Recensione: Blood Magick Necromance

inserito da

Ultimamente i Belphegor sembrano essere piuttosto prolifici, vista la rapidità con cui riescono a sfornare un full-length dopo l'altro. Anche se, mentre da una parte questo non può far altro che rendere felici i seguaci della band austriaca, dall'altra potrebbe anche preoccupare chi, anche da loro, si aspetta sempre dischi composti senza fretta eccessiva e, di conseguenza, qualitativamente su livelli piuttosto alti. Blood Magick Necromance è, infatti, il terzo studio album pubblicato in quasi tre anni, nonché il nono ufficiale di una carriera che si appresta a tagliare il traguardo dei vent'anni d'attività.

Un disco che, da una parte, riprende il discorso già iniziato con l'ottimo Bondage Goat Zombie e proseguito con il comunque buono Walpurgis Rites - Hexenwahn, mentre dall'altra aggiunge anche qualcosa in più, come nel caso delle melodie decisamente più marcate già rispetto al disco precedente. Melodie mai eccessivamente ruffiane, ovviamente, ma che mirano soprattutto ad imprimere un tono ancor più epico alle composizioni, senza troppo snaturare la forma di un sound che, oramai, ha raggiunto una sua definizione più o meno ben precisa. Il tutto, nonostante le tempistiche di registrazione piuttosto veloci, è curato come al solito con una certa precisione che, ancora una volta, dà modo ai Belphegor di mantenersi su livelli qualitativi piuttosto buoni. La ciliegina sulla torta è, o quantomeno dovrebbe essere, una produzione affidata ad un Peter Tägtgren che, oltre ad un sound moderno e robusto come non mai, aggiunge a Blood Magick Necromance un tocco decisamente svedese che si fa sentire chiaramente in ogni singola traccia.
Eppure la tracklist, a conti fatti, sembra essere divisa esattamente in due tronconi ben distinti, dove la qualità della prima parte resta fedele a quel che ha fatto la band fino ad oggi. Il problema risiede invece in una seconda sezione che, senza comunque essere un fallimento completo, qualitativamente appare fin troppo inferiore, soprattutto contando che il singolo Impaled Upon The Tongue Of Sathan riesce anche ad essere un pezzo piuttosto noioso. La prima parte, come dicevamo, è quella che quindi si difende meglio, con brani come l'opener In Blood - Devour This Sanctity e l'incedere epico di Rise To Fall And Fall To Rise, oppure i mid-tempo di Discipline Through Punishment o la violenza spropositata della stessa title-track: pezzi ispirati e più che convincenti, valorizzati come si deve anche dalla produzione degli Abyss Studios di Tägtgren.

Un disco comunque buono, questo sì. Blood Magick Necromance, nonostante una seconda parte che in alcuni casi lascia veramente a desiderare, riesce ugualmente a difendersi piuttosto bene, anche in termini di longevità. Un album che comunque, già rispetto ai precedenti, suona decisamente più "morbido", grazie anche all'abbondanza di parti melodiche, mantenendo intatto, in ogni caso, l'ormai classico trademark dei Belphegor.

Angelo 'KK' D'Acunto

Discutine sul forum nel topic relativo

Tracklist:

01 In Blood - Devour This Sanctity
02 Rise To Fall And Fall To Rise
03 Blood Magick Necromance
04 Discipline Through Punishment
05 Angeli Mortis De Profundis
06 Impaled Upon The Tongue Of Sathan
07 Possessed Burning Eyes
08 Sado Messiah

 
74