piano volano cantate magicamente da Freddie che appassiona come il finale sulla scia di un solos immediato. Somebody To Love è il regno dell’impressionante estensione vocale di Mercury. Melodie barocche e pompose fin dalle prime note prendono il sopravvento in un continuo crescendo che sfocia (dopo una pausa) nel refrain finale davvero esaltante e che invita tutti a cantare. Più incalzante Now I’m Here che mostra un Hard Rock a tratti trascinante grazie al buon lavoro di riffing durante tutto il pezzo. Completamente diversa Good Old Fashioned Lover Boy con il suo sound leggero e timido che ci porta indietro nel tempo. Dopo la veloce e rockeggiante Seven Seas Of Rhye (dotata di un bel break) è giunto il momento tanto atteso di battere le mani per dare il giusto tributo ad una delle canzoni più semplici e geniali del rock. Tum – Tum – Tam / Tum – Tum – Tam /… Questa grezza, stupida e ingloriosa descrizione onomatopeica è, che lo si voglia o no, il vero cuore pulsante di We Will Rock You che come un’ombra segue Freddie Mercury nelle strofe scarne e “marcianti”. Ad arricchire la Hit ci pensa nel finale un solos elementare e d’impatto che pone il sigillo su 3 minuti che definire storici è poco. E’ incredibile e frustrante sapere che per emozionare, trasmettere qualcosa, e diventare immortali basta, certe volte, la rude semplicità: Ma è così! Greatest Hits termina con L’HIT per eccellenza: We Are The Champions. Un canto vibrante, che sprigiona pura emozione, dove si può sentire la voglia di emergere, lottare e finalmente vincere presente in ognuno di noi.

Queen! Null’altro da aggiungere!
1. Bohemien Rhapsody
2. Another One Bites The Dust
3. Killer Queen
4. Fat Bottomed Girls
5. Bicycle Race
6. You're My Best Friend
7. Don't Stop Me Now
8. Save Me Now
9. Crazy Little Thing Called Love
10. Somebody To Love
11. Now I'm Here
12. Good Old Fashioned Lover Boy
13. Play The Game
14. Flash
15. Seven Seas Of Rhye
16. We Will Rock You
17. We Are The Champions
Aggiungi un tuo commento
37 commenti - Mostrati da 1 a 20 - Pag: 1 2
Pja666 (03/01/2004 12:33)
0
Tutte canzoni azzeccate per un grandioso "Greatest Hits die Queen"
beix (03/01/2004 14:38)
0
sembrerà ripetitivo, ma come si fa a non dare il massimo dei voti ai Queen? Grandiosi.
hector (03/01/2004 17:06)
0
Una grande raccolta che inquadra abbastanza bene il loro periodo magico. Il 100 non è proprio meritatissimo, perché personalmente avrei aggiunto qualche altra canzone mitica, tipo "The Prophet's Song" tanto per dirne una, ma lo assegno ugualmente.
rhino (03/01/2004 18:04)
0
non do 100 solo perkè è una raccolta,cmq i queen sono il meglio ke la musica abbia mai espresso.semplicemente divini.
Journey (03/01/2004 19:47)
0
Ragazzi, rileggete la tracklist e ditemi se c'è una song che, ancor oggi, a distanza di anni (e ne sono trascorsi parecchi...), qualcuno non conosce e non canticchia...
Qui parliamo di "storia della musica rock contemporanea".
Parliamo di un gruppo che ha precorso i tempi ed è stato fonte di ispirazione e linfa vitale per molti altri...
Uno dei primissimi gruppi a fondere musica rock con partiture sinfoniche di musica classica.
Certo, trattandosi di una raccolta, qualche traccia meritevole è rimasta fuori, ma non dimentichiamo che quando venne pubblicata la suddetta raccolta (1981), il supporto in CD doveva ancora essere immesso sui mercati (ebbe la sua diffusione a partire dal 1984) e, per un vinile della durata di circa 58 minuti, queste tracce erano quasi "obbligate" (discorso diverso si poteva fare con un CD, la cui durata raggiunge gli 80 minuti...).
Chi, quando la propria squadra del cuore vince un trofeo (i cugini neroazzurri sono sollevati da questa "incombenza"...) non canta "We Are The Champions" con corollario di brividi?!?
E, per completare l'opera, rammentiamo anche che "Bohemian's Rhapsody" è stato il primo videoclip girato...
Scusate se è poco...
Precursori nel genere e nelle "mode", canzoni inossidabili, presenza scenica notevole, bravi tanto nei lavori in studio quanto nelle performance live...
Grandi!!! (quasi leggendari...)
Mighty_Warrior (03/01/2004 21:04)
0
I Greatest Hits bisognerebbe prenderli tutti e bruciarli. Questo non fa eccezione.
Se voglio sentire la fanastica musica dei Queen inserisco nel lettore i loro full-lenght non una squallida compilation!
evil84 (03/01/2004 21:36)
0
vedi tracklist...
AnGeLo (03/01/2004 21:54)
0
La scelta è abbastanza azzeccata, peccato che i primi 2 album, carichi tra l'altro di capolavori, siano stati quasi tralasciati.
swansong (04/01/2004 02:59)
0
Assolutamente d'accordo con Mighty-warrior...
Il voto per le canzoni rappresentate meriterebbe 100, che dire! Ma mi disgustano qst squallide operazioni commerciali...e i Queen, purtroppo, ne furono (sono?) un fulgido esempio!
Anche se, ad onor del vero, le raccolte potrebbero essere utili per chi nulla conosce della discografia...ma c'è ancora qlc che non ha mai ascoltato almeno una volta alcune di queste song?
nevio (04/01/2004 09:57)
0
Sono d'accordo con i commenti precedenti :
le raccolte antologiche sono del tutto inutili per i veri fans di un gruppo , al limite possono essere utili per un "profano" che desidera conoscere una band ; tra l'altro poi spesso e' impossibile effttuare una scelta dei brani che accontenti tutti.
Nel caso dei Queen poi , che hanno una tale varieta' stilistica (sia tra i vari album che all'interno di ciascun disco) e' assolutamente quastione di gusti!! Se poi parliamo di Greatest Hits , che significa raccolta di singoli di maggior successo , allora nulla da dire.

Dragontown1978 (04/01/2004 15:26)
0
le raccolte antologiche sono un perfetto punto di partenza per chi vuole avere in un unico prodotto varie canzoni che ha ascoltato casualmente piu' volte e contemporaneamente te ne fanno conoscere altre...in definitiva un'operazione si' commerciale,ma anche utile ed intelligente , che serve per allargare il pubblico e presentare al mondo una band immensa che ha fatto la storia degli anni 70.
FIVIC (04/01/2004 15:39)
0
le raccolte antologiche sono del tutto inutili per i veri fans di un gruppo , al limite possono essere utili per un "profano" che desidera conoscere una band ;

Non è vero che sono utili solo per i profani. Ascoltare i tutti i grandi successi di una band in un solo disco è sicuramente una cosa bella che può dare un sacco di emozioni anche per chi ha la discografia di una band (e io quella dei Queen ce l'ho). Poi ci sono GH e GH. Bisogna fare una racoclta al momento giusto e i queen lo hanno fatto con una scaletta davvero bella. Almeno questo è il mio parere
atreides (04/01/2004 23:22)
0
Il Greatest Hits è una raccolta dei più grandi successi commerciali della band, ma questo non vuol dire che tutte le canzoni siano, da un punto di vista qualitativo, dei Greatest Hits. Questa raccolta rappresenta il meglio (Bohemian Rhapsody, Somebody to love, 7Seas of Rhye...) ma anche il peggio (Bicycle Race tanto per citarne una) del repertorio dei Queen. Altre canzoni che purtroppo non hanno avuto un successo commerciale soddisfacente avevano più diritto di farne parte.
atoragon (05/01/2004 01:21)
0
un pezzo della mia vita, e conseguentemente un influenza per la mia band (del resto credo che in un modo o nell'altro quest'album sia un'influenza per TUTTE le band del pianeta)
BlindAc (29/02/2004 21:41)
0
Secondo me, questa è una delle poche Greatest Hits la cui tutta intera tracklist è interessante e significativa. ho scelto di non dare 100 per la mancanza di alcune canzone che sono state tralasciate (gravissima mancanza, a parere, penso, di tutti i fan): Love Of My Life, Tie Your Mother Down, Liar, Brighton Rock, In The Lap Of The Gods Revisited.... forse la casa discografica ha dato molta più importanza ai recenti successi dell'album The Game (con Another One Bites The Dust, Play The Game...) e alla colonna sonora di Flash Gordon. Per me potevano evitare di metterle (eccetto Save Me) e lasciare posto a canzoni più "vecchie", in cui si può riconoscere il vero sound dei Queen. in ogni caso quest'album riassume degnamente il primo periodo dei Queen, dal 1972 al 80. lo consiglio ai fan che hanno conosciuto solo le canzoni più "recenti" di questo magnifico gruppo. QUEEN FOREVER!!!





-LUDWIG- (17/03/2004 08:59)
0
ovviamnete le song incluse sono tutte o quasi ottime,ma personalmente avrei optato per includere più pezzi rappresentativi di quegli anni...dove sono Stone cold crazzy, Brighton rock, Love of my life, Keep yourself alive, Father to son..?? L'animo heavy sinfonico dei queen anni 70 traspare in questa raccolta solo in parte
Shadowprotector (07/04/2004 19:24)
0
Una parola
Queen. Un nome, una garanzia.
blond (21/04/2004 16:19)
0
dicendo Queen si dice tutto..
grazie Freddie di essere esistito..
chissà se lassù stai deliziando tutti con la tua voce..
Dark_Sephirot86 (02/05/2004 13:21)
0
Inizia con Bohemian Rhapsody e finisce con We Are The Champions. Penso che il voto sia abbastanza scontato.
sepulmax88 (19/06/2004 16:04)
0
Grandissimooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Grande Mercury!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
37 commenti - Mostrati da 1 a 20 - Pag: 1 2
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Tutti i loghi e i marchi in questo sito sono proprietà dei legittimi registratari. Gli utenti sono responsabili per ogni commento.
Copyright Truemetal.it 2001-2014 - Ringraziamo chi ci ha copiato
Clicca per i dettagli