Accesso utenti

Nome utente:
Password:
recensito mercoledì 08 giugno 2005 alle 00:00 da Matteo Lavazza
Tormentation
 

Tormentation

Torment
2005, Remedy Records
Thrash
Voto della redazione

Arriva il ventennale anche per i misconosciuti, almeno qui da noi, Torment, band tedesca dedita ad un metal grezzo ed ignorante, che ha i suoi punti di riferimento nei primi Sodom, Motorhead e nel punk più violento.
Ed è proprio su queste coordinate che si muove tutto il lavoro, infatti dopo una brevissima intro si parte subito con “New World Terror”, che proietta l’ascoltatore direttamente negli anni 80. La canzone è un concentrato di Thrash tedesco d’annata, così come sulla stessa falsariga si muovono brani come “Tormentation”, “In the Name” oppure “State of War”, giusto per citarne qualcuna.
Dal lato più punteggiante del disco trovano posto canzoni come l’esilarante “P.C. (Porn Casting)”, di cui è presente anche una versione video tratta dall’esibizione del gruppo al Metal Bash 2004, oppure “Woman”, il cui testo non si può definire propriamente signorile.
Da segnalare anche una “Please don’t Touch” decisamente energica e con Sabina Classen degli Holy Moses a dettare coi nostri.
Lo spirito dei Torment è ben incarnato anche da canzoni dai titoli espliciti come per esempio “Bestial Sex” o “Tribute to Traci”. Ed ancora di più da “Politically Incorrect (and Damn Proud of it)”.
Ed è proprio lo spirito con cui John XXX Ruter,  Carsten XX Overbeck e Chris X Gripp affrontano la musica la cosa più piacevole di questo “Tormentation”, si sente che sono loro i primi a divertirsi a fare quello che fanno, ed in fondo credo che questa sia una delle cose più importanti, fa niente se poi il gruppo sia sotto il profilo compositivo sia come arrangiamenti sia piuttosto approssimativo, proprio perché non sono queste le cose a cui punta la band, che invece mira maggiormente a divertere ed a colpire duro, e questi obbiettivi li centra perfettamente.
I suoni sono davvero molto buoni, raramente mi è capitato tra le mani un cd di questo genere in cui il basso si possa sentire così bene, ed in generale la resa sonora è davvero convincente.
Il disco uscirà anche in versione double, accompagnato cioè da un bonus cd contenente una sorta di best of dei Torment.
Per concludere invito tutti coloro che cercano la perfezione nella musica a tenersi lontano da questo disco, ma il mio invito ad avvicinarsi al disco lo giro a tutti coloro i quali cercano potenza potenza, cattiveria e “grezzità” nella musica, in questo disco se ne trovano quantità abbondanti.

Aggiungi un tuo commento
1 commento - Mostrati da 1 a 20 - Pag: 1
northerntod (08/06/2005 22:23)
0
un solo commento... m/ m/
1 commento - Mostrati da 1 a 20 - Pag: 1
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Tutti i loghi e i marchi in questo sito sono proprietà dei legittimi registratari. Gli utenti sono responsabili per ogni commento.
Copyright Truemetal.it 2001-2014 - Ringraziamo chi ci ha copiato
Clicca per i dettagli