Marduk: Morgan, non mi interessa il politically correct e non permetto a nessuno di dirmi cosa fare

inserito da
Marduk: Morgan, non mi interessa il politically correct e non permetto a nessuno di dirmi cosa fare

Intervistato da Jerry di RautaMorgan Steinmeyer Håkansson dei Marduk ha parlato delle critiche ricevute per gli argomenti trattati con la band, del fatto di aver dovuto annullare concerti per aver oltrepassato il politically correct e dei testi a sfondo satanista specie nei primi album.

Trovo tutto ciò divertente. In un certo senso mi piacciono i problemi, li amo. Tutta la vita è un cercare di superare i problemi che si possono presentare. Non mi piegherò mai alle persone che mi dicono cosa posso o non posso fare, che non posso parlare dell'uccisione dei cristiani, di violenze o cose del genere. Se parlo di tematiche relative alla Seconda Guerra Mondiale, per esempio, non sopporto che mi si venga a dire che ho oltrepassato la linea. Non è la mia vita. Fanculo. Non me ne frega niente. Abbiamo sempre fatto quello in cui credevamo e non me ne frega un cazzo di quello che hanno a dire gli altri. Non leggo e non me ne frega. Per me è tutta una questione di superare l'idiozia. 

Non mi preoccupa (la cancellazione degli show per non essere politicamente corretto, ndr). Se è un grosso problema rimarrà tale. Potremmo dover annullare date qua o là, ma non me ne frega un cazzo, perché non permetterò mai agli altri di dirmi di agire in un certo modo perché è il modo giusto di fare le cose. Non ci adeguiamo al pensiero delle persone, facciamo solo quello in cui crediamo. Questa è la cosa più importante. 

Riguardo ai testi satanici, tutti noi invecchiamo e guardiamo le cose con una prospettiva diversa. Tuttavia se andate a guardare i nostri testi vi renderete conto che non sono cambiati poi tanto. Se mi guardo indietro, agli album fatti in passato, quando provo i vecchi pezzi, a volte mi sorprendo se ripenso a quei testi. Forse hanno assunto per me un significato maggiore ora di quanto non facessero all'epoca. 'Mi parlano' in una maniera differente.