Hellyeah: "Vinnie Paul era preoccupato di morire prematuramente"

inserito da
Hellyeah: "Vinnie Paul era preoccupato di morire prematuramente"

Il chitarrista degli Hellyeah Tom Maxwell afferma che Vinnie Paul Abbott era "sempre preoccupato" che la sua vita sarebbe finita prematuramente. Vinnie Paul è deceduto a giugno 2018 all'età di 54 anni nel sonno nella sua casa di Las Vegas. La causa ufficiale della morte è stata la cardiomiopatia dilatativa, un cuore ingrossato e una grave malattia coronarica. Vinnie ha registrato un totale di sei album con gli Hellyeah negli ultimi dieci anni, incluso il prossimo "Welcome Home" per il quale ha realizzato le tracce di batteria prima di morire. In una nuovissima intervista con "Midwest Beatdown"Maxwell ha affermato che Vinnie Paul era preoccupato che non sarebbe riuscito a vivere una vita lunga, soprattutto sulla scia di alcune altre morti di alto profilo che hanno scosso il mondo della musica.

 
"Ogni volta che c'è stata la morte di uno dei nostri colleghi - Chris Cornell e tutti gli altri - era sempre abbastanza sorpreso; era sempre preoccupato che gli sarebbe successo e controllava costantemente la sua pressione sanguigna. Vorrei solo che fosse andato dal medico prima. Forse avrebbero portuto prendere qualcosa. Non lo so. Perché aveva sempre davvero paura che questo genere di cose potesse succedere anche a lui, e così è stato. È strano."


Secondo Maxwell, lui e il resto dei suoi compagni di band stanno onorando Vinnie Paul continuando con gli Hellyeah.

"L'unica cosa che possiamo fare è mantenere viva la band e questa musica, amico, perché ci è voluto molto per farlo dopo che Dime è stato e ucciso. Vinnie era in una spirale discendente, era in missione per unirsi a suo fratello. E arrivammo noi e in un certo senso... Diceva che gli abbiamo salvato la vita. E quindi penso che se fossimo deboli e dicessimo: "Non possiamo più farlo", sarebbe piuttosto deluso da noi. Perché lui era felice con la band. Era uscito dalla sua spirale negativa. Quindi dobbiamo usarlo come esempio. E c'è anche una cosa su Vinnie. Ha avuto un impatto e un'energia così positiva. Era come essere in giro con Babbo Natale. Eri felice di stargli vicino. Ti sentivi bene. Ci ha fatto stare bene. Quindi c'è questa parte che ci manca. Ma stiamo facendo del nostro meglio, amico."