Mike Portnoy: "Gli Avenged Sevenfold mi hanno fatto capire che c'era di più oltre ai Dream Theater"

inserito da
Mike Portnoy: "Gli Avenged Sevenfold mi hanno fatto capire che c'era di più oltre ai Dream Theater"

Durante un'apparizione nell'ultimo episodio di "Drinks With Johnny", lo show su Internet condotto dal bassista degli Avenged Sevenfold Johnny Christ, Mike Portnoy ha parlato della sua decisione di lasciare i Dream Theater mentre era in tour con gli Avenged stessi nel 2010 in seguito alla scomparsa del membro fondatore  Jimmy "The Rev" Sullivan.

 

"Penso che io e gli AVENGED SEVENFOLD eravamo entrambi ciò di cui avevamo bisogno l'uno per l'altro in quel momento. Voi ragazzi avevate bisogno di rimettervi di nuovo in piedi... È così che mi sentivo, come se fossi lì per aiutarvi, ragazzi. E voi, che lo sapevate o no, eravate lì per me, perché avevo 25 anni di carriera nei Dream Theater a quel punto, ed ero fritto, ero bruciato e avevo solo bisogno di una pausa. E andare in tour con voi ragazzi è stato rigenerante per me, e mi ha mostrato che c'è di più là fuori, non solo la piccola bolla dei Dream Theater in cui ero stato per 25 anni. Quindi anche voi ragazzi siete stati davvero bravi con me in quel momento; mi avete aperto gli occhi su altre cose.

Ho deciso che avevo bisogno di una pausa da quei ragazzi; dovevo essere in grado di esplorare altre cose, sia con voi ragazzi o con qualcun altro. E lo sapevo, sapevo che non avrebbe funzionato necessariamente tra voi e me, perché non sapevo se foste pronti a prendere un impegno, e sapevo che l'intera faccenda dei DREAM THEATER sarebbe diventata un dramma con tutti i titoli dei giornali. Ogni volta che ho fatto un'intervista è diventato un fottuto titolo. È stato orribile, e credimi, non l'ho mai voluto. Sono sempre stato un tipo da social media - è sempre stato così - e so che voi ragazzi tenete quella merda sotto controllo. Potrei dire come accettavo il fatto che voi voleste rimanere concentrati sull'eredità di Jimmy e su qualunque cosa avreste fatto dopo, e capisco che il momento non era giusto. Ma per me, non importava. Se non sarebbe stato con voi, dovevo comunque fare altre cose con altre persone - era proprio quello di cui avevo bisogno nella mia vita e nella mia carriera.


I Dream Theater mi stavano addosso per prendere impegni, perché volevano andare avanti. E io non ero pronto a prendere quegli impegni. Quindi, comunque, quello che è successo è successo. Ho finito dopo un anno con voi ragazzi, e poi a quel punto, voi siete andati avanti e io ho continuato a fare le mie cose. Sono passati più di nove anni e ho dozzine di gruppi diversi e progetti. Da quel momento ho pubblicato letteralmente 40 album, mentre i DREAM THEATER - e non lo dico per criticarli - hanno pubblicato solo quattro album da quando me ne sono andato. Dovevo essere in grado di suonare con METAL ALLEGIANCE e FLYING COLORS. E poi sono andato a suonare con i TWISTED [ SISTER ] che avevano avuto una situazione simile alla vostra con AJ [ Pero ] morto. Dopo l'esperienza che ho avuto con voi, andare con i TWISTED è stata una cosa molto simile: quei ragazzi stavano ancora soffrendo, volevano onorare la sua eredità. Quindi sapevo come gestirlo. E ho anche tenuto concerti con gli STONE SOUR e tutte queste altre band. Quindi è stata una corsa incredibile e non cambierei nulla.


Ho questo tatuaggio qui che dice 'No Regrets'. Tutto accade per una ragione. E se ha funzionato o meno con voi ragazzi, o se ha funzionato o meno con la situazione nei DREAM THEATER, tutto accade per una ragione. E non potrei essere più felice del percorso che ho seguito da quell'esperienza con voi. E sono grato per l'esperienza che ho avuto con voi, ma sono anche grato per il modo in cui avete capito che voi ragazzi dovevate continuare per la vostra strada. Brooks [ Wackerman ] è fantastico - è perfetto per voi ragazzi. Quindi penso che tutti siano felici alla fine."