Metallica: Lars Ulrich "Ci sentiamo connessi tra noi come mai prima d'ora"

inserito da
Metallica: Lars Ulrich "Ci sentiamo connessi tra noi come mai prima d'ora"

In una nuovissima intervista con il San Francisco Chronicle, il batterista Lars Ulrich ha parlato della longevità della band e dell'incredibile successo commerciale 38 anni dopo la nascita del gruppo.


"Questo potrebbe essere il miglior tour che abbiamo mai fatto in Europa. Non per i numeri, anche se sono pazzeschi. Il motivo per cui questo è il tour migliore è perché ci sentiamo più connessi internamente di quanto non abbiamo mai fatto prima. Siamo collegati più con il pubblico e con i fan e le persone che vengono ai concerti per condividere l'esperienza. Nel corso di un'estate come questa, ti ritrovi di tanto in tanto, davanti a una bevanda a tarda notte o alla compagnia giusta, cercando di intellettualizzare o diventare eccessivamente analitico sul perché al momento sta funzionando. È molto difficile per me chiarirlo."

"Ci sono alcuni equilibri e confini che rendono felici tutti e rendono i Metallica una band migliore in termini di elementi fisici, elementi mentali e tutto questo. Sembra che ci sia un apprezzamento maggiore per queste nuove canzoni inserite nei set. I social media hanno sicuramente aiutato a coinvolgere molti fan nuovi e più giovani che stanno sperimentando i Metallica per la prima volta. Ci sono così tanti 12, 14, 16enni che vengono agli show. Quando guardo fuori, sembra che sianp almeno il 50 percento dei fan. Sembra ci sia anche una 50-50 dal punto di vista del genere maschile e femminile. Tutto ciò è folle rispetto a 20 anni fa, quando c'erano soprattutto ragazzi di 18 anni in magliette nere. Lo dico con nient'altro che amore. Tutto è trasformato in quest'altra cosa che è multigenerazionale. È super bello sedersi sul palco, prendere tutto e andare, Merda! Chi avrebbe mai pensato che tra 30 anni sarebbe potuto succedere?"

 

Ulrich ha anche parlato del fatto che non molte band che hanno iniziato quasi quattro decenni fa possono suonare per quasi 80.000 persone a notte in alcuni paesi.

"È decisamente fuori di testa. Man mano che invecchi e ti accorgi della tua mortalità e dei tuoi problemi e così via, ogni giorno mi alzo in piedi e provo ad aprirmi gli occhi e ad accettarlo. Ovviamente, questa non è la prima volta che suoniamo negli stadi in Europa, ma non ricordo l'ultima volta che abbiamo suonato negli stadi in Europa, seduto lì dicendo: "Merda! Guarda tutte quelle persone! È incredibile che la musica possa ancora essere così trasformativa e avere ancora questo potere di riunire le persone - non solo per le persone sul palco ma per tutti gli spettatori. Non ho mai pensato a nessuna di quelle cose. Passo grande parte della mia vita quotidiana in tour, e sono solo riconoscente e grato per come questa cosa si è trasformata. Capisco che ha qualcosa a che fare con la crescita e la maturazione e qualsiasi altra parola tu voglia allegare a quel processo."