Recensione: Here Comes The Flood

inserito da

I Fair Warning sciolti e riproposti immediatamente sotto altra forma. Questo il succo della biografia della band teutonica. Dopo le dipartite di Tommy Heart (voce), Ule Ritgen (basso) e Andy Malacek (chitarra) mi riusciva veramente difficile pensare ai Fair Warning in un nuovo assetto, soprattutto perché da parte dei succitati venivano le idee compositive migliori. Invece la caparbietà dell'altro chitarrista, Helge Engelke, è stata premiata con l'uscita di questo Here Comes The Flood. Dico caparbietà in quanto anche i Fair Warning non hanno mai goduto di troppa popolarità in Europa (non si può dire lo stesso del Giappone, invece, dove chiunque riesce a fare sfaceli... e la cosa mi puzza non poco...).
Il risultato non si distacca molto dal Fair Warning sound, tranne per il fatto che risulta più compatto, duro e meno evocativo. Il nuovo singer dà meno intensità teatrale ai brani, ma di sicuro contribuisce in termini di potenza ad appesantire il metal rock dei Dreamtide, mentre i soli di Engelke mantengono il filo con il passato, ultimo baluardo-marchio di fabbrica targato Fair Warning. Il song-writing, in conclusione, mi sembra un po' ristagnante, avendo notato evidenti "ripescaggi" dal recente repertorio Fair Warning (vedi "4" e "Go!"), tuttavia non si può notare che se da una parte è deficitario di freschezza compositiva, dall'altra "Here Come The Flood" è forte di quella ricchezza e classe negli arrangiamenti dell' AOR dei migliori Fair Warning.

Tracklist:

 1. WHAT YOU BELIEVE IN
 2. TEN YEARS BLIND
 3. COME WITH ME
 4. DREAMERS
 5. CRASHED
 6. YOUR LIFE
 7. MOMENT OF TRUTH
 8. SUNDANCE
 9. HEAVEN KNOWS
10. PROMISED LAND
11. I TAKE THE WEIGHT OFF...
12. CROSS THE LINE
13. PHOENIX TEARS

 
70