Recensione: Screaming n Bleeding

inserito da

Tra le più famose band della NWOBHM i britannici Angel Witch sono sempre stati considerati una vera e propria icona musicale la cui storia è entrata a far parte del patrimonio musicale del metal classico degli ultimi venticinque anni. Oggi è finalmente disponibile su cd la ristampa del secondo album della band "Screamin' n bleedin" edito originariamente nel 1985.

La olandese Archaic Temple grazie all'interessamento del suo proprietario ha recentemente rimesso sul mercato questo album storico aggiungendo alla tracklist originale tre tracce live risalenti a uno show tenutosi in Olanda nel 1986. La sotria degli Angel Witch, come quella di altre band britanniche di quel periodo, è costellata di cambi di line up continui e forti difficoltà contrattuali. Negli anni la discografia della band britannica è andata progressivamente verso l'oblio diventando relativamente poco reperibile. Dopo la ristampa del debutto omonimo da parte della Bronze Records e l'intervento della Mausoleum i due album successivi della band esigevano una ristampa su cd e finalmente, dopo diversi anni, qualcosa sembra essersi mosso sul serio. Lo stile della band inglese è sempre ruotato intorno alla figura carismatica del chitarrista cantante Kevin Heybourne, un vero e proprio mito della New Wave. La sua voce calda e potente è il tratto distintivo della musica degli Angel Witch. Sebbene i nostri siano sempre rimasti fedeli agli stilemi del metal classico britannico si possono identificare molti elementi "dark" nella musica del gruppo. Questo "Screamin' n bleedin" rappresenta un ulteriore miglioramento rispetto alle soluzioni del precedente album omonimo, considerando tutta la discografia degli Angel Witch questo album è senza dubbio il più live oriented. Non crediate però di essere al cospetto del solito album New Wave dalla facile presa, con le solite soluzioni dirette, senza dubbio la band inglese espresse una marcata personalità artistica riuscendo a raggiungere ottimi livelli di songwriting in tutte le tracce del disco. Questa ristampa offre a tutti gli amanti del metal classico un sound veramente molto valido, le canzoni sono proposte in maniera davvero competitiva e credo riusciranno a convincere anche il più scettico tra voi. Anche il booklet del disco, con la nuova copertina e una bella serie di foto scattate in sede live, saprà attirare l'attenzione dei collezionisti ma senza dubbio per chi ha cercato questo album per anni non servono tanti dettagli a giustificare l'acquisto.

Si comincia con la carica frontale della ottima "Whose to blame" che subito mostra le doti e il carattere della band inglese, gli amanti del metal classico ne resteranno senza dubbio colpiti. Si prosegue sui medesimi canoni "Child of the night" e "Evil games" le quali conservano i canoni della New Wave lasciando però emergere un grande lavoro compositivo e un forte carattere da parte di questi inglesi. La title track viaggia velocemente lasciando decollare ottimi refrain vocali dal chiaro intento live, qui i nostri preferiscono evitare complicazioni e puntare sul sodo. Gli Angel Witch mostrano la loro tendenza oscura in brani come "Waltz the night" dove è impossibile non notare una certa somiglianza rispetto a band come i Black Sabbath. Si torna al metal trascinante e frontale con "Goodbye" e "Fatal kiss" entrambe canzoni aggressive e convincenti che confermano in pieno il valore altissimo di questo album. Le tracce dal vivo non hanno una produzione molto pulita ma comunque possono essere apprezzate dagli amanti della band.

Ero al Metal Markt del Wacken questa estate, ho visto un ragazzo con la scritta degli Angel Witch sulla camicia e gli ho chiesto se sapeva dove potessi trovare il loro secondo e terzo album, lui mi dice: "Yeah, I've got them!" Non bisogna mai sottovalutare la gentilezza delle persone e bisogna sempre parlare con tutti. 

1. Who's to Blame  
2. Child of the Night  
3. Evil Games  
4. Afraid of the Dark  
5. Screamin' and Bleedin'  
6. Reawakening  
7. Waltz the Night  
8. Goodbye  
9. Fatal Kiss  
10. UXB

 
64