Recensione: Pain Is The Game

inserito da

Non deludono gli italico/danesi Allhelluja col loro secondo album, dopo il già pregevole esordio Inferno Museum. Anzi, rilanciano la giocata alzando non di poco la posta, dato che ora ci troviamo davanti a un disco assolutamente competitivo a livello internazionale.

Il predecessore era infatti ancora un po' "ruspante", con alcuni dettagli che lo segnavano come marcatamente italiano per certi versi, pur emergendo già in modo netto rispetto alla produzione contemporanea; Pain is the game abbandona del tutto la zavorra delle incertezze per lanciarsi su un pugno di tracce convincenti, energetiche, sperimentali e divertenti. La base è rimasta quella forma di stoner/rock/metal bastarda e impolverata, con derivazioni diverse e accenti a volte riconoscibilissimi, a volte no; è il dettaglio che va a perfezionarsi fino all'eccesso, con pezzi che quasi mai risultano dei meri riempitivi e una performance dei singoli assolutamente notevole.

Su tutti il folle Jacob Bredahl: ora, se già conoscete la furia live del personaggio (di solito perché visto on stage con gli onnipresenti Hatesphere), avrete idea della sua carica. Bene, dimenticate però la timbrica esclusivamente 'screaming' a cui è normalmente dedito e pensate a un cantante maturo, versatile, rock ma tutto meno che grezzo. Nemmeno quello di Inferno Museum, ma una voce rotonda e piena, cattiva e acida, in ultima analisi riuscita.

E poi i pezzi: anche per chi non è esattamente amante del genere (ma della buona musica sì) brani come la distruttiva Superhero Motherfucker Superman diventerà immediatamente una hit, così come un po' tutta la tracklist, diciamolo. Su tutte l'ironia di Hey J, i cori di Demons Town, la cadenza sporcamente urbana di Soul Man, che coi Blues Brothers non c'entra niente... Ognuno avrà il suo modo di divertirsi, di bersi una birra alla salute degli Allheluja e della loro musica.

Gruppo e disco da approvare perché validi, e chiudiamo ribadendo questo concetto: non c'è campanilismo né malafede (e ci mancherebbe!), solo schietto apprezzamento verso un album che - stranamente, se conoscete i miei gusti musicali (e perdonatemi la prima persona, per una volta) - resterà nel mio lettore per un bel po'. E ci tornerà di sicuro.

Alberto 'Hellbound' Fittarelli


Tracklist:

1. Are You Ready? (Ready For Your Massacre) 
2. Superhero Motherfucker Superman 
3. Hey J 
4. I'm Not The One 
5. Demons Town 
6. Soul Man 
7. Big Money, Sweet Money 
8. The Devil, Me, Myself And I 
9. Hell On Earth 
10. The King Of Pain 
11. Amen

 
80