Recensione: So Many Roads

inserito da

I live album, si sa, sono indirizzati per lo più agli estimatori degli artisti che li danno alle stampe. Eppure il presente disco dal vivo può e deve essere qualcosa di più.
Registrato nel corso delle serate del tour europeo a supporto di Lifeline che vanno dal 23 al 31 ottobre 2008, So Many Roads è una specie di summa della carriera di Morse che abbraccia sia la sua produzione da solista che quelle con Spock's Beard e Transatlantic. La mano di Neal si sente indistintamente nella prima quanto nelle seconde, tanto che appare difficile non riconoscere un continuum stilistico nella sua intera produzione artistica.
Neal vive indubbiamente una seconda, prolifica giovinezza in questi anni. Dopo lo split con gli Spock's Beard nel 2002, arrivato come un fulmine a ciel sereno a breve distanza dalla pubblicazione di Snow (da tutti riconosciuto come il The lamb lies down on Broadway degli anni 2000) giunge la svolta religiosa della sua carriera, che sembra avergli portato nuova e fulgida ispirazione. So Many Roads non fa che confermare lo stato di grazia nel quale versa il musicista californiano, capace di essere impeccabile dal punto di vista strumentale, di intrattenere il pubblico, coinvolgerlo e di offrirgli uno spettacolo musicale di primissimo ordine. C'è da registrare giusto qualche sbavatura a livello vocale, tanto per ricordare che, in fin dei conti, è un essere umano anche lui.

So Many Roads inizia con At the end of the day, opener del bellissimo V degli Spock's Beard. Subito ci si ritrova al cospetto di una band in forma smagliante in ogni suo singolo componente, con un contributo vocale di Jessica Koomen al pezzo in questione di indubbio valore. Appare quasi superfluo lodare l'istrionico Morse, così meglio sottolineare la prova superba, per tutta la durata del live, del batterista Collin Leijenaar, in grado di dare ritmo, potenza e dinamismo alle composizioni. La funambolica Leviathan, tratta dall'ultima fatica in studio di Neal, è coinvolgente nel suo mischiare richiami di King Crimson e Beatles. Dello stesso disco vengono riproposte anche The Way Home, la title track e la suite che dà il titolo al presente live.
Difficile trovare il climax di questo live album: ogni pezzo è reso come meglio non potrebbe ed anche il suono è praticamente perfetto. Sicuramente va rimarcata l'esecuzione della splendida We all need some light, con tutto il pubblico presente ad intonare il ritornello. Dei Transatlantic vengono riproposte, fuse assieme per l'occasione, anche Stranger in your soul e Bridge across aorever, a chiudere l'intera opera.
Morse si dimostra artista a tutto tondo destreggiandosi alla grande sia quando propone un pezzo per voce e chitarra acustica del calibro di That Crutch (da Songs from the Highway del 2007), sia quando affronta i medley di Question Mark e Testimony, entrambi piuttosto articolati e dalla durata che supera la mezzora. Può permettersi di passare da uno stile all'altro senza battute d'arresto o passi falsi; eseguire pezzi dal proprio recente repertorio come ripescare Walking On The Wind, vecchio brano degli Spock's Beard (da Beware Of Darkness del 1996): sembra che gli riesca tutto in modo incredibilmente facile.

So Many Roads è un'opera mastodontica, capace di sollazzare chi conosce bene il genio creativo di Morse quanto, c'è da scommetterci, di lasciare tutt'altro che indifferenti coloro che dovessero avvicinarsi alla su musica per la prima volta.
Più di tre ore e mezza di musica immensamente ispirata, coinvolgente, a tratti sognante e ad altri trascinante. Un'esecuzione impeccabile di ogni singolo brano da parte di una band tecnicamente ed espressivamente molto dotata, con il carisma di Morse a fare da collante al tutto.
Non è certo semplice maneggiare un triplo live, della durata complessiva di oltre tre ore e mezza, senza lasciarsi sopraffare dal timore di non poter mai arrivare alla fine dell'ascolto. Non è semplice, ma vale la pena di affrontare l'impresa; una volta ascoltate le ultime note della conclusiva (e bellissima) Bridge across forever dei Transatlantic ci si ritroverà increduli ad esclamare: “già finito?”.

Massimo Ecchili

Discutine sul forum nel topic relativo

Tracklist:

CD 1:
1. At The End Of The Day (16:49)
2. Leviathan (6:47)
3. The Way Home (5:03)
4. Author Of Confusion/I'm The Guy (14:12)
5. That Crutch (3:46)
6. We All Need Some Light (4:24)
7. Lifeline (12:32)

CD 2:
1. Question Mark Medley (31:17)
2. Help Me (12:13)
3. Testimedley (35:02)

CD 3:
1. Walking On The Wind (9:33)
2. So Many Roads (30:16)
3. Stranger In Your Soul/Bridge Across Forever (31:08)

Line-up:

Neal Morse: vocals, keyboards, guitars
Collin Leijenaar: drums, vocals
Jessica Koomen: vocals, keyboards, percussion
Elisa Krijgsman: guitar, vocals
Wilco Van Esschoten: bass, vocals
Henk Doest: keyboards
 

 
90