Recensione: Ildlaante

inserito da

Antarktis è un progetto musicale nato da Björn Pettersson e Tobias Netzell, artisti attivi già negli  In Mournig e  October Tide.  Il sound qui proposto è un doom metal, dalle tinte rarefatte e che per approcci ci ricorda il metal dei Cult of Luna.

Si potrebbe tranquillamente parlare di post black metal, ma sono le nostre solo piccole indicazioni per dare una direzione ad un disco che ha elementi atmosferici che sfiorano anche il concetto di rock. 

Full-length meno corrucciato di altre realtà di questo filone, la cui voce ci trasporta in dimensioni angoscianti, mitigate poi dalle vibrazioni di un’attitudine che ci ricorda molto la scuola norvegese. Parliamo di accenni, per un gruppo che ha personalità e che si trova idealmente a metà tra Fen ed i sopra citati svedesi. 

Disco intenso, vibrante per espressività e capacità di essere libero da cliché preconfezionati. C’è un non so che di epico nei crescendo dei brani, unico vero punto di riferimento di un disco che alterna fasi di profonda disperazione ad una serenità fatta di quiete malinconia. Le voci sono decisamente doom, per consistenza, mentre l’espressività è più tesa al concetto di core. La direzione è decisamente quella dei Cult Of Luna, con alcune sperimentazioni ad impreziosirne la connotazione estrema più avanguardista. 

Sound avvolgente, che deve trovare a pieno ancora una propria identità, ma che riesce a carpire l’attenzione per qualità e per le epiche citazioni post rock al suo interno. Ci troviamo così ad oggi in una situazione che sta a metà tra l’innovazione ed il già sentito, in un limbo in cui si scrutano lampi di genio e orme già percorsi da altri. Ci sentiamo così soddisfatti ma solo in parte, perché le citazioni ad altri progetti “innovativi” spengono un po’ gli entusiasmi. La competenza indubbiamente non manca, così che noi vogliamo scommettere su un gruppo che ha delle idee, anche se alcune ancora troppo debitrici di un certo concetto di estremo già esplorato da altri.

 

Stefano “Thiess” Santamaria

 
71