Recensione: The Absolute Power [DVD]

inserito da

In Gloriam Et Laudem Dei.

L'ERA DEI TITANI
Era un giorno qualunque di un tour leggendario, quello di Heaven and Hell, quando Joey De Maio, tecnico del basso e addetto agli effetti pirotecnici, incontra il chitarrista Ross The Boss che, coi suoi Shakiin Street, apriva ai concerti dei Black Sabbath.
Fu allora che nacquero i Manowar, generati da una sincera amicizia che lega tutt'oggi i due mastri fondatori rafforzata nell'esibizione in quel di Geiselwind, Earthshaker Festival 2005, quando la terra tremava sotto i colpi inferti dai titani della vecchia e della nuova era.
Tali esseri non vestivano il peplo e non indossavano corone d'alloro, ma la forte traccia lasciata nella nostra cultura musicale fa pensare che alla radice del mito ci sia qualcosa di reale.
E poi, chi c'era lo sa: quel giorno, 23 luglio duemilacinque, il Valhalla si poteva toccare con mano.


DIGITAL VERSATILE DISC: LA GENESI
La saga audio-visiva ebbe inizio con l'avvento di Hell on Earth attraverso il quale i Manowar si misero per la prima volta “a nudo” raccontando tutta la vita on the road, fatta sì di concerti più o meno estenuanti/esaltanti intorno al mondo e riempita da un'esperienza off-stage in grado di collocarli nel limbo riservato alle rock-star.
Regalato ampio spazio a coloro che vengono definiti “i migliori fans del mondo” e immancabili i momenti goliardici e piccanti; contiamo quattro uscite firmate Hell on Earth (2001-2002-2003-2005) e un mini DVD, Warriors of the World United (2002) prima di poter mettere le mani su The Absolute Power, supporto audio-visivo che raggiunge un nuovo entusiasmante picco tecnologico.


LA FESTA DEGLI DEI – DVD1
Appropriato al tema classico degli dei dell'olimpo che si godevano il banchetto all'aperto i Kings of Metal si manifestano ad una folla festante ed affamata; ansiosa di conoscere lo stato di forma dei eroi di sempre. Avevo anticipato attraverso il report del festival quanto fosse impressionante il colpo d'occhio di un palco immenso visivamente, sminuito da un numero elevatissimo (venticinquemila è una stima) di persone che si aggrovigliava sui suoi contorni. Le attrattive di questo show erano già note da tempo ma, l'emozione di trovarsi all'interno di uno spettacolo che, in qualunque caso, sarebbe entrato di diritto nella storia dell'heavy metal ha più di un valore aggiunto.
Il primo dei due DVD è interamente dedicato al concerto, l'entrata dei Manowar è qualcosa che definirei Hollywoodiano; situazione accentuata sul disco se pensate che sull'epico sottofondo di The Ascension si alternano in grande stile cinematografico nomi e cognomi degli attori protagonisti. Sullo sfondo il disegno della copertina di Hell on Heart IV (che usciva proprio in quei giorni), accecata da impianto luci da far impallidire quello dei vecchi concerti di Michael Jackson, i simboli dei quattro elementi in grande evidenza (e anch'essi parte dello spettacolo più avanti) e i quattro re sparpagliati nell'area quadrata di un palco smisurato.
Qui non rischierete, come tanti quella sera, la lacerazione della membrana timpanica; l'audio è riprodotto fedelmente e il dolbby surround 5.1 rende giustizia all'evento.
The Absolute Power eccelle nella qualità video. E' questa l'arma vincente. Ventisette telecamere appostate in diversi punti strategici riescono a catturare ogni singolo momento dell'esibizione, e centinaia sono le inquadrature e i primi piani dedicati al pubblico all'interno della pit-area. L'High Definition non è più un segreto nemmeno per Joe De Maio che si concede l'altissima tecnologia battendo sul tempo, ancora una volta, tutti i colleghi e proponendo un DVD che in questo momento non ha rivali sul mercato.
Il primo/terzo è da capogiro, Manowar, Brothers Of Metal, Call To Arms, Kings of Metal, Sign Of the Hammer, Blood of My Enemies e Kill With Power si susseguono senza sosta anche se, a dire il vero, non è incluso in questa versione ufficiale del concerto, il problema che ha costretto Joey a sospendere il suo bass-solo e che lo ha visto protagonista di un sound check fuori programma. Ma lo ritroveremo più avanti negli “Historical Moments”.
La prima sorpresa si registra su Metal Warriors, poco dopo l'annuncio di Joey che strappa il microfono ad Eric Adams (in forma “mondiale”) per introdurre l'era di Triumph of Steel: Rhino (drummer) e David Shankle (guitarist) si uniscono ai due per realizzare il sogno che i fans di tutto il mondo aspettavano da tempo. Perfetto il batterista, impreciso il chitarrista che, seppure coreografico, sfigurava negli assoli. Meglio sulla successiva The Glory of Achilles, brano che nessuno si aspettava e che ha mietuto diverse vittime nel parterre: altro documento che entra di diritto nella storia.
La Battle Hymns Era, ancora una volta annunciata dal carismatico bassista, precede l'ingresso della vera star della serata, Ross The Boss, eccezionale, come ai tempi d'oro, su ogni singolo passaggio. E' anche il turno di Donnie Hamzik alla batteria: Metal Daze e Dark Avenger per accontentare i nostalgici.
Ritroveremo tutti gli elementi passati e presenti dei Manowar sulla conclusiva Battle Hymn, momento più intenso dello show poco prima dei maestosi fuochi d'artificio che copriranno l'intera durata del celeberrimo brano di chiusura: The Crown and the Ring.
In mezzo altre inattaccabili perle, da Hail and Kill all'inedita King of Kings (inedita nel 2005), da Herz Aus Stahl (Heart of Steel versione tedesca) con l'ausilio di una vera orchestra di un centinaio di elementi al commovente tributo a Wagner. Spettacolo puro.


LA FESTA DEGLI DEI – DVD2
E' il secondo DVD che non mi convince. Quello che è stato opportunamente rinominato bonus disc. Quattro ore di materiale sulla creazione dell'evento live e sulla fan-convention ultra pubblicizzata sono davvero troppe.
I Manowar hanno incluso praticamente tutto: dai diagrammi di flusso che ci permettono di verificare le differenze in decibel tra un concerto della band ed una bomba atomica  ai confessionali dei fans, dalla premiazione di Miss Manowar alla gara di acuti. Insomma, quattro ore di goliardia che finisce con lo sfiancare occhi, orecchie e cervello.
Dettaglio da non sottovalutare: mancano i sottotitoli in italiano e arrivare fino in fondo cercando di concentrarsi sulla lingua e sui dettagli visivi non è impresa facile. Se appartenete, invece, alla categoria dei fans impavidi e irreprensibili, non vi annoierete un solo secondo e niente e nessuno sarà in grado di staccarvi dal monitor: c'erano dubbi?


IN GLORIAM ET LAUDEM DEI
Un reperto di inestimabile valore emotivo. Una testimonianza scritta in grado di soppiantare tutto ciò che l'ha preceduta tanto approfondita, curata e perché no, avvalorata da una tecnologia al top.
Chi ama i Manowar non ha bisogno di questa recensione per convincersi ad acquistare il DVD, chi non li ama beh, si faccia tranquillamente da parte: qui c'è l'estremizzazione di tutto ciò che i re dei re sono stati negli anni. Il massimo.


Gaetano Loffredo


Tracklist DVD 1:
1.The Ascension
2.Manowar
3.Brothers of Metal
4.Call To Arms
5.Sun of Death
6.Kings of Metal
7.Sign of the Hammer
8.Screams of Blood
9.Blood of my Enemies
10.Kill With Power
11.Triumph of steel Era Introduction
12.Metal Warriors
13.The Glory of Achilles
14.Battle Hymns Era Introduction
15.Metal Daze
16.Dark Avenger
17.Outlaw
18.House of Death
19.Herz Aus Stahl
20.Wagner Tribute
21.Prelude to act III From Lohengrin
22.King of Kings
23.Hell on Wheels
24.Warriors of the World United
25.Hail and Kill
26.Black Wind, Fire and Steel
27.Battle Hymn
28.The Crown and the Ring
29.Credits

Historical Moments
30.Bass Solo
31.Rainer's Award
32.Sound Check
33.Strohofer Family Tribute
34.Chopper Competition
35.Tour Dates


Tracklist bonus DVD:
1.The Day The Earth Shook – The Absolute power of Manowar
2.Manowar Fan Convention – The Extended Experience

 
90