Vario

Dream Theater: James LaBrie, “Ecco perché ho rifiutato di entrare negli Iron Maiden al posto di Bruce Dickinson”

Di Orso Comellini - 22 Ottobre 2021 - 8:25
Dream Theater: James LaBrie, “Ecco perché ho rifiutato di entrare negli Iron Maiden al posto di Bruce Dickinson”

In una nuova intervista su The Metal Voice è stato chiesto a James LaBrie se effettivamente gli sia stato proposto di fare i provini per entrare negli Iron Maiden dopo l’uscita di Bruce Dickinson nel 1993. Questo il racconto del frontman dei Dream Theater:

Sì, certo. Assolutamente sì. Al tempo eravamo sotto osservazione del manager degli Iron Maiden. Ricordo che stavamo giocando a freccette e Rod Smallwood mi prese da parte e mi disse: “Cosa ne pensi di…”. Ero in una situazione piuttosto bizzarra. Con i Dream Theater avevamo già registrato Images And Words e stavamo cercando un manager. Ci stavamo organizzando con la strumentazione per imbarcarci in un tour. Quindi, mi prese da parte e mi disse: “Voglio lanciarti questa proposta”. C’era anche il suo assistente, Merck, ed entrambi se ne stavano lì in piedi. Mi dissero: “Cosa ne pensi di diventare il nuovo cantante degli Iron Maiden?”. Gli risposi: “Cosa? Di che stai parlando? Mi sento confuso. Non sei qui perché potresti diventare il manager dei Dream Theater? Sei qui per farmi questa proposta?”. Avevo appena registrato il disco dei Dream Theater, riuscite a immaginare quanto fosse bizzarra quella situazione? Ad ogni modo dissi semplicemente: “No, non è possibile. E sai cosa? Ti dico anche il perché. Una sola ragione: i Dream Theater e questo è quanto. Punto”. Poi ho aggiunto: “Ma se vogliamo andare di più nello specifico, dobbiamo tornare a quando avevo 22 anni. Quando entrai nei Coney Hatch, nei quali ho cantato per un anno. Entrai al posto di Carl Dixon. E in pratica mi sentivo come un jukebox glorificato. Ho cantato tutto senza problemi, ma non ho mai potuto pensare, ecco, questo sono io e questo è quello che ho creato”. Bruce ed io abbiamo un rispetto reciproco. Ci siamo incontrati tante volte. Abbiamo suonato assieme allo show della BBC. Ricordo di aver pensato di non voler cantare i pezzi degli Iron Maiden ogni serata. Anche se per me sono una band straordinaria e Bruce è un grande cantante. Volevo creare fin dal principio qualcosa che fosse mio. Anche se, ok, come tutti sappiamo, non sono io a cantare su When Dream And Day Unite. L’offerta è arrivata e se n’è andata velocemente. Giusto il tempo di chiedermelo che non era più valida. Mi risposero, infatti: “Massimo rispetto, abbiamo capito perfettamente. Nessun problema”.