Recensione: Beyond Resurrection [2 Dvd e 1 Cd]

inserito da

L’ultimo nato in casa Death SS porta in dote uno splendido quadro realizzato dal Maestro Emanuele Taglietti, celebre disegnatore di fumetti – ma non solo - che si può ammirare sul retro della confezione aprendo le tre ante del cartonato digipak griffato Self Distribuzione/Lucifer Rising ove alloggiano due Dvd e un Cd. Beyond Resurrection, nomen omen, tratta in maniera totalizzante quanto appartiene al seguito dell’album Resurrection, per l’appunto, tuttora l’ultimo parto della discografia del Combo Maledetto, risalente al 2013. Disco che ha segnato una sorta di resurrezione dopo la fine di una parabola precedente lunga trent’anni e inguainata in sette stazioni, ops… sigilli, culminata nel 2006 con The Seventh Seal e già ampiamente trattata all'interno di 1977 - 2007, 30 Years of Horror Music.

Il primo Dvd contiene i videoclip di tutte la canzoni di Resurrection, molti totalmente inediti fra i quali si fa notare quello realizzato a cartoni animati riguardante la traccia "Bad Luck" e si completa con due special feature. La prima, Beyond the Resurrection, è un filmato ove il Líder Máximo della band, Steve Sylvester qui sua intervista del 1982 - rivela la genesi di ogni brano accompagnandola con vari aneddoti mentre la seconda, Tv and Movie Trailers, raccoglie come da titolo dei trailer di film afferenti le varie apparizioni della band o del solo Sylvester, fra i quali spicca quello del famoso Ispettore Coliandro, con la puntata intitolata 666 andata in onda su Rai 2.

Il secondo Dvd immortala i Death SS live lungo il Resurrection Tour che avvenne fra il 2013 e il 2014,  pescando a piene mani dai filmati tratti dal concerto-evento tenutosi il 18 ottobre 2013 presso il Live Club di Trezzo sull’Adda, lasciando in netta minoranza le riprese effettuate nelle altre date, comunque presenti, beninteso. Lavoro dal taglio moderno nel quale è bandita la staticità, con innumerevoli inquadrature che cambiano di continuo e dal ritmo sostenuto che rende appieno le potenzialità dei Death SS in chiave concerto. Un prodotto ben bilanciato, insomma, ove viene dato il giusto spazio alla teatralità che come da consuetudine accompagna il gruppo senza mai calcare la mano, però, privilegiando l’impatto globale, cioè il risultato ottenuto della sommatoria fra musica espressa e lo spettacolo che la accompagna. Finito il concerto sulle note di “Heavy Demons” seguono due extra. Beyond the Tour, il primo, vede impegnato Gabriele Lipani della Deadly Sin Records nonché responsabile del merchandising della band – qui sua intervista del 2014 – in una simpatica ricostruzione delle varie date del Resurrection Tour mentre il secondo, dal titolo The Freddy Delirio's Report, riporta aneddoti, filmati e situazioni vissute dal gruppo durante la data dello Sweden Rock Festival 2014 per voce dello stesso tastierista dei Death SS, durante la kermesse che vide i nostri condividere un bill composto, fra gli altri, da Black Sabbath, Alice Cooper, Megadeth e W.A.S.P. Azzeccata la scelta di utilizzare in apertura e chiusura del report le particolarissime note del brano "The Glory of the Hawk”, uscito con il singolo “Dionysus” nel 2014.             

Riguardo il cd audio, possente la “botta” assicurata dai dieci pezzi dal vivo, con un suono che rende giustizia ai Death SS nella loro dimensione palco. La carica metallica che in veste live assumono in particolare “The Darkest Night” e “Dionysus” permette anche a questi brani dalla genesi recente di non sfigurare accanto a classiconi come “Peace of Mind”, “Vampire” e l’inno “Heavy Demons”, uno dei pezzi più amati dei Death SS e NON solo dal pubblico più tradizionalista. Traccia non a caso posta alla fine, a suggellare un momento artistico fondamentale in maniera imperitura.       

Appuntamento imperdibile per il 10 settembre prossimo, presso il Live Club di Trezzo sull’Adda, in occasione del Metal Italia Festival, per quello che potrebbe essere l’ultimo concerto della gloriosa storia dei Death SS di sempre. 

Death SS, 1977-2017: quarant’anni di milizia metallica e non sentirli…

 

Stefano “Steven Rich” Ricetti

 

PS: la recensione fa riferimento all’edizione 2 Dvd più Cd di Beyond Resurrection, esiste anche una versione con sempre i 2 Dvd e le tracce dal vivo su vinile, quest’ultima accompagnata da un poster esclusivo.

 

death ss beyond resurrection

 

 

 

 

 
80