Recensione: Slaughtered – Defiled – Dismembered

Di Daniele D'Adamo - 12 Novembre 2016 - 0:00
Slaughtered – Defiled – Dismembered
Etichetta:
Genere: Death 
Anno: 2016
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
45

Davvero difficile credere che i tedeschi Graveyard Ghoul abbiano in mano un contratto discografico, seppure con una micro-label come la Go Fuck Yourself Productions. Incredulit che diventa palpabile quando si scopre che “Slaughtered – Defiled – Dismembered” il terzo full-length di una carriera iniziata nel 2011 (“Tomb of the Mouldered Corpses”, 2012; “The Living Cemetery”, 2014).

Le motivazioni alla base di queste affermazioni non sono poi cos complicate, da elaborare. In estrema sintesi, basta osservare che “Slaughtered – Defiled – Dismembered” sembra in tutto e per tutto il demo-tape d’esordio di una band di metal estremo, proveniente dalla prima met degli anni ottanta.

Il guazzabuglio sonoro che rappresenta la sfilata di song da ‘Mouldered to Madness’ a ‘Into Abyssal Spheres’ davvero difficile da mettere a fuoco, talmente scarso il livello tecnico/artistico della formazione teutonica. Passi il sound terribilmente grezzo e dilettantesco del platter. Ci pu stare. I Graveyard Ghoul, del resto, fanno old school death metal. Quindi normale aspettarsi un suono putrefatto, marcio, stantio. Rozzo, involuto, primordiale. E cos . Tuttavia, dal punto di vista dello stile, i Nostri fanno parecchia fatica a individuare una linea di pensiero unitaria: a volte sembra thrash (‘Necrocult’), a volte doom (‘VHS’) e a volte, appunto, death (‘Slaughtered – Defiled – Dismembered’).

Ma l’elementarit dell’esecuzione che, in primis, sorprende. Davvero, sembra impossibile che, nel 2016, ensemble dai mezzi tecnici cos poveri riescano ad arrivare a incidere dei dischi ufficiali. Per ci, sufficiente porre attenzione sul drumming di Tom “Tyrantor” Horrified, talmente caotico e sconclusionato da essere inintelligibile.

Purtroppo per loro, nessuno si salva. N la chitarra, a livello dei primi esperimenti in merito di Thomas Gabriel Fischer dell’era-Hellhammer (1982), quando si faceva chiamare Satanic Slaughter, con tutto il rispetto parlando; n il basso, le cui linee sono sequenze di semplici pulsazioni che, probabilmente, sono quelle che s’imparano a scuolaper prime; n tantomeno la voce, che, pi che cantare, parla.

In una povert di mezzi simile, difficile anche intravedere la struttura del songwriting. Ma, spesso, se talento e preparazione tecnica, e razionale inventiva vanno spesso insieme a braccetto, pur vero anche il contrario, come dimostrano le canzoni di “Slaughtered – Defiled – Dismembered”. Anche intestardendosi ad ascoltarle pi e pi volte, difatti, fra tutte non ne rimane in testa nessuna. Resta solo un imbarazzante senso di arretratezza e di disorientamento.

Non potevano allinearsi al livello del resto anche i testi, sfilza infinita di clich triti e ritriti, e l’artwork, banale come non mai, ma almeno realizzato in maniera professionale.

Unica cosa, quest’ultimo, che si salva da un naufragio totale.

Daniele D’Adamo

Ultimi album di Graveyard Ghoul