Recensione: Eviliver

inserito da

Gli Eviliver sono un gruppo di Carrara, dedito fin dagli inizi alla proposizione di un sound classico, diretto figlio di band come Iron Maiden, Metallica, Black Sabbath, Manowar e Judas Priest. Il demo contiene cinque pezzi, discendenti senza pudore soprattutto dalla Vergine di Ferro, periodo d'oro Paul Di'Anno. Si, proprio al vecchio Paul si ispira il cantante Jonathan Lisci e ci riesce abbastanza bene. Quello che fa piacere ascoltando il demo degli Eviliver è la genuina passione da parte di cinque ragazzi giovani alle care, intramontabili, sonorità degli anni Ottanta.

I pezzi proposti sono tutti di impatto, non vi sono filler e la produzione è soddisfacente, particolare che permette ai Nostri di far sentire in modo adeguatamente sufficiente i singoli strumenti in maniera pulita. A mio avviso l'highlight del lavoro risulta essere In the Rage of the Battle: un brano di alto livello molto ben strutturato, che permette a tutti e cinque i componenti di sfogarsi con il proprio strumento, a partire dall'ipnotico arpeggio iniziale.

In definitiva inevitabili sono, ovviamente, i peccati di gioventù, ma la strada è quella giusta e la voglia di emergere pure… Consiglio al singer di sforzarsi nell'avvicinarsi ancora di più a Di'Anno, visto che in giro di emuli credibili attualmente non ce ne sono, curando soprattutto le parti più “maschie” dell'interpretazione.      

Suggerisco tranquillamente gli Eviliver a tutti i (tanti) nostalgici degli Iron Maiden degli esordi, quelli di “Iron Maiden” e “Killers”. Negli ultimi anni di gente che ci ha provato ce n'è stata molta ma, credetemi, se fanno il salto di qualità, questi qua faranno mangiare la polvere a tutti…

Stefano “Steven Rich” Ricetti        

 

 
74