Recensione: Avatar

Di Daniele D'Adamo - 30 Marzo 2010 - 0:00
Avatar
Band: Avatar
Etichetta:
Genere:
Anno: 2010
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
60

Dopo anni di “vacche grasse”, il death melodico entrato nel periodo contrapposto, cio in quello delle “vacche magre”.
Se questo intervallo durer i biblici sette anni, non dato di saperlo. Quel che sicuro, che non si placa la ricerca di una nuova strada da percorrere per coloro che han fatto della commistione “brutalit/melodia accattivante” il proprio credo. Svedesi in primis.
Bisogna andare ormai in paesi quali la Spagna (Laments Of Silence) o la Grecia (Nightrage), per trovare il genere immutato nella sua forma primigenia; paesi in cui il sound figlio di In Flames e Soilwork emigrato, forse, definitivamente.

Con il loro terzo full-length gli Avatar, a conferma di ci, si dirigono con decisione verso un approccio pi morbido, lasciando il termine death solo sulla carta.
Il tragitto verso un sound meno aggressivo e a impatto ridotto ? gi avviato con il precedente “Schlacht” ? probabilmente terminato, poich “Avatar” un album dal groove maturo e dai connotati completi. L?organismo raggiunto ha tutta la forma e la sostanza di un?evoluzione portata a termine.
In coerenza con quanto sopra azzardato, il disco confezionato in maniera impeccabile: esecuzione, produzione, artwork sono il frutto di un lavoro professionale; eseguito allo scopo di affrontare senza indecisioni le impetuose correnti del mercato mainstream.

Mainstream e non certo underground, dato che tutto quanto diligentemente svolto per mantenere salda la rotta dietro alla chimera della melodia di facile presa. Tale condizionamento si ascolta senza difficolt nel guitarwork, si vario e a volte anche possente ma deputato, nella sostanza, a far da mera base alle linee vocali, alla costante ricerca di forme armoniche semplici accessibili al massimo.
Anche la sezione ritmica, come ci si poteva attendere, svolge il proprio lavoro senza non andare mai fuori dalle righe: da dimenticarsi le scorrerie con la doppia cassa, tanto per dirne una.
La volont del quintetto di Gothenburg di farsi strada nei canali tipo MTV et similia si pu evincere ? anche ? dalla struttura delle canzoni, progettate per rispettare al meglio gli stilemi pi classici dell?hard rock.

Si fa prima a citare gli episodi pi movimentati e pi riottosi, come “Pigfucker”, che il viceversa. Questa canzone l?unica ove il gruppo affronti le alte velocit e dove Alfredsson si ricordi di piazzare un blast beats, giusto per ricordare i tempi passati.
Il resto si assesta su un mood a parer mio piatto, a uso e consumo per chi non ha i timpani abituati a vibrare dietro sollecitazioni estreme.
La volont di scrivere canzoni in grado di bucare l?anonimato (il moniker stato deciso ben prima del film omonimo, ma la fortuna aiuta gli audaci) determina per una certa disomogeneit fra le canzoni stesse, indecise su quale groove attestarsi definitivamente.
“Lullaby (Death All Over)” ? hit dal leiv motive assai gradevole, che s?insinua piacevolmente nel cervello ? potrebbe essere il marchio di fabbrica cercato. Cos tuttavia non , dato che il combo strizza l?occhio al rock?n roll sia con “The Great Pretender”, dal refrain un po? lagnoso, sia con “Reload” che ? nell?anthemico ritornello ? ricorda vagamente Brian Johnson degli AC/DC, il quale fa nuovamente capolino in “Deeper Down”. Oltre a questo, non manca una puntatina all?heavy (“Queen Of Blades”), al blues (“The Great Pretender”), al melodramma (“Revolution Of Two”).
La sensazione, in pratica, che a forza di cercare la rotta pi catchy possibile, venga persa la bussola.

Tutto questo conduce a una risicata sufficienza: gli amanti dei toni soft troveranno altrove bocconi pi saporiti da ingurgitare, gli aficionados delle sonorit estreme eviteranno “Avatar” come la peste.
Non tutto da buttare e nel complesso l?album si fa ascoltare senza particolari difficolt, lasciando tuttavia strada, dopo breve tempo, alla noia. Un platter che, temo, non lascer alcuna traccia ai posteri.

Discutine sul forum nel topic relativo!

Track-list:
1. Queen Of Blades 4:28
2. The Great Pretender 4:03
3. Shattered Wings 3:35
4. Reload 4:13
5. Out Of Our Minds 4:29
6. Deeper Down 3:46
7. Revolution Of Two 5:08
8. Roadkill 3:28
9. Pigfucker 2:08
10. Lullaby (Death All Over) 7:46

Line-up:
Johannes Eckerstrm ? Vocals
Jonas Jarlsby ? Guitars, Backing Vocals
Simon Andersson ? Guitar
Henrik Sandelin ? Bass
John Alfredsson ? Drums

Ultimi album di Avatar

Band: Avatar
Genere: Death 
Anno: 2018
65
Band: Avatar
Genere: Death 
Anno: 2016
75
Band: Avatar
Genere:
Anno: 2012
75
Band: Avatar
Genere:
Anno: 2010
60
Band: Avatar
Genere:
Anno: 2007
75