Visions Of Atlantis: Clémentine Delauney, "vogliamo ridefinire i confini del metal sinfonico"

inserito da
Visions Of Atlantis: Clémentine Delauney, "vogliamo ridefinire i confini del metal sinfonico"

La formula dello stile nel metal sinfonico è spesso duplicata da band provenienti da tutti gli angoli del globo che presentano elementi simili nella formazione, di solito con una donna al microfono unita a un gruppo di supporto prevalentemente maschile. Sebbene questa configurazione sia generalmente il percorso scelto dai più recenti act sinfonici, è anche un'arma a doppio taglio: i detrattori spesso indicano rapidamente le somiglianze tra le varie band.
Secondo la frontwoman dei Visions Of Atlantis Clémentine Delauney, la sua band è impegnata a "ridefinire i confini" del metal sinfonico nella speranza di espandere il loro sound e la loro base di fan. In una recente intervista con la Loud TV francese (vedi video sotto), alla Delauney è stato chiesto come si è espanso il suo ruolo da quando è entrata a far parte della band nel 2013, e cosa significa per lo sviluppo sonoro della band.


"Dal precedente disco, "The Deep & The Dark", mi è stata data la straordinaria possibilità di prendere parte all'intero processo di scrittura, alla scrittura dei testi", ha detto. "Mi sentivo davvero come se stessi iniziando a creare la mia band potendo davvero trasmettere le mie idee, le mie emozioni, le cose di cui volevo davvero parlare in tutta la nostra musica. È successo ancora di più con il nostro nuovo disco, "Wanderers", perché ero ancora più coinvolta nello scrivere le melodie. Ho scritto una canzone personale per questo disco; la titletrack è una mia canzone. Con il tempo, mi sento davvero tutt'uno quando sono sul palco, eseguo queste canzoni e canto i testi che ho scritto che sono cose che sono veramente connesse con ciò che sono. Mi sento come un'anima sul palco con un messaggio da consegnare. Non ci sono più io e la musica. È un insieme adesso.

"Penso che sia diventato un nuovo marchio per VISIONS OF ATLANTIS non attenersi alla rigorosa definizione di come suona il metal sinfonico. In realtà vorremmo ampliare il genere e lo stile e riuscire a dire: "Facciamo metal sinfonico. Ma il metal sinfonico può suonare con tutti questi tipi di canzoni. Non solo con la musica bombastica e altamente orchestrata ". Abbiamo tracce come questa, la traccia di apertura 'Release My Symphony'. È la traccia più lunga dell'album. È una traccia molto epica con molte cose che succedono con gli elementi orchestrali, ma con un tipo più classico di canto. Questo rappresenta totalmente il genere metal sinfonico. Passiamo da quello anche alle canzoni più intime. Questo è ciò che siamo in grado di creare. Questo è ciò che vogliamo condividere anche con le persone. Siamo una band sinfonica e vogliamo aprire il genere. In qualche modo ridefinire i suoi confini."