Recensione: Mørk Profeti

Di Daniele D'Adamo - 4 Ottobre 2016 - 0:00
Mørk Profeti
Band: Nordwitch
Etichetta:
Genere: Death 
Anno:2016
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
66

Strano, stranissimo combo, questo dei Nordwitch. Provenienti dall’Ucraina che, nel campo del metal estremo, vanta una solida tradizione, essi si propongono come una death metal band situata esattamente a metà fra il melodic e il blackened. Con, in più, pennellate di viking che, si ribadisce, anzi si specifica, trova terra fertile nel Paese dell’ex-CCCP.

Strani poiché sfuggenti. Cioè, ascoltando più e più volte “Mørk Profeti”, il loro nuovo album, non si riesce a mai comprendere davvero quale sia, il loro vero stile. Ciò sembrerebbe un pregio, una manifestazione di personalità, insomma. Ma non è così. Sì, perché la sensazione che si prova, e che non ci si riesce a scrollare di dosso, è quella di una certa indecisione. Quando, anche, si scopre che il suddetto lavoro è l’Opera Prima di una formazione agglomeratasi soltanto un anno fa, ecco che i due indizi formano una prova. Prova che testimonia un fatto, a parere di chi scrive, al momento inoppugnabile: i Nordwitch sono ancora acerbi.

Indecisi, insomma, su cosa fare da grandi. Non ancora certi della direzione da intraprendere. Sia quando mantengono calmi i ritmi (‘Walker from Shade’), sia quanto divergono verso i blast-beats (‘Dominion’), tuttavia, i Nordwitch sanno comunque il fatto loro, risultando efficaci e concreti. Più che altro, precisi. Forse addirittura scolastici. Benché siano maledettamente giovani, come ensemble, i Nostri non sono degli sprovveduti e, anzi, le sezioni melodiche della stessa ‘Dominion’ mostrano che essi sono in grado di comporre con profondità emotiva e piglio accattivante.

Nondimeno, fanno capolino song assai meno riuscite, tipo ‘The Call to the Ancent Evil’, che non è né carne né pesce. Sempre ordinata e pulita, senz’altro, ma senz’anima. Senza quel quid che la possa far emergere dalla mediocrità che, s’intuisce, non è cosa del quintetto di Kiev. Che, difatti, viceversa, in brani quali ‘To North Gods’ o ‘No Regret’, rimarca la propria attitudine naturale per il melodic e/o viking, invece che per il blackened. In queste occasioni, emerge chiaramente una vena epica che sarebbe un peccato affossare nella banalità di canzoni violente e basta.

Probabilmente si tratta soltanto di lasciarsi andare e di seguire maggiormente l’istinto. Che, come dimostra l’eccellente festival estivo annuale Kilkim Žaibu (Lettonia), è intriso – per i Nordwitch  così come per altri tanti act limitrofi – sino al midollo dal mood che scaturisce dalle leggende baltiche o comunque tipiche delle nazioni baltiche, appunto, slave e magiare.

Per questo, nonostante i vizi riscontrati, “Mørk Profeti” può essere visto come il primo tentativo di una compagine che farà strada.

Quella giusta, necessariamente.

Postivo, infine, che al microfono ci sia una donna – Masha – che, contrariamente al solito cliché, non va a rimpolpare l’esagerato insieme delle female vocals

Daniele D’Adamo

Ultimi album di Nordwitch

Band: Nordwitch
Genere: Death 
Anno:2016
66