Recensione: Louder Than Noise… Live in Berlin

Di Stefano Ricetti - 22 Aprile 2021 - 0:30
Louder Than Noise… Live in Berlin
Band: Motörhead
Etichetta: Silver Lining Music
Genere: Heavy 
Anno: 2021
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
66

Il grande Ian Fraser Kilmister detto Lemmy ha lasciato questa valle di lacrime più di cinque anni fa. Dal 28 dicembre del 2015 il mondo dell’hard non è stato più lo stesso. Una figura come il leader dei Motörhead contribuiva a rendere più umano, più slegato dalla tecnologia, più romantico tutto quanto facente parte dello scibile legato all’heavy metal. Da quel giorno una fiammella dentro il cuore di ognuno di noi si è spenta, definitivamente. La grandezza di una perdita di tal portata non prevede sostituti. Lemmy era Lemmy e nessuno può e poteva prendere il suo posto. Un po’ come Robin Williams nel mondo del Cinema. Icone, non replicabili e non assimilabili a chicchessia.

Detto questo, l’occasione per tornare a parlare del combo rappresentato dallo Snaggletooth la procura la Silver Lining Music che licenzia sul mercato il live Louder Than Noise… Live in Berlin.

Il concerto immortalato su Dvd e Cd si riferisce al 5 dicembre del 2012, quando Lem, Dee e Campbell calcarono il palco del Berlin Velodrom, di fronte a 12.000 fan assatanati, durante il Kings of The Road Tour. La band, per evidenti ragioni indipendenti dalla propria volontà, ma legate alle condizioni  del carismatico team principal lo era un po’ meno, assatanata. Non è dato sapere se le conseguenze della malattia avessero già intaccato la scorza del grande Lemmy ma è fuor di dubbio che quantomeno l’età cominciasse a pesare nell’economia di un concerto dei Motörhead che, come ben si sa, non prevede frizzi e lazzi ma consta di volumi al massimo, jack nel Marshall e fuoco e fiamme sino al termine. In aiuto al gruppo, quella notte, non venne incontro neanche la scaletta, che scontava troppe assenze di peso in vece di alcuni brani non propriamente stellari, per usare un eufemismo.

A rialzare la valutazione di quest’operazione contribuisce però senza dubbio il Dvd, curato da Herwig Meyszner, personaggio già alle prese con pregevoli live di Saxon, Exodus e Kreator che, grazie alla sua esperienza e sagacia, restituisce al concerto del 5 dicembre quella sorta di alone di celebrazione che viceversa il Cd non riesce a “buttare fuori”. Il backdrop Motörhead – Deutschland con lo Snaggletooth incorporato e allestito dietro la batteria di Mikkey Dee fa la sua porca figura e da “I Know How to Die” in poi si può godere di una prova comunque lodevole, per via del piglio messo in campo, nonostante tutto, da parte dei tre M’head. Di spessore la qualità delle luci, le inquadrature e la dinamicità fornita da Meyszner al prodotto finito.

In conclusione, Louder Than Noise… Live in Berlin va preso per quello che è, una testimonianza e nulla più, che rende a livello di Dvd e molto meno in termini di Cd. Farlo assurgere alla categoria di “live” vero vorrebbe dire sotterrarlo, umiliarlo, detronizzarlo. Impossibile  anche solo pensare di metterlo vicino a No Sleep Till Hammersmith, The Birthday Party e Everything Louder Than Everyone Else, roba di primissima serie. Altra e alta qualità. Altra e alta caratura. Altri Motörhead.

 

Stefano “Steven Rich” Ricetti

 

Ultimi album di Motörhead

Band: Motörhead
Genere: Heavy 
Anno: 2019
90
Band: Motörhead
Genere: Heavy 
Anno: 2015
75
Band: Motörhead
Genere:
Anno: 2013
73