1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Il regolamento del Forum è stato ripristinato e aggiornato, lo puoi trovare in ogni momento in basso a destra cliccando su "Termini e Condizioni d'uso del sito". Ti preghiamo di leggerlo e di rispettarlo per mantenere il forum un luogo piacevole ed accogliente per tutti. Grazie!
    Chiudi

Argento/Fulci/Mario Bava: la sacra triade

Discussione in 'Attualità e Cultura' iniziata da Dwight Fry, 27 Gennaio 2009.

  1. Dwight Fry

    Dwight Fry
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2009
    Messaggi:
    4.125
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.194

    27 Gennaio 2009

    Sulla coppia Argento/Fulci c’è già un topic, ma l’ultimo commento risale a un anno e mezzo fa (e in quella sede si parlava quasi esclusivamente di Argento), quindi ho pensato bene - spero - di aprirne un altro, aggiungendo ai due registi citati anche Mario Bava. Il perché è presto spiegato.
    Il cinema italiano presenta una serie spaventosa di registi che si sono avvicinati in poche ma fortunate occasioni al genere horror. Penso a Fellini, Elio Petri, Dino Risi, Tornatore e Damiano Damiani. C’è poi un elenco ancor più nutrito di cineasti che hanno operato più volte nel settore senza raggiungere lo status di “maestri” (Lado, Polselli, Pupillo, Mastrocinque, Avallone e così via). Una decina di registi viene invece citata un po’ ovunque quando si parla di horror italiano. Tra questi, alcuni sono caduti ingiustamente nel dimenticatoio (Margheriti, Freda, Lenzi), altri sono scomparsi o si sono dedicati ad altri generi (Lamberto Bava, Michele Soavi), altri ancora sono stati riscoperti di recente (Deodato). Massaccesi e Avati rimangono autori più che apprezzati, ma il loro impegno e la loro costanza in altri generi cinematografici (salvo improvvisi ritorni all’arte della tensione, come nel caso di Avati col recente “Il nascondiglio”) li ha in qualche modo relegati in una terra di mezzo. Per cui in molti conoscono “Buio omega” e “Zeder”, ma assai di più sono le persone che hanno visto almeno un hard di Massaccesi o “Il cuore altrove” di Avati. Senza considerare che alla fin della fiera Massaccesi di horror ne ha girati davvero pochi (sei), Avati ancor meno.
    A conti fatti dunque, quando si parla di horror italiano i nomi imprescindibili restano fondamentalmente tre: quelli di Dario Argento, Lucio Fulci e Mario Bava.
    Il legame tra questi registi e l’heavy metal è già forte di per sé, dal momento che una pletora di gruppi e musicisti (specie in ambito estremo) li cita come fonte d’ispirazione. Argento resta il più noto, ma grazie agli attestati di stima di registi (Quentin Tarantino) e scrittori (Clive Barker) molto amati da metallers e rockers, anche Fulci e Bava stanno recuperando la meritata notorietà.
    Ho un piccolo blog (quello in firma) nel quale mi prefiggo di portare nuovi fans dell’horror a conoscenza dei capolavori più o meno celebrati di questi registi. Il topic che state leggendo nasce col medesimo scopo.
    Da dire c’è tantissimo, anche perché nel tempo ho approfondito la conoscenza della “sacra triade” attraverso la lettura di numerosi libri. E vi assicuro che a volte i retroscena di un film sono interessanti quasi quanto il film stesso. Dario Argento l’ho anche intervistato nel 2004, quindi gli aneddoti non mancheranno, se il topic funzionerà.
    Per il momento resto in attesa dei vostri interventi.
     
    #1
  2. ForgottenSunrise

    ForgottenSunrise
    Expand Collapse
    Gypaetus Barbatus

    Registrato:
    25 Aprile 2003
    Messaggi:
    14.508
    "Mi Piace" ricevuti:
    3

    27 Gennaio 2009

    magari era meglio utilizzare il "vecchio", ma ormai vabbè...
     
    #2
  3. corpsegrinder jon

    corpsegrinder jon
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    11 Luglio 2007
    Messaggi:
    7.467
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.915

    27 Gennaio 2009

    Devo dire che nonostante sia un appassionato di cinema horror fino a poco tempo fa ero molto scettico sull'horror italiano(preferivo registi come Romero,Carpenter,Cronenberg),nonostante avessi letto piu volte dei tre maestri da te citati e dei loro capolavori non mi ero del tutto convinto a vedere qualcosa..bene ora me ne sono pentito alla grande dopo aver visto la trilogia della morte di Fulci!Tre capolavori a partire da ''Paura nella citta dei morti viventi'' forse il piu estremo dei tre e con le scene piu gore..per poi passare a ''L'Aldila..e tu vivrai nel terrore!'',forse il mio preferito,la scena iniziale e quella finale sono davvero allucinanti,oniriche,stupende..e infine ''Quella villa accanto al cimitero'' anche questo molto bello!
    Questi film di Fulci mi hanno impressionato,anche se ho ancora molto da vedere dei suoi horror lo considero davvero un grande.Per Argento e Bava c'e' tempo..
     
    #3
  4. The_Metal_Priest

    The_Metal_Priest
    Expand Collapse
    100% rujo

    Registrato:
    4 Dicembre 2006
    Messaggi:
    7.413
    "Mi Piace" ricevuti:
    8

    27 Gennaio 2009

    in effetti film come "La casa dalle finestre che ridono" (Avati) o "Reazione a Catena" (Bava) hanno segnato praticamente tutti i filoni successivi del genere.
    Il primo ha sicuramente influenzato film come "La casa dei mille corpi" di Rob Zombie, mentre il secondo è uno dei primi film slasher da cui poi i vari nightmare o venerdi 13 sicuramente traggono ispirazione.

    Argento vabbè, chi non lo conosce :D

    di Fulci invece devo ancora trovar l'occasione di guardare qualcosa :crush:
     
    #4
  5. Byford86

    Byford86
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    1 Febbraio 2005
    Messaggi:
    17.947
    "Mi Piace" ricevuti:
    7.008

    27 Gennaio 2009

    tra i thriller più riusciti della carriera di fulci citerei "sette note in nero",secondo me sui livelli dell'altro cult "la casa dalle finestre che ridono" di avati,nn mi dispiacciono neanche i suoi splatter di serie b alla "un gatto nel cervello"
     
    #5
  6. Dwight Fry

    Dwight Fry
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2009
    Messaggi:
    4.125
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.194

    27 Gennaio 2009

    Per Corpsegrinder: una certa diffidenza nei confronti del cinema horror italiano è atteggiamento comune. Forse perchè in Italia non esce un horror di grande spessore da una vita. O forse perchè siamo esterofili per tradizione. Per cui Tarantino, Coppola, Joe Dante, Carpenter e Cronenberg ci invidiano registi come quelli citati nel topic, e qui da noi non se li fila nessuno (Argento a parte). Anch'io, tanti anni fa, sono partito con Craven, Hooper, Carpenter e Cronenberg. Argento invece fa eccezione, perchè lo seguo da sempre: vidi "Suspiria" e mi innamorai del suo stile unico. L'importante è avere un atteggiamento come il tuo, senza paraocchi. Per scoprire cose nuove e avere il coraggio di lasciarsi sorprendere.
    I film che hai citato sono stupendi, tra i fondamentali ti manca soltanto "Zombi 2", negli horror. Ma consiglio pure "Non si sevizia un paperino" e "Sette note in nero", capolavori imprescindibili del giallo all'italiana. Fra l'altro la sequenza che apre "L'aldilà" (l'omicidio con le catene) è presente anche in "Non si sevizia un paperino" (a farne le spese è la povera Florinda Bolkan), ma devi trovare una versione non censurata per godertela.
    Altro film consigliato: "Lo squartatore di New York", il thriller più violento mai girato in Italia.

    Per Metal Priest: sinceramente non credo che il film di Avati abbia influenzato quello di Zombie. O meglio, nelle interviste che ho letto Zombie cita una pletora di film, ma non "La casa delle finestre che ridono". Anche perchè si tratta di pellicole diversissime: classico horror d'atmosfera quello di Avati, action-horror ultramoderno quello di Zombie.
    Su "Reazione a Catena" invece dici bene, anzi benissimo: è il Big Bang dello slasher. Ha i suoi anni, ma in quanto a violenza è più che moderno. C'è un tale che si becca una mannaiata in pieno volto, e due ragazzi vengono trafitti da una lancia mentre fanno sesso: sequenze riprese pari pari da Steve Miner nei suoi "Venerdì 13" (ha avuto il buon senso di ammettere i plagi).

    Per Byford: straquoto! Quel film lo conoscono davvero in pochi, ma è di rara bellezza. Un Fulci atipico, che non mostra il sangue e resta invece concentrato sullo sviluppo della storia, e sui personaggi che racconta.
    Per me uno dei 5 gialli più belli di sempre, in ambito nazionale.
     
    #6
  7. Kiss

    Kiss
    Expand Collapse
    Ligeia

    Registrato:
    8 Settembre 2005
    Messaggi:
    11.981
    "Mi Piace" ricevuti:
    92

    27 Gennaio 2009

    E' un film che avrei sempre voluto vedere ma che le circostanze e gli imprevisti mi hanno sempre impedito. :( Mi hanno detto che fa molta paura, quindi mi ci butterei volentieri. :D
     
    #7
  8. fritz

    fritz
    Expand Collapse
    Beh, abbiamo fatto 30...

    Registrato:
    16 Febbraio 2005
    Messaggi:
    4.092
    "Mi Piace" ricevuti:
    78

    27 Gennaio 2009

    E' più che altro inquietante, volendo scegliere un termine, e gode di un'ambientazione che nel suo genere (per quanto io non sia propriamente un esperto) è piuttosto originale. Provalo e occhio al finale :P
     
    #8
  9. corpsegrinder jon

    corpsegrinder jon
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    11 Luglio 2007
    Messaggi:
    7.467
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.915

    27 Gennaio 2009

    Grazie dei consigli Dwight Fry,pensa che Zombi 2 lo stavo addirittura comprando a vuoto(senza averlo mai visto)sicuro che mi sarebbe piaciuto ma nel sito dove prendo i dvd ci voleva troppo a procurarlo perche e' imported..i film che hai citato li vedro' al piu presto e sono sicuro non mi deluderanno!Ho sentito ottime cose anche di ''Manhattan baby'' che dovrebbe essere l'ultimo horror girato da Fulci..
     
    #9
  10. Kiss

    Kiss
    Expand Collapse
    Ligeia

    Registrato:
    8 Settembre 2005
    Messaggi:
    11.981
    "Mi Piace" ricevuti:
    92

    27 Gennaio 2009

    Se riesco lo guardo volentieri. Ultimamente ho guardato solo horror giapponesi/coreani, cambiare un po' atmosfere non mi dispiacerà. :D
     
    #10
  11. Melanio Vakyas

    Melanio Vakyas
    Expand Collapse
    Bella fregatura. Che fai?

    Registrato:
    9 Ottobre 2007
    Messaggi:
    5.647
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.395

    27 Gennaio 2009

    Anche perchè è una atmosfera a te familiare, dato che il film è ambientato in Emilia, come la stragrande maggioranza dei film di Avati del resto. :D

    Gran topic, si è parlato spesso di loro nel topic dei film horror. 8-]
     
    #11
  12. Kiss

    Kiss
    Expand Collapse
    Ligeia

    Registrato:
    8 Settembre 2005
    Messaggi:
    11.981
    "Mi Piace" ricevuti:
    92

    27 Gennaio 2009

    Beh ma l'atmosfera emiliana è profondamente inquietante.. Ci abito io. :rotfl:

    Scherzi a parte, i film di Avati mi piacciono abbastanza, non eccessivamente. Ma sono curiosissima di vedere La casa dalle finestre che ridono. Sono anni che lo devo prendere, ma mi dimentico sempre oppure devo comprare delle altre cose. :roll:
     
    #12
  13. Dwight Fry

    Dwight Fry
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2009
    Messaggi:
    4.125
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.194

    28 Gennaio 2009

    Per Kiss: recuperalo alla svelta, è uno dei migliori thrilling mai girati in Europa (e forse nel mondo). La grandezza del film sta anche nell'aver posto la solarità dei paesaggi emiliani sotto una luce macabra, per cui il contrasto fra spazi aperti e illuminati e luoghi chiusi e claustrofobici (la stanza in cui una delle protagoniste canta una nenia agghiacciante) risulta perfettamente funzionale.

    Per Fritz: lo sai che il finale del film è ispirato a un fatto vero?

    Per corpsegrinder jon: ti consiglio l'edizione curata da Lamberto Forni. "Zombi 2" dovrebbe piacerti, se hai amato gli altri tre film storicizzati di Fulci, quindi sì... potevi acquistarlo ad occhi chiusi. Comunque nel mio blog horror (quello in firma) ho scritto di recente una piccola recensione, se vuoi saperne di più su "Zombi 2" dalle un'occhiata.

    Per Melanio: il topic sui film horror è una delle mie prossime tappe, aspettami di là.
     
    #13
  14. luca2112

    luca2112
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    30 Aprile 2003
    Messaggi:
    5.078
    "Mi Piace" ricevuti:
    991

    28 Gennaio 2009

    Nel mio caso è il contrario :preferisco i film italiani , chiaro dopo aver visionato i classici del cinema horror estero ma approffondendo poco.
    Mentre quello italiano , e il discorso si può estendere a tutto il cinema "di genere" italiano, mi ha interessato maggiormente.
    Fortunatamente negli ultimi anni c'è stata una rivalutazione del cinema horror italiano con una valanga di ristampe in dvd permettendo di visionare pellicole che (a parte Argento) non venivano spesso citate e ciò anche grazie alle parole dei registi stranieri citati
     
    #14
  15. Melanio Vakyas

    Melanio Vakyas
    Expand Collapse
    Bella fregatura. Che fai?

    Registrato:
    9 Ottobre 2007
    Messaggi:
    5.647
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.395

    28 Gennaio 2009

    Sì, anche io come Luca preferisco gli horror italiani; anche perchè la "provincialità" italiana l'ho sempre trovata più interessante. Non mi interessano le grandi produzioni in genere, mi interessa appunto la "provincialità", cosa che non è solo del cinema italiano eh, ad esempio mi viene in mente L'Ultima casa a Sinistra di Craven. Argento in particolare è uno dei miei registi/sceneggiatori preferiti in assoluto, non solo in àmbito horror. Ho anche comprato la sceneggiatura di Profondo Rosso dal suo negozio di Roma gestito da Luigi Cozzi, figurati. :D
    .... e a metterci il carico ci sono i Goblin, uno dei miei gruppi preferiti in assoluto. Non è un consiglio che dò qua, perchè ci sono fior fior di appassionati che sanno, ma in generale un consiglio che mi sentirei di dare è quello di riscoprire le colonne sonore dei Goblin dei vari polizieschi: serie tv Notturno, Squadra Antigangster, Via della Droga etc...

    Tornando al mondo argentiano, Cozzi è un tipo gentile, ci ho parlato, ma meglio che si dedichi al negozio e lasci perdere i film. La ripugnantosità di Paganini Horror ormai è leggenda qua... :hihi:

    Il Maestro Bava è culVto! Anni '60 soprattutto per me. Sei Donne per l'assassino è un giallo mozzafiato, colonna sonora lounge di Carlo Rustichelli deliziosa. Il tema dà una sensualità molto in tema con l'ambiente dell'atelier e delle ragazze. Operazione Paura è uno dei miei horror preferiti, molto sinistro e molto coinvolgente, soprattutto il grande Giacomo Rossi Stuart. E poi via via gli altri.... uno che mi ha deluso invece è Gli Orrori del Castello di Norinmberga, ne parlai anche nel topic horror, mentre Shock è stato un grande sigillo che ha voluto regalarci prima di andare via....

    Lucio Fulci non l'ho seguito tanto negli horror. L'ho sempre seguito nei suoi classici gialli come "Non si sevizia...." e Sette note in nero appunto... :sbav:

    ... e poi qualche cosa qua e là, come qualche suo musicarello, qualche film della commedia all'italiana sceneggiato o co-sceneggiato da lui, e i film con Franco e Ciccio... :D

    Ah Dwight, quando ci ritroveremo nel topo dell'horror deve chiederti una cosa per un film. Lo vidi anni e anni fa, ricordo qualche scena ma non so il titolo e nessuno è mai riuscito ad aiturami. Forse raccontandoti qualche scena tu potresti aiturami... ;)
     
    #15

Condividi questa Pagina