Judas Priest: per David Ellefson, Ian Hill è "Il più iconico bassista metal della storia"

inserito da
Judas Priest: per David Ellefson, Ian Hill è "Il più iconico bassista metal della storia"

In una recente intervista con Diamond Oz di Metal Underground, che ha preceduto la sua apparizione il 3 novembre a Wolverhampton, in Inghilterra, insieme a K.K DowningTim "Ripper" Owens e il batterista Les Binks, David Ellefson ha parlato dell'influenza di Ian Hill, batterista dei Judas Priest.

 

"Sono il più grande fan di Ian Hill. Ho sempre ammirato il suono del suo basso dal momento in cui l'ho ascoltato. È pulito; è preciso. Ho emulato molto del suo stile durante il periodo dei MEGADETH degli anni '90, quando le nostre canzoni sono diventate un po' più mainstream; ho emulato ciò che i JUDAS I PRIEST hanno fatto quando avevano il loro grande periodo su MTV negli anni '80. Il basso di Ian suonava, a volte, molto progressive, quasi nello stile dei JETHRO TULL, di Jack Bruce [ CREAM ]. Poi a volte suonava davvero semplice per supportare la canzone. È stata la mia influenza numero uno. Altre influenze erano Steve HarrisGeddy Lee [ RUSH ] e, naturalmente, Gene Simmons, ma Ian non ha molto del grande credito di altre celebrità perché non è in prima fila - è intenzionalmente nelle retrovie. Se pensi al bassista heavy metal più formidabile, probabilmente iconico, è lui. Non ascoltavo quelle canzoni nella mia auto come un fan, ma per prendere il basso e studiare quello che stava facendo, è stata davvero un'istruzione incredibile".

È divertente come JUDAS PRIEST e MEGADETH siano così simili in tanti modi. Ovviamente, molto di ciò che abbiamo imparato lo abbiamo preso da loro. Eppure, come ha detto K.K. nel suo libro, quando hanno fatto 'Painkiller' erano molto consapevoli del genere thrash metal, ovvero quello che facevamo noi. Penso che il thrash li abbia spinti a scavare in profondità e tirar fuori dischi come "Painkiller" e persino la coppia di dischi quando Ripper era nella band. Ci sono cose abbastanza profonde e piuttosto intricate, dei JUDAS PRIEST molto diversi in quell'epoca. Posso riferirmi a questo. I MEGADETH hanno fatto la stessa cosa. Abbiamo dovuto reinventare e scavare in profondità e reinventare noi stessi durante i 36 anni in cui siamo stati una band. In molti modi, JUDAS PRIEST e MEGADETH hanno avuto un percorso simile. Penso che siano cose che probabilmente legano me e K.K. come fratelli in armi, oltre che come musicisti professionisti."