Recensione: Invasion [Split]

inserito da

Invasione.

Da una parte, degli insetti; dall'altra, dei Grandi Antichi.

Uno split-album concettualmente ideale, quindi, quello fra le due band di brutal death metal canadesi Fumigation e The Path To R'lyeh; split intitolato, per l'appunto "Invasion".

Ideale solo sulla carta, però. Entrambe le formazioni, difatti, non paiono possedere i crismi per emergere da una sorta di limbo underground ove domina la similitudine. Quella esistente fra i vari ensemble che praticano il genere appena citato. Più che similitudine, addirittura, eguaglianza.

Growling rabbiosi, drumming astrusi e inutilmente complicatissimi, bassi che tracciano linee impossibili, chitarre che elaborano riff assai complessi sì da contrarre, in un denso malloppo di note monotonamente arroccate su se stesse, tutto il sound.

Già il fatto che si possa discutere di entrambi i combo con le medesime osservazioni la dice lunga sul grado di originalità posseduto da tutt'e due.

Come spesso accade in questi casi non si può discutere la tecnica strumentale, nella quale sia i Fumigation sia i The Path To R'lyeh non sono secondi a nessuno. Si discute, invece, il songwriting. Incapace, anzitutto, come già accennato, di ammantare di personalità propria gli stili messi in campo, tragicamente uguali a mille altri, e, tutti, perfettamente allineati a tutto ciò che riguarda il brutal death metal, inserti jazzistici compresi.

Anche ripetendo oltremodo l'ascolto di "Invasion" si fa fatica a distinguere ciò che fa una da ciò che fa l'altra. Come se si trattasse del disco prodotto da un'unica band, insomma. Il che si ripete a cascata, come ulteriore difetto di composizione, nelle varie song. Troppo deboli e acerbe per potersi distinguere l'una dalle altre. La personalità è un'altra cosa, come per esempio dimostrano campioni del calibro dei Wormed. Senza salire così di livello, comunque, i Fumigation e i The Path To R'lyeh sono molto distanti dall'aver individuato quell'invisibile spirito vitale che rende unica e irripetibile la storia di una band di metal estremo ma non solo. 

"Invasion", in breve tempo, diventa un punto interrogativo fluttuante sopra la testa ma, soprattutto, irresistibilmente noioso.

Daniele "dani66" D'Adamo

 

 
50