Live Report: Pain of Salvation @Circolo Magnolia, Segrate (MI)

inserito da
Live Report: Pain of Salvation @Circolo Magnolia, Segrate (MI)

Unica tappa italiana del tour europeo dei Pain of Salvation, che tornano al Circolo Magnolia, questa volta accompagnati dai conterranei Port Noir.

PAIN OF SALVATION +  PORT NOIR

6/4/2017 @Live Club, Circolo Magnolia (Segrate, MI)

 

5f583d8cb429e1292ee032cb83275b217

 

 

 

 

L’affluenza del pubblico è decisamente buona, per quella che si preannuncia una serata di grande musica. Alle 21 precise, lo show del trio svedese Port Noir ha inizio, e da subito il talento di questi sconosciuti ragazzi, seppur con due album e un EP all’attivo, fa presa sul pubblico. Il muro sonoro che creano sembra fatto da dieci persone: Andreas "AW" Wiberg alla batteria è il perfetto mix di potenza e precisione; il cantante chitarrista Love Andersson con la sua voce ipnotica e pulita, a tratti oscura, disegna paesaggi quasi onirici; infine i cori del secondo chitarrista Andreas Hollstrand non lasciano certo indifferente un pubblico completamente immerso nell’ascolto.  Le sonorità prog dei Port Noir sono piacevolmente contaminate da elementi al limite dello sludge e dell’elettronica, arricchendo i pezzi proposti con qualcosa di unico e di personale, meritando ampiamente tutti gli applausi che il pubblico tributa a una band che in solo mezz’ora ha dimostrato come il genere possa offrire ancora molto agli appassionati.

 

 

Prima dell’inizio dello show, un sempre sorridente Daniel Gildenlöw sale sul palco per comunicare che in seguito a una lettera inviata dagli amici del musicista Alberto Granucci, scomparso improvvisamente a 32 anni, nella quale si chiedeva di dedicare a lui il brano “The Passing Light of Day”, i PoS dedicheranno non solo questo brano ma l’intero concerto, dichiarazione che oltre a confermare un elevato tasso di umanità, riscuote un lungo e caloroso applauso da parte di tutti. Ma ora è tempo di lasciare spazio alla musica e di farsi avvolgere e travolgere dalle mirabolanti evoluzioni sonore dei PoS. Apertura tutta dedicata al loro ultimo album con “Full Throttle Tribe” e “Reasons”, che con i suoi stacchi penetra nelle teste dei presenti e sembra non volerne più uscire; segue “Meaningless” sulla quale buona parte del pubblico femminile tributa le sue ovazioni sia per il brano in sé, sia per un Gildenlöw dal fisico scolpito e madido di sudore. Il graffiante riff di “Linoleum” e il suo refrain irresistibile, scatenano la voglia di cantare del Magnolia, ormai caldo e sempre pronto a cori e applausi di approvazione e incitazione. Un emozionatissimo Daniel accoglie le rezioni del pubblico, ma anche Ragnar Zolberg, che oltre a lanciarsi in assoli precisi e puliti si muove in lungo e in largo sul palco, alzando il livello dello show, complice forse anche la presenza della madre per questa data.
Anche il passato è importante, e quello dei PoS non è da meno, visto che dal quel capolavoro di Remedy Lane vengono seguite “A Trace Of Blood”, “ Rope Ends” e “Beyond The Pale”, trittico davanti al quale c’è solo da levare il cappello. Dalle inquietanti sonorità di “Ashes”, si passa al momento più emozionante della serata con l’esecuzione della bellissima ballad “Silent Gold”, impreziosita da giochi di luce, e a sorpresa spuntano fuori anche un paio di accendini per accompagnare l’esecuzione di un brano da pelle d’oca. Non c’è tempo per riprendersi dalla meraviglia, visto che la violentissima “On Tuesday” si abbatte sui presenti come un macigno. “The Physics of Gridlock”, con la sua suadente chiusura francese, pone fine alla prima parte del concerto. Dopo pochi minuti di applausi, solo Daniel si presenta sul palco, e dopo aver ricordato ancora una volta il loro fan scomparso, attacca quello che sarà l’ultimo brano della serata “The Passing Light of Day”, sul prosieguo del quale si aggiungono i restanti membri della band, a chiusura di una serata ricca di musica e soprattutto di emozioni, due cose che i PoS sanno elargire in abbondanza, e di certo nessuno tornerà a casa con l’amaro i bocca. Grazie Pain Of Salvation!

 

Tracklist
1. Full Throttle Tribe
2. Reasons
3. Meaningless
4. Linoleum
5. A Trace of Blood
6. Rope Ends
7. Beyond the Pale
8. Ashes
9. Silent Gold
10. On a Tuesday
11. The Physics of Gridlock
Encore:
12. The Passing Light of Day