Skálmöld (Þráinn Árni Baldvinsson)

inserito da
Skálmöld (Þráinn Árni Baldvinsson)

Data la recente uscita del nuovo album Sorgir (e delle 4 date in Italia), Truemetal ha incontrato Þráinn Árni Baldvinsson, chitarrista degli Skálmöld

Ciao Þráinn e benvenuti su Truemetal.it. Prima di tutto, lasciami dire che penso che il tuo nuovo album Sorgir sia uno dei lavori più maturi degli Skálmöld fino ad oggi!

Grazie per le gentili parole. Siamo davvero contenti di questo album.

Poiché è la nostra prima intervista da parte nostra, raccontaci come vi siete conosciuti.

La band è stata fondata nel 2009, alcuni di noi si conoscevano e altri no. Siamo diventati grandi amici subito e ci piace essere in questa band. Io e Björgvin, il nostro cantante, siamo parenti e io e Jón, il batterista, siamo amicissimi da milioni di anni. Snæbjörn e Baldur sono fratelli e Gunnar Ben l'ho incontrato suonando per un'altra band.

C'è un sacco di gruppi, anche famosi, dall'Islanda, ma in tutto siete solo 300 mila. A volte mi viene da pensare che ci siano più band che persone sull'isola. Come funziona? Ogni abitante dell'isola è coinvolto in 15 progetti musicali?

Sì, vero, ci sono moltissime band islandesi. La musica è ciò che ci ha tenuto in vita su questa roccia da quando i Vichinghi sono arrivati. Non avevamo navi per andarcene, quindi abbiamo passato il tempo facendo canzoni e storie spaventose. Roba buona, insomma...

A proposito. Riuscite a vivere semplicemente "suonando e facendo tour" o avete delle attività collaterali o lavori normali?

Abbiamo altre attività. Io insegno musica, ho la mia scuola di musica. Essere in una band non ci rende ricchi al momento.

Tornando a Sorgir, ho la sensazione che seguiate una tendenza iniziata in Vogguvisur Yggdrasil. Il vostro sound sta diventando un po' meno "folk" e un po' più strutturato (lo trovo leggermente progressive) - sei d'accordo?

Beh, non ci siamo mai considerati una band folk metal. Ma ascoltiamo un sacco di cose progressive, Opeth, Rush, ecc., Ma queste cose accadono. Ascoltiamo anche Slayer, molto! Alcune cose traspaiono nella nostra musica, altre no, ma credo che tutto faccia brodo, giusto?

In questo nuovo album ho anche la sensazione che Björgvin stia definitivamente diventando il cantante principale della band. È così? Perché l'avete scelto?

In realtà Björgvin è sempre stato il nostro cantante principale.

Di cosa parlano i testi dell'album?

Sono basati sulle nostre storie popolari. Storie di fantasmi e creature dai racconti dell'Islanda. Usiamo quell'elemento e scriviamo nuove storie su di loro.

Avete mai pensato di usare l'inglese? (Personalmente non mi piacerebbe)

Abbiamo fatto alcune cover (brani bonus per il nostro ultimo album) in cui cantiamo in inglese ma non lo faremo mai un album degli Skálmöld in inglese.

Siete in sei e la formazione è la stessa dal 2009. Come fate a stare insieme?

Siamo sinceri, ci parliamo, ci rispettiamo e quando qualcuno ha bisogno di un po' di tempo libero, lo aiutiamo. Se qualcuno si sente giù, gli altri lo prendono in braccio. Siamo tutti insieme sulla stessa barca e facciamo del nostro meglio per non essere stronzi.

L'Italia è il paese in cui avete più date nel prossimo tour. Vi siete innamorati di noi?

Sì, naturalmente. Dal momento in cui ho suonato per la prima volta in Italia, nel tour di Heidenfest del 2011, ho amato l'Italia. Le persone sono davvero molto belle, il vino è fantastico, la storia è ovunque, mi piace!