Recensione: And The Hordes Stood As One

inserito da
Dopo un demo, svariati 7 pollici e 4 release da studio i belga Ancient Rites arricchiscono ulteriormente la loro esperienza con “And the hordes stood as one”, un buon disco dal vivo, caratterizzato da suoni discreti, ottima tecnica individuale e gran resa per tutti i pezzi.
Come per ogni live che si rispetti, il disco può essere anche inteso come una sorta di best of, anche se, a onor del vero, la metà dei pezzi viene dall'ultimo (e acclamato) “Dim Carcosa”.

Questa scelta forse potrà far storcere il naso ai die hard fans della prima ora, che comunque si consoleranno con il fatto che i restanti otto brani vanno a pescare equamente nei full lenght precedenti e negli Ep precedenti.
Le registrazioni hanno avuto luogo a Biebob in Belgio il 14 aprile 2002, quindi non si tratta di estratti selezionati da vari concerti ma di un'intera prestazione dal vivo, il che arricchisce il mio rispetto nei confronti della band per la precisione e fedeltà di esecuzione.

Sebbene le song tratte da “Dim Carcosa” siano indubbiamente le più atmosferiche ed epiche, le artigliate morali di pezzi come “Blood of Christ” sibilano nell'aria come frustate in eterna memoria della blasfema gloria passata.
Il finale poi è qualcosa di esaltante, Mother Europe, Evil Prevails e Fatherland incalzano in un crescendo impressionante a dimostrare che i vecchi pezzi sono tutt'altro che obsoleti.

La confezione è ben curata, il booklet è arricchito da piacevoli immagini live di Gunther e compagnia, tratte dal DVD che è uscito in parallelo a questa versione CD.
In definitiva un buon acquisto sia per i conoscitori del gruppo che per i profani, un'ennesimo centro per la prolifica Hammerheart.

  1. The Return
  2. Exile (Les litanies de Satan)
  3. Victory or Valhalla (Last Man Standing)
  4. Total Misanthropia
  5. Aris
  6. And the Horns Called for War
  7. North Sea
  8. Blood of Christ
  9. Longing for the Ancient Kingdom
  10. Götterdämmerung (Twilight of the Gods)
  11. Ode to Ancient Europa
  12. (Het Verdronken Land van) Saeftinge
  13. On Golden Fields (De Leeuwen Dansen)
  14. Mother Europe
  15. Evil Prevails
  16. Fatherland
 
75