Heavy

Saxon: Biff Byford ricorda l’esibizione al Festival di Sanremo nel 1983, “Non erano attrezzati per un concerto vero, non c’era neanche l’elettricità sul palco”

Di Davide Sciaky - 6 Marzo 2021 - 15:37
Saxon: Biff Byford ricorda l’esibizione al Festival di Sanremo nel 1983, “Non erano attrezzati per un concerto vero, non c’era neanche l’elettricità sul palco”

Nella nuova intervista in prossima uscita di TrueMetal.it con Biff Byford, il cantante dei Saxon ci ha parlato dell’apparizione della band al Festival di Sanremo nel 1983:

Nel 1983 i Saxon sono stati ospiti del Festival di Sanremo…

[Ride] Voi italiani finite sempre a chiedere di quella volta.

Be’, sai, il Festival è uno degli ultimi posti dove ti aspetteresti di vedere una band Metal, almeno oggi, ma ho visto un video ed è fantastico, strano ma divertente vedervi lì.

Devi pensare ad un po’ di motivi dietro a quell’apparizione: una è che negli anni ’80 eravamo davvero molto popolari in Italia, forse eravamo la band [Metal] inglese più popolare in quel momento in Italia, suonavamo concerti molto, molto grossi, 12-15.000 persone e via dicendo.
Poi penso che possano averci chiesto di partecipare perché dovevano avere un’audience molto giovane che poteva essere interessata ad una band come noi.
Io volevo suonare ‘Power and the Glory’, ma l’etichetta ed il management volevano che facessimo ‘Nightmare’; io sarei stato più contento con ‘Power and the Glory’ ma va bene così.
Poi penso che i Van Halen abbiamo partecipato l’anno successivo, no?

L’anno successivo ci furono i Queen.

Allora forse è stato l’anno dopo ancora, perché sono sicuro che anche i Van Halen l’abbiamo fatto.
È stato divertente: c’è che si è lamentato, “Vi siete venduti!”, ma per noi era un modo come un altro per promuovere l’album.

Ovviamente, certo. E se non sbaglio vi fecero suonare in playback, giusto?

Sai, non avevano alcuna attrezzatura per un vero concerto dal vivo, non avevano neanche l’elettricità sul palco [ride].
In Italia che ci volevi fare? All’epoca finivi in un campo in mezzo al nulla e la mattina venivano e montavano un tendone, ci suonavi e poi lo smontavano!
Era tutto un po’ strano in Italia negli anni ’80, ma ci piaceva, avevamo tanti fan… anche se forse non più così tanti dopo Sanremo! [ride]