Recensione: Just Better

inserito da

C’è del buono nella proposta dei Rattlesnake , coriaceo quintetto di Montecatini che giunge con “Just Better” al secondo capitolo autoprodotto della propria carriera.


Di fondazione relativamente recente (2005), i cinque musicisti dichiarano senza minima difficoltà, ispirazioni e punti di riferimento. Motley Crue, Skid Row, Extreme ma, soprattutto Guns n’Roses (quelli vecchi!), sono i numi tutelari che si agitano nel songwriting sciorinato nei brani offerti, concentrato di urticanti ritmiche al calor bianco e sonorità spudoratamente hard rock di stampo classicissimo.

Nulla da dire, le capacità ci sono tutte. Un ottimo “tiro”, idee chiare e discrete doti (molto bravi i due chitarristi), sono ingredienti che collaborano ad ottenere un risultato soddisfacente. Probabilmente tra i migliori ascoltati in questo ambito nel corso del 2008.
Inutile poi, specificare come Axl Rose ed i Guns siano il principale “motore” alla base delle idee messe in pista dal gruppo toscano.
Ogni elemento, infatti, contribuisce ad accostare le sonorità prescelte con quelle del gruppo statunitense, nell’incarnazione anni ottanta / novanta che tutti ricordano con grande affetto.
Ritmiche accese e scalcianti, chitarre capaci di rendersi protagoniste e la voce, quella del singer Leonardo Deri che, nell’impostazione e nella ricerca dei tipici falsetti un po’ sguaiati, pare essere qualcosa di più di un semplice omaggio a Mr.Rose.

Piuttosto omogenea poi, la qualità dei brani, costantemente assestati su toni che di parole come relax e morbidezza non ne vogliono sapere e danno così un significato, una volta tanto concreto, ad una definizione semplice ma di grande fascino come Hard Rock.
Tra i cinque pezzi proposti ad ogni modo, due in particolare, sono da mettere sotto la lente d’ingrandimento.
La selvaggia “World is A Whore”, lapillo di rock losengelino anni ottanta, indicativo sin dal titolo, e la più ritmata “Promise”, ottimo esemplare utile per porre in evidenza le già notevoli doti in sede di composizione del combo tricolore.

Eccellenti infine, produzione e veste grafica, realmente curate e professionali, per un risultato finale soddisfacente e con minimi punti deboli.

Cinque pezzi per valutare sono pochi, ma i presupposti sono molto, molto significativi. Imparata la lezione dei maestri e messa in atto, il passo successivo è un debut in grande stile.
Pochi dubbi sul fatto che, procedendo su questa rotta, ben difficilmente tarderà ad arrivare.



Per contatti : info@rattlesnake.it



Discutine sul forum nella sezione dedicata all' Hard Rock Tricolore!



Tracklist CD:

01. World Is A Whore
02. All Alone
03. Ready & Drunk
04. Promise
05. Just Better

Line Up:

Leonardo Deri – Voce
Andrea Vitelli – Chitarra
Matteo Buti – Chitarra
Igor Giuliani – Basso
Alberto Marzano – Batteria
 

 
76