Recensione: Beethoven's Last Night [Reissue]

inserito da

Approda anche sul mercato europeo, ad esattamente dieci anni di distanza dalla sua release, Beethoven's Last Night, forse il miglior disco composto fino ad ora dalla Trans-Siberian Orchestra. Mentre la band festeggia degnamente la ricorrenza con un tour in cui ripropone dal vivo il concept nella sua interezza, con una serie di date che, nella prima volta assoluta, arriveranno a toccare anche il territorio europeo, la BMG, in maniera piuttosto furba, decide di ristampare il disco in questione, offrendo all'ignaro fruitore di musica una versione che, rispetto a quella originale ed escluso l'artwork, non cambia di una virgola.

A livello di contenuti, quindi, non c'è nessuna variazione: il disco resta tale e quale al gioiellino uscito dieci anni fa (per il quale vi rimandiamo alla recensione relativa), con la medesima tracklist, senza l'aggiunta della benché minima bonus track (tanto per giustificare la sua reissue) ed un nuovo artwork che è, a conti fatti, notevolmente più brutto. "E ma allora che senso ha?" si chiederanno in molti. La risposta arriva subito, secca ed anche quasi scontata: non ha nessun senso. Sarebbe stato forse più logico aspettarsi un'operazione del genere per un disco ormai fuori commercio, e questo non è assolutamente il caso di Beethoven's Last Night. Il prodotto in questione, per chi avesse ancora dei dubbi a riguardo, è tutt'ora reperibile nella sua precedente versione e, di fatto, questa reissue è da considerasi solamente inutile, contando anche che non aggiunge nulla di nuovo nemmeno dal punto di vista del suono (già praticamente perfetto di suo).
Insomma, chi volesse avvicinarsi per la prima ad un disco di tale caratura, o chi, magari, ha intenzione di inserirlo nella propria collezione, non può fare altro che tralasciare tranquillamente questa versione (più costosa, tra l'altro), acquistando direttamente le precedenti edizioni a prezzi nettamente più contenuti, contando soprattutto che si tratta del maggiore successo commerciale della TSO.

Ci troviamo, quindi, di fronte all'ennesima reissue praticamente senza senso. I più saggi non potranno far altro che ignorare quella che è una chiara (e forse anche furba) operazione commerciale, tenendo conto che le versioni precedenti, ci preme ribadirlo, sono ancora disponibili a prezzi di gran lunga inferiori.

Angelo 'KK' D'Acunto

Discutine sul forum nel topic relativo

Tracklist:

01 Overture
02 Midnight
03 Fate
04 What Good This Deafness
05 Mephistopheles
06 What Is Eternal?
07 The Moment
08 Vienna
09 Mozart-Figaro
10 The Dreams Of Candlelight
11 Requiem (The Fifth)
12 I'll Keep Your Secrets
13 The Dark
14 Für Elise
15 After The Fall
16 A Last Illusion
17 This Is Who You Are
18 Beethoven
19 Mephistopheles' Return
20 Misery
21 Who Is This Child?
22 A Final Dream
 

 
50