Zakk Wylde: senza Randy Rhoads non sarei nessuno

Di Lucia Cal - 10 Novembre 2012 - 16:40
Zakk Wylde: senza Randy Rhoads non sarei nessuno

 

Zakk Wylde  (BLACK LABEL SOCIETY, OZZY OSBOURNE) diventa nostalgico davanti ai microfoni di Rock Cellar Magazine: nell'intervista recentemente rilasciata alla testata, l'artista riflette su una sorta di benvenuto quasi familiare nell'universo heavy metal, quando, nel 1987, entrò a far parte della band di Ozzy:
 
"Decisamente, una famiglia esattamente come lo è oggi. Anche quei primissimi spettacoli, tutti facevano il tifo per me perché ero uno della squadra, e volevo bene a Randy Rhoads più di ogni altro nel gruppo. Hanno visto che riuscivo a suonare la roba di Randy esattamente alla sua maniera, ed aveva il massimo rispetto per quello che facevo. Sicuramente non puoi rimpiazzarlo, quindi sei in dovere di rispettare la sua musica, di suonarla accuratamente. Glielo devi, perché questa è la casa che Rhoads ha costruito. E senza Randy Rhaods, non ci sarebbe mai esistito uno Zakk Wylde".