Intervista Ultra-Violence (Loris Castiglia)

inserito da
Intervista Ultra-Violence (Loris Castiglia)

Approfittando dell’uscita di ‘Operation Misdirection’, il nuovo album dei Torinesi Ultra-Violence, prodotto da Candlelight Records, abbiamo scambiato con loro qualche parola. Buona lettura.

Partiamo da una domanda banale: vi chiamate Ultra-Violence, questo mi rimanda la memoria ad un gruppo statunitense dal nome Vio-lence, autore dello splendido album ‘Eternal Nightmare’ del 1988. C’è qualche connessione o è solo una coincidenza? Visto il loro sound, possono essere stati fonte d’ispirazione?

È una coincidenza, il nostro nome proviene dal film “Arancia Meccanica” come si evince dalle copertine dei nostri album. I Vio-Lence sono una band che adoro e il loro sound ci ha influenzato parecchio, soprattutto l'album da te citato.

 

Vuoi raccontare la vostra storia ai lettori di TrueMetal.it? Quale sono i motivi che hanno portato la band alla formazione attuale, con due nuovi ingressi rispetto al passato?

La band si è formata nel 2009, eravamo tutti giovanissimi ed eravamo alle prime armi con i nostri strumenti. Ci sono voluti tre anni per affinare la nostra tecnica, scrivere, registrare e pubblicare il nostro EP di debutto “Wildcrash” nel 2012. Da allora lavoriamo a questo progetto con dedizione e senza sosta, questo ci ha permesso di ottenere un contratto con l'etichetta italiana Punishment 18 Records e successivamente con l'inglese Candlelight Records e di tenere concerti in quasi tutta Europa e in Giappone. Durante questo percorso siamo cresciuti come musicisti e come persone e alcuni di noi hanno deciso di intraprendere strade e progetti diversi per il futuro. Per questo motivo abbiamo avuto due cambi di line up tra il 2015 e il 2016. I nuovi membri, Andrea Lorenti (basso) e Francesco “Frullo” La Rosa (batteria), hanno innalzato il livello tecnico della band e rinvigorito l'entusiasmo all'interno della formazione.

UV Cover

Da pochi giorni è uscito il vostro ultimo album, dal titolo ‘Operation Misdirection’. Un’ opera aggressiva e, soprattutto, innovativa per atmosfere, sensazioni ed arrangiamenti. Parlateci di come è nato questo lavoro e di come siete riusciti a fare qualcosa di diverso dal canonico Thrash allargandone i limiti, pur rispettandolo.

È stato un processo naturale. Ci piace la musica veloce e aggressiva, ma anche quella melodica e atmosferica, per questo motivo non ci siamo posti dei limiti di genere musicale e abbiamo inserito elementi che non avevamo mai usato prima. Abbiamo bisogno di stimoli quando componiamo nuova musica ed è tutto molto più divertente e interessante quando esplori nuovi territori. Come diciamo spesso, scrivere un album puramente thrash sarebbe più facile e probabilmente riceverebbe meno critiche, ma non ci soddisferebbe artisticamente.

 

In generale, che temi tratta l’album e come nasce un brano degli Ultra-Violence? 

Ogni canzone tratta un tema diverso, abbiamo lavorato molto sui testi e sui messaggi che vogliamo trasmettere, molto più che in passato. I brani nascono prevalentemente da un riff di chitarra a cui ne vengono successivamente collegati altri per formare una struttura. La parte che richiede più tempo è proprio quella della formazione di una struttura funzionale, non banale e che riesca a contenere tutte le idee che abbiamo in mente per quella determinata canzone. Dopodiché perfezioniamo gli arrangiamenti di batteria e basso, per terminare poi con linee vocali, testi e assoli di chitarra.

 

In particolare: chi è l’acrobata?

Il testo della canzone dice: “Then like an acrobat I landed on my feet”. Quindi l'acrobata è chiunque abbia attraversato delusioni o difficoltà e sia riuscito a uscirne a testa alta e più forte di prima. Ho scritto il testo basandomi sulla delusione derivante da una delle mie ultime relazioni ed è stato un buon metodo per togliersi il peso dallo stomaco, la musica lo è sempre. Sono molto soddisfatto di questa canzone, nella quale ci siamo lasciati andare ad un punk/rock and roll molto energico e orecchiabile.

 

Riferendosi a ‘Nomophobia’, quanto è grave per voi la paura di rimanere isolati dalla rete dei telefoni cellulari?

La tecnologia è una cosa fantastica. È il modo in cui l'uomo la utilizza ad essere spaventoso. È evidente che i social media e tutto ciò che ne deriva ci stiano dirottando verso un punto di non ritorno. Quando ho pensato di scrivere un testo su questo argomento mi è sembrato strano che non l'avessero già fatto in molti, essendo una cosa così attuale. Riflettendoci ho capito che siamo tutti soggetti a questa dipendenza (o almeno la maggior parte di noi) ed è quindi complicato scrivere un testo che vada contro se stessi. Per questo motivo sono molto contento di questa canzone, perché è scritta in prima persona e non esclude il “narratore” dal problema, diventando una sorta di autocritica. Mi ha spinto a chiedermi “what have we become?” (per citare il testo) e a realizzare che anche io faccio parte di tutto questo e non riesco a farne a meno nonostante la consapevolezza di ciò che ne consegue.

 

UV 450

Come mai la scelta di proporre la cover di ‘Money for Nothing’ dei Dire Straits?

In ognuno dei nostri album è presente una cover. Questa volta volevamo metterci alla prova con una canzone che non fosse già di genere metal. Abbiamo considerato diverse canzoni rock (di cui non svelerò i titoli perché potremmo riutilizzarle in futuro) e abbiamo realizzato delle demo riarrangiandole e riproponendole nel nostro stile. “Money For Nothing” è stata una delle prime idee che abbiamo avuto e si è poi rivelata la scelta definitiva. Ci piace come suona in veste thrash metal e personalmente sono molto legato a questa canzone. Quando ero bambino mio padre ascoltava band come The Police, Dire Straits e Queen, e il riff iniziale di “Money For Nothing” è probabilmente uno dei primi riff di chitarra che ho sentito nella mia vita e ha catturato la mia attenzione fin da piccolo, spingendomi a imparare a suonare la chitarra e a scoprire la musica metal.

 

8) In Shining Perpetuityviene recitata una poesia in italiano, il cui testo fa entrare, per parole e stile di interpretazione, in un bosco scuro carico di sofferenza e disperazione. Perché la scelta di usare la nostra madrelingua?

Shining Perpetuity” è la prima canzone che abbiamo scritto per l'album e fino a poco prima di entrare in studio non avevamo esattamente idea di cosa fare di  quella atmosferica parte centrale. Abbiamo pensato di metterci un assolo di chitarra in clean, e penso avrebbe funzionato alla grande. Ma poi, con lo svilupparsi del testo, abbiamo considerato l'idea di metterci una parte narrata. La scelta di farlo in italiano è stata un azzardo, ma una volta registrata ci siamo resi conto che trasmette molta più sofferenza ed emozione e siamo tutt'ora curiosi di sapere come suona ad un orecchio che non ha familiarità con la nostra lingua. Mi piacerebbe dimenticarmi l'italiano per un attimo e provare ad ascoltarla.

 

Le copertine dei vostri lavori fanno tutte riferimento al film ‘Arancia Meccanica’. Cosa vi lega al capolavoro di Stanley Kubrick?

Il nostro nome è tratto dal film e utilizziamo “Funeral Music For Queen Mary” da sempre come intro per i nostri concerti. Non abbiamo mai scritto delle canzoni basate sul film e penso che mai lo faremo. Le tre copertine, realizzate da Ed Repka, fanno parte di una trilogia di album del quale “Operation Misdirection” è l'ultimo capitolo. Aspettatevi qualcosa di diverso in futuro.

UV immagine

Come vedete le sorti del Thrash Metal, soprattutto di quello Italiano? Continuerà a sopravvivere nonostante gli alti e bassi che lo perseguitano da trentacinque anni?

Non è un ottimo periodo per il thrash metal in Italia, ma non scomparirà. Ci sono sempre nuove band e uscite valide provenienti dal nostro paese. Diciamo che esistono molte altre nazioni in cui il questo genere e di gran lunga più rispettato e apprezzato.

 

Domanda per i giovani che vogliono suonare: quanto è impegnativo far parte di un gruppo come gli Ultra-Violence?

Molto. Sono più gli investimenti che i guadagni e non puoi permetterti di avere un lavoro fisso. Ma se è quello che sogni di fare della tua vita e sei determinato al 100%, troverai un modo per farlo funzionare. Lavori saltuari, sacrifici, rinunce, tutto al servizio della band. Ma le soddisfazioni sono tante e valgono più di ogni altra cosa.

 

I vostri progetti? Avete in programma delle attività live per promuovere l’album?

Sì, stiamo lavorando a dei tour per il 2019. Vorremmo suonare dove non siamo mai stati e dove sappiamo di avere dei fan che vogliono vederci dal vivo. America Latina, Stati Uniti e Canada sono i paesi che vorremmo raggiungere. Speriamo non manchi anche qualche tour e festival in Europa.

 

Chiudiamo questa breve intervista ringraziando gli Ultra-Violence della loro disponibilità e lasciando a loro i saluti ai lettori di TrueMetal.it

Grazie a voi di TrueMetal.it e grazie a tutti quelli che ci seguono e ci supportano, a presto!