Recensione: The Guessing Game

inserito da

Signore e signori, bentornati nell'assurdo universo dei Cathedral. Una sorta di dimensione parallela dove la band è riuscita proiettarci già a partire dal funereo esordio, Forest Of Equilibrium, continuando poi con veri e propri capolavori del calibro di The Carnival Bizarre o Caravan Beyond Redemption, giusto per citarne due. Un gruppo che ha sempre cambiato pelle, ma non la sostanza delle proprie composizioni, passando agevolmente dal doom soffocante degli esordi, fino ad arrivare ad un sound settantiano, anche piuttosto grezzo in alcuni casi, ma che non ha mai perso il potere di affascinare e di evocare alla mente territori surreali e lontani dagli schemi cognitivi di un essere umano normale (o quantomeno sobrio).

The Guessing Game arriva giusto in tempo per festeggiare un ventennio di onorata carriera, ed a ben cinque anni di distanza dal precedente Garden Of Unearthly Delights, disco che rappresentava l'ennesimo cambio di rotta del combo Coventry verso un sound di gran lunga più roccioso e, a tratti, anche abbastanza difficile da digerire in un sol boccone. Seguendo quindi la linea logica di Lee Dorrian e soci, anche in questo caso non si può far altro che aspettarsi una ulteriore evoluzione. In effetti è proprio così, anche se non del tutto. Partiamo con il fatto che, per la prima volta da vent'anni a questa parte, la band inglese ci regala addirittura un doppio CD, giusto per farsi perdonare di tutto il tempo passato a comporre e registrare (ricordiamolo: ben cinque anni). La caratteristica fondamentale di The Guessing Game è però un'altra: la divisone in due dischi non è per niente casuale, visto che ci troviamo di fronte ad una prima parte assolutamente malata e che fa quasi indigestione di sperimentazione ed influenze diverse, mentre la seconda sezione lascia spazio ai "soliti" Cathedral, senza comunque abbassare la qualità di un disco che, come vedremo, si attesta su livelli piuttosto alti.

Andiamo per ordine, quindi. Si parlava di sperimentazione, e nel primo disco di The Guessing Game ce n'è tanta da riuscire a fare andare fuori di testa il più accanito dei puristi del genere. Gli inserti di organo e le sezioni orchestrali dell'intro strumentale Immaculate Misconception sono solo una piccola parte di quel che hanno in serbo i Cathedral per l'ignaro ascoltatore, il quale si ritroverà immerso in un turbine di prog rock, folk, doom e psichedelia, quest'ultima componente messa nettamente in risalto già con Funeral Of Dreams, traccia, dove, ancora una volta, l'andamento della band è accompagnato dai suoni di mellotron (sempre e comunque presente in tutta la prima parte del disco). Più dirette e fedeli all'hard rock settantiano sono invece le successive Painting In The Dark e Death Of An Anarchist, quest'ultima condita da un riffing melodico e a tratti anche molto nostalgico. La stessa title-track (strumentale di soli tre minuti) offre all'ascoltatore una serie di sensazioni vagamente retrò, come se la musica sia stata incisa nei solchi di un vecchio vinile. Sensazione di "vecchio" che ritroviamo anche in Edwige's Eyes, pezzo anch'esso vicino al rock più duro e forse l'unico, per quanto riguarda questa prima parte, ad avvicinarsi alle vecchie produzioni di Lee Dorrian e soci. E si parla ancora di rock vecchio stampo, questa volta addirittura sessantiano, con la chiusura affidata ad una Cats, Incense, Candles & Wine che stupisce (e nemmeno poco) per semplicità e spensieratezza.
L'anima doom dei Cathedral, messa nettamente in ombra nel primo disco, torna però ad avere un ruolo da protagonista nella seconda sezione di The Guessing Game. L'inziale e soffocante intro strumentale One Dimensional People fa da preludio per una dirompente e diretta Casket Chasers, mentre La Noche Del Buque Maldito lascia ancora spazio a qualche sprazzo di psichedelia settantiana. The Running Man e Requiem For The Voiceless si rifanno invece al doom soffocante degli esordi, con partiture lente, oppressive e che trasudano zolfo dalla prima all'ultima nota suonata; un'atmosfera malsana e surreale, ma allo stesso tempo anche molto evocativa, che verrà interrotta dalla conclusiva Journey's Into Jade, brano ancora una volta fedele a quel sound dei seventies al quale la band inglese ci ha abituati in occasione di svariate uscite discografica.

Insomma, i Cathedral l'hanno fatto di nuovo. The Guessing Game è un disco che, nonostante le varie influenze di svariati generi, e senza perdere comunque il trademark che contraddistingue le produzioni di Lee Dorrian e soci, non fatica a trovare una sua dimensione, riuscendo anche a stupire per freschezza e immediatezza. Che dire, la band di Coventry si è fatta sicuramente attendere più del previsto, ma cinque anni di silenzio discografico sono stati ripagati con un album che, senza nulla togliere ai capolavori del passato, non può fare altro che piazzarsi per direttissima fra le migliori release del gruppo inglese, nonché candidarsi anche come una delle uscite più interessanti di questo 2010.
Un cenno finale è d'obbligo, anche se non è una novità, all'ennesimo stupendo artwork realizzato da Dave Patchett, ormai un'assoluta garanzia per quanto riguarda la parte grafica degli album della band.

Angelo 'KK' D'Acunto

Discutine sul forum nel topic relativo

Tracklist:

CD 1

01 Immaculate Misconception
02 Funeral Of Dreams
03 Painting In The Dark
04 Death Of An Anarchist
05 The Guessing Game
06 Edwige's Eyes
07 Cats, Incense, Candles & Wine

CD 2

01 One Dimensional People
02 Casket Chasers
03 La Noche Del Buque Maldito (aka Ghost Ship Of The Blind Dead)
04 The Running Man
05 Requiem For The Voiceless
06 Journey's Into Jade

 
87