Recensione: All for You

inserito da
Disco numero undici della carriera dei canadesi guidati come sempre dalla chitarra (su questo disco anche bassista) Jeff Waters, una carriera quella degli Annihilator costellata di alti e bassi, cosa che probabilmente non ha mai permesso al combo nord americano di fare un salto di qualità definitivo.
Questo nuovo “All for You” è aperto proprio dalla title track, che dopo un inizio affidato ad un buon giro di basso e ad un potente riff di chitarra si dipana su binari che mi hanno riportato alla mente certe cose dei Faith No More, nei momenti più melodici, vedi il ritornello e lo stacco centrale, e i Gwar  nelle parti più tirate, una canzone che francamente mi ha lasciato molto amaro in bocca e non mi ha per niente convinto, così come non mi ha convinto la voce del nuovo singer Dave Padden, piuttosto bravo nelle parti melodiche ma decisamente non a suo agio nelle parti più potenti e veloci.
Purtroppo questa nuova fatica del combo canadese è segnata da grossi alti e bassi, e se canzoni come “Dr. Psycho”, che dopo una partenza oscura e giocata sulla chitarra di Jeff assale l'ascoltatore con riff potenti e veloci in pieno stile Annihilator, “Bled”, buon mid tempo anche se forse un po' troppo “moderno” per i miei gusti, “Both of Me”, altro brano in cui gli Annihilator si ricordano del loro passato, sfoderando una gran canzone giocata sull'alternanza di parti lente ed arpeggiate e accelerazioni al fulmicotone, “Rage Absolute”, probabilmente il pezzo più tirato del disco, peccato solo che la voce del già citato Dave Padden continui a non convincermi appieno, e la conclusiva strumentale “The Sound of Horror”, altro brano che rientra appieno nella tradizione del gruppo, sono canzoni che risultano comunque coinvolgenti e ben scritte, dall'altra parte ci sono invece brani come i le due ballads “The One” e “Holding on”(cantata dal solito factotum Jeff Waters), quantomeno banali e scontate, e secondo me anche piuttosto brutte, “Demon Dance”, che musicalmente non è nemmeno brutta, anzi, ma è a mio parere rovinata da una prestazione vocale davvero non all'altezza, che risulta addirittura fastidiosa, e “The Nightmare Factory”, davvero troppo “nu” per i miei gusti, credo che anche chi apprezza certe sonorità possa trovare decisamente di meglio di una canzone del genere.
I suoni sono piuttosto buoni, anche se avrei preferito una maggiore potenza, molto spesso infatti le canzoni non riescono ad avere l'impatto giusto proprio a causa di suoni troppo “morbidi” e poco potenti.
Tecnicamente la band è su ottimi livelli, a parte il cantante ovviamente che proprio non mi piace, il batterista Mike Mangini è una sicurezza assoluta, così come Jeff si conferma un chitarrista di primissimo ordine, ed anche al basso riesce a sfoderare una prestazione di ottimo livello.
Purtroppo sono troppi gli alti e bassi che compongono questo “All for You”, il che va ovviamente ad intaccare seriamente quella che è la resa complessiva del lavoro, sfortunatamente gli Annihilator sono fatti così, prendere o lasciare, io in questo caso mi limito a selezionare ogni volta che ascolto il cd le tracce che mi piacciono, ma forse sarebbe il caso che Mr. Waters selezionasse più attentamente i pezzi da mettere sui suoi dischi.
 
60