Vario

Speciale Natalizio 2021

Di Giuseppe Casafina - 25 Dicembre 2021 - 0:00
Speciale Natalizio 2021

Dal 2001 al 2021 passano quattro lustri, due decenni, vent’anni: ed è proprio quest’anno che festeggiamo, oltre alle canoniche festività natalizie con tanto di specialone di fine anno a tema, ben vent’anni di TrueMetal.it!
Un grazie deciso a voi tutti per aver vissuto assieme due decenni di Heavy Metal, concerti (che speriamo riprendano a pieno regime il prima possibile) e tanto volume assordante. Due decenni in cui abbiamo vissuto assieme dischi, band, soddisfazioni, delusioni: ed è proprio parte di queste cose che fan parte da sempre del nostro Specialone Natalizio a tema Santa Claus & dintorni, quindi bando alle ciance e diamoci dentro pure quest’anno!

La Top 10 del 2021 di Tiziano Marasco:

01 – Iotunn – “Access All Worlds”
02 – 1914 – “Where Fear and Weapons Meet”
03 – Can Bardd – “Devoured by the Oak”
04 – Vola – “Witness””
05 – Between the Buried and me – “Colors II”
06 – In tormentata quiete – “Krononota”
07 – Moonspell – “Hermitage”
08 – Anneke Van Giersbergen – “The Darkest Skies are the Brightest”
09 – Mastodon – “Hushed and grim”
10 – Genghis Tron – “Dream Weapon”

La rivelazione dell’anno: i Leprous che hanno fatto di nuovo un disco completamente apprezzabile.

La delusione dell’anno: ma direi nessuna, dato che i Leprous hanno disatteso le aspettative e Lucassen esce fra due mesi.

L’aspettativa musicale del 2022: se la situazione lo concede, vedere finalmente i Katatonia dal vivo a fine gennaio (gufata tremenda).

La Top 10 del 2021 di Gianluca Fontanesi:

01 – Epiphanic Truth – “Dark Triad: Bitter Psalms To A Sordid Species”
02 – Déhà – “Ave Maria II”
03 – Grey Aura ‎– “Zwart Vierkant”
04 – Suffering Hour ‎– “The Cyclic Reckoning”
05 – Kanonenfieber – “Menschenmühle”
06 – Seth – “La Morsure Du Christ”
07 – Antediluvian ‎– “The Divine Punishment”
08 – Cradle Of Filth ‎– “Existence Is Futile”
09 – Lvcifyre – “The Broken Seal”
10 – Craven Idol – “Forked Tongues”

La rivelazione dell’anno: “Epiphanic Truth”, disco indimenticabile! Di italiani invece segnalo gli Argesh, sentiremo ancora parlare di loro!

La delusione dell’anno: Exodus, perché è bellissimo ma io sono una vedova inconsolabile di Rob Dukes.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: ‘www.mipiacitu’ dei Gazosa!

L’aspettativa musicale del 2022: Meshuggah, what else?

La Top 10 del 2021 di Andrea Bacigalupo:

(premessa: non ho preso in considerazione ‘Senjutsu’ e ‘Persona non Grata’ perché non ancora ascoltati con sufficiente attenzione)

01 – Flotsam and Jetsam – “Blood in the Water”
02 – Dee Snider – “Leave a Scar”
03 – Death Angel – “The Bastard Tracks”
04 – Charlie Benante – “Silver Linings”
05 – Bullet-Proof – “Cell XIX”
06 – Xenos – “The Dawn of Ares”
07 – Prestige – “Reveal the Ravage”
08 – Ravager – “The Third Attack”
09 – Molten – “DystopianSyndrome”
10 – Sacred Oath – “Return of the Dragon”

La rivelazione dell’anno: rimanendo nell’ambito underground, hanno pubblicato dei bei lavori gli americani Misfire e Molten ed i nostri Burning Letter e Frustration.

La delusione dell’anno: nessuna delusione.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: sinceramente, di veri capolavori usciti nel 2001 non me ne ricordo.

L’aspettativa musicale del 2022: prendo quel che arriva, qualche buon disco esce sempre

La Top 10 del 2021 di Marco Donè:

01 – Soen – “Imperial”
02 – Thy Catafalque – “Vadak”
03 – Yoth Iria – “As the Flame Withers”
04 – Evergrey – “Escape of the Phoenix”
05 – Secret Sphere – “Lifeblood”
06 – Labyrinth – “Welcome to the Absurd Circus”
007 – Helloween – “Helloween”
08 – Cradle of Filth – “Existence Is Futile”
09 – Necromantia – “To the Dephts We Descend…”
10 – Tales and Legends – “Struggle of the Gods”

La rivelazione dell’anno: Ce ne sarebbe più di qualcuna, ma preferisco restare in Italia, quindi dico Tales and Legends.

La delusione dell’anno: Un anno di grande, grandissima qualità, tanto che stilare la top ten è stato davvero difficile. Grosse delusioni non ne trovo. Mezze delusioni sì, ma qui si parla di “delusione dell’anno”… Passo oltre, quindi.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: il 2001 è stato un altro anno di grande qualità, con dischi che hanno segnato un’epoca: Domine, Edguy, Lacuna Coil, Moonspell, giusto per citarne qualcuno. Un disco, però, ha primeggiato e si è imposto su tutti: Avantasia – Avantasia.

L’aspettativa musicale del 2022: Megadeth! Spero il nuovo album possa finalmente uscire.

La Top 10 del 2021 di Roberto Gelmi:

01 – Soen – “Imperial”
02 – Between the Buried and Me – “Colors II”
03 – Mastodon – “Hushed And Grim”
04 – Leprous – “Aphelion”
05 – Helloween – “Helloween”
06 – Dream theater – “A View from the Top of the World”
07 – Transatlantic – “The Absolute Universe”
08 – Liquid Tension Experiment – “3”
09 – Evergrey – “Escape Of The Phoenix”
10 – Auri – “II – Those We Don’t Speak Of”

La rivelazione dell’anno: la conferma dei Northtale e il nuovo valido album dei Dream Theater.

La delusione dell’anno: Ainur – “War of The Jewels”.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Ark – “Burn the Sun”, ma anche il primo capitolo Avantasia.

L’aspettativa musicale del 2022: il nuovo album dei The Flower Kings, il trio Morse-D’virgilio-Jennings e il ritorno dei Porcupine Tree.

La Top 10 del 2021 di Vittorio Cafiero:

01 – Trivium – “In The Court Of The Dragon”
02 – Tremonti – “Marching In Time”
03 – Evergrey – “Escape Of The Phoenix”
04 – Helloween – “Helloween”
05 – Jinjer – “Wallflowers”
06 – Brainstorm – “Wall Of Skulls”
07 – Veil Of Conspiracy – “Echoes Of Winter”
08 – Robin McAuley – “Standing On The Edge”
09 – Todd La Torre – “Rejoice In The Suffering”
10 – Silver Talon – “Decadence And Decay”

La rivelazione dell’anno: Silver Talon! Nevermore meets Sanctuary meets NWOTHM. Davvero ottimi!

La delusione dell’anno: Paradox – “Heresy II”, un ritorno deludente.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Opeth – “Blackwater Park”.

L’aspettativa musicale del 2022: Il nuovo album degli Immolation e vedere i King’s X dal vivo.

La Top 10 del 2021 di Marco Tripodi:

01 – Death SS – “X”
02 – Theatres Des Vampires – “In Nomine Sanguinis”
03 – Pestilence – “Exitivum”
04 – Cradle Of Filth – “Existence Is Futile”
05 – The Plague – “Within Death”
06 – Everdawn – “Cleopatra”
07 – Green Jellÿ – “Garbage Band Kids”
08 – Frozen Soul – “Crypt Of Ice”
09 – Doctor Smoke – “Dreamers And The Dead”
10 – Tribulation – “Where The Gloom Becomes Sound”

La rivelazione dell’anno: nessuna in particolare.

La delusione dell’anno: Carcass e Mordred, due ritorni decisamente modesti.

L’aspettativa musicale del 2022: buona musica.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Domine – “Stormbringer Ruler” e Powers Court – “Nine Kinds Of Hell”.

La Top 10 del 2021 di Nadia Giordano:

01 – Yngwie J. Malmsteen – “Parabellum”
02 – Hypocrisy – “Worship”
03 – Death SS – “X”
04 – Iron Maiden – “Senjutsu”
05 – Vexillum – “When Good Men Go to War”
06 – Cradle of Filth – “Existence Is Futile”
07 – Wardruna – “Kvitravn”
08 – Marty Friedman – “Tokyo Jukebox 3”
09 – Ivar Bjørnson & Einar Selvik – “Hardanger”
10 – Secret Sphere – “Lifeblood”

La rivelazione dell’anno: Ivar Bjørnson & Einar Selvik – “Hardanger”, mi avevano piacevolmente colpito con il precedente “Hugsja” e continuano a farlo anche con questo nuovo EP.

La delusione dell’anno: non c’è!

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Dimmu Borgir – “Puritanical Euphoric Misanthropia”.

L’aspettativa musicale del 2022: considerando che stanno cancellando molti concerti, non ho al momento aspettative in ambito live, se invece parliamo di album in studio, attendo con ansia il nuovo di Steve Vai.

La Top 10 del 2021 di Stefano Usardi:

01 – Wardruna – “Kvitravn”
02 – Cynic – “Ascension Codes”
03 – Wolves in the Throne Room – “Primordial Arcana”
04 – Flotsam & Jetsam – “Blood in the Water”
05 – Dawn of a Dark Age – “Le Forche Caudine 321 a.C. – 2021 d.C.”
06 – Wheel – “Preserved in Time”
07 – Mastodon – “Hushed and Grim”
08 – Hesperia – “Roma, Vol. II”
09 – Nervosa – “Perpetual Chaos”
10 – Rivers of Nihil – “The Work”

La rivelazione dell’anno: “The Mad King” dei greci Warrior Path.

La delusione dell’anno: nessuna in particolare…

Il capolavoro uscito 20 anni fa: ce ne sarebbero parecchi, in realtà (Domine, Opeth, System of a Down, Kreator…), ma se devo sceglierne uno dico “Mandrake” degli Edguy, anche se a me basterebbe la sola sesta traccia, ‘The Pharaoh’.

L’aspettativa musicale del 2022: il nuovo album dei Blind Guardian.

La Top 10 del 2021 di Stefano Ricetti:

01 – Ronnie Atkins – “One Shot”
02 – Rhapsody Of Fire – “Glory For Salvation”
03 – Robin Mc Auley – “Standing On The Edge”
04 – Death SS – “Ten”
05 – L.A. Guns – “Checkered Past”
06 – Bulldozer – Ride Hard Die Fast [Boxset]”
07 – Nanowar Of Steel – “Italian Folk Metal”
08 – Labyrinth – “Welcome to the Absurd Circus”
09 – Motörhead – “Everything Louder Forever”
10 – Skanners – “Greatest Hits”

La rivelazione dell’anno: Hellfox.

La delusione dell’anno: Running Wild – “Blood On Blood”. Delusione cocentissima, sottolineo. Una delle band che più ho amato in vita nella veste attuale non mi suscita più né emozione né godimento ma solo rabbia per quello che poteva essere e che invece non è…

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Rhapsody Of Fire – “Rain of a Thousand Flames”

L’aspettativa musicale del 2022: i nuovi di Virgin Steele, Saxon, Medieval Steel. Il ritorno dei Death SS dal vivo.

La Top 10 del 2021 di Nicola Furlan:

01 – Exodus – “Persona Non Grata”
02 – Cynic – “Ascension Codes”
03 – Evergrey – “Escape of the Phoenix”
04 – Dawn of a Dark Age – “Le Forche Caudine 321 a.C. – 2021 d.C.”
05 – Ulver – “Hexahedron, Live at Henie Onstad Kunstsenter”
06 – Cannibal Corpse – “Violence Unimagined”
07 – Darkthrone – “Eternal Hails”
08 – Pestilence – “Exitivm”
09 – Mastodon – “Hushed and Grim”
10 – Negură Bunget – “Zău”

La rivelazione dell’anno: Cynic. Data la lunga attesa (c’eravamo comunque abituati…), i lutti tremendi che hanno colpito gli storici compagni e dopo il non molto convincente “Kindly Bent to Free Us”, non avrei mai pensato che il buon Masvidal potesse cacciare fuori un disco favoloso come “Ascension Codes”. Top assoluto.

La delusione dell’anno: Carcass! “Torn Arteries” è uno schifo totale. Faccio fatica a trovarci qualcosa di lontanamente dignitiso, artwork compreso. Zero attitudine!

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Opeth – “Blackwater Park”.

L’aspettativa musicale del 2022: il prossimo capitolo degli Immolation!

La Top 10 del 2021 di Daniele D’Adamo:

01 – Fear Factory – “Aggression Continuum”
02 – Mister Misery – “A Brighter Side of Death”
03 – Ex Deo – “The Thirteen Years of Nero”
04 – Whitechapel – “Kin”
05 – Dee Snider – “Leave a Scar”
06 – Annisokay – “Aurora”
07 – Devil Sold His Soul – “Loss”
08 – Omnium Gatherum – “Origin”
09 – Nightland – “The Great Nothing”
10 – 1914 – “Where Fear and Weapons Meet”

La rivelazione dell’anno: “The Great Nothing” dei Nightland, cioè anche in Italia si può confezionare un disco di symphonic death metal ai massimi livelli.

La delusione dell’anno: Unleashed & Carcass. Poche idee. Poca voglia. Poco tutto.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: 19-02-2001: “A.M.G.O.D.” degli …and Oceans. Un grande e innovativo disco da parte di uno dei gruppi più sottovalutati di sempre.

L’aspettativa musicale del 2022: il ritorno dei grandi festival estivi. Covid-19 permettendo.

La Top 10 del 2021 di Giuseppe Casafina:

01 – Wombbath – “Agma”
02 – Hesperia – “Roma Vol.II”
03 – Seth – “La Morsure du Christ”
04 – Demon Head – “Viscera”
05 – Funeral – “Praesentialis in Aeternum”
06 – Daemonicus – “Eschaton”
07 – Ossario – “Grave Metal” (Compilation)
08 – Blaze Bayley – “War Within Me”
09 – Nanowar of Steel – “Italian Folk Metal”
10 – Apshyx – “Necroceros”

La rivelazione dell’anno: “Roma Vol.II” dii Hesperia e “Grave Metal” degli Ossario. Nel primo caso sapevo più o meno cos’aspettarmi ma le aspettative son state poi notevolmente superate, mentre i secondi sono una piacevolissima sorpresa che mi ha ricordato l’attitudine necro-cazzara dei Desaster! Ah, a proposito…

La delusione dell’anno: i Desaster mi hanno dimostrato che anche i tuoi eroi possono commettere un passo falso e, personalmente parlando, “Churches Without Saints” è stato veramente un GROSSO passo falso! Un album sciatto, con un sound e un songwriting altrettanto sciatti, incapace di graffiare come in passato e pure con un suono di batteria stranamente triggerato rispetto ai loro precedenti discografici. Una delusione quasi totale.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: “1184” dei Windir (Ave Valfar) e “Jane Doe” dei Converge.

L’aspettativa musicale del 2022: discograficamente parlando, punto sugli sconosciuti Abyssus dalla Grecia e sul loro prossimo album “Death Revival”, il quale pare abbia proprio il sound giusto e l’attitudine tipica del vero Death Metal Old School! In generale, punto sempre sul materiale Transcending Obscurity Records e non me ne pento mai…

La Top 10 del 2021 di Carlo Passa:

01 – Iron Maiden – “Senjutsu”
02 – Eclipse – “Wired”
03 – Rage – “Resurrection Day”
04 – Helloween – “Helloween”
05 – Ronnie Atkins – “One Shot”
06 – WET – “Retransmission”
07 – Nestor – “Kids in a Ghost Town”
08 – Marty Friedman – “Tokyo Jukebox 3”
09 – Cynic – “Ascension Codes”
10 – Omnium Gatherum – “Origin”

La rivelazione dell’anno: Nestor – “Kids in a Ghost Town”.

La delusione dell’anno: Dream Theater – “A View From The Top Of The World”.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Opeth – “Blackwater Park”.

L’aspettativa musicale del 2022: rivedere gli Iron Maiden (e che suonino “Hell On Earth”!)

La Top 10 del 2021 di Monica Atzei:

01 – Iron Maiden – “Senjutsu”
02 – Exodus – “Persona Non Grata”
03 – Pestilence – “Exitvm”
04 – Helloween – “Helloween”
05 – Rage – “Resurrection Day”
06 – Cannibal Corpse – “Violenced Unimagined”
07 – Mastodon – “Hushed and Grim”
08 – Hypocrisy – “Worship”
09 – Rhapsody of Fire – “Glory for Salvation”
10 – Moonspell – “Hermitage”

La rivelazione dell’anno: Non di certo una rivoluzione ma una conferma il disco degli Iron Maiden! Non tutti saranno d’accordo, ma io l’ho amato sin dal primo ascolto; sarà che sono nostalgica, sarà che il primo gruppo metal ascoltato sono stati proprio loro quindi Up the Irons!

La delusione dell’anno: “Torn Arteries” dei Carcass, mi sembra abbiano perso lo smalto di una volta.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Amon Amarth – “Surtur Rising”.

L’aspettativa musicale del 2022: Riusciranno i nostri eroi ad ascoltare il nuovo album dei Megadeth?! Speriamo!

La Top 10 del 2021 di Francesco Maraglino:

01 – Eclipse – “Wired”
02 – The Night Flight Orchestra – “Aeromantic II”
03 – Dennis DeYoung – “26 EAST Volume 2”
04 – Chris Cornell – “No One Sings Like You Vol. 1”
05 – Night Ranger – “ATBPO”
06 – Dream Theater – “A View From The Top Of The World”
07 – Chez Kane – “Chez Kane”
08 – Thunder – “All The Right Noises”
09 – Andrea Chimenti – “Il Deserto La Notte Il Mare”
10 – The Pretty Reckless – “Death By Rock and Roll”

La rivelazione dell’anno: Sweet Crisis – “Tricks Of My Mind”.

La delusione dell’anno: Mark Spiro – “Traveling Cowboys”.

L’aspettativa musicale del 2022: il nuovo album dei Guns’n’Roses.

La Top 10 del 2021 di Fabio Vellata:

01 – Eclipse – “Wired”
02 – WET – “Retransmission”
03 – Ronnie Atkins – “One Shot”
04 – Levara – “Levara”
05 – Wig Wam – “Never Say Die”
06 – Nestor – “Kids in a Ghost Town”
07 – The Night Flight Orchestra – “Aeromantic II”
08 – The Darkness – “Motorheart”
09 – The Dead Daisies – “Holy Ground”
10 – Iron Maiden – “Senjutsu”

La rivelazione dell’anno: Nestor – “Kids in a Ghost Town”.

La delusione dell’anno: Non una grande in particolare. Più che altro tante piccole delusioni dovute alla noia di trovarsi, spesso, a dover ascoltare uscite inutili che fanno solo perdere tempo e soffocano chi davvero meriterebbe.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: “Mutter” dei Rammstein, “Poets and Madmen” dei Savatage, “In Search of Truth” degli Evergrey.

L’aspettativa musicale del 2022: Più che altro un auspicio…mooooooooolta meno quantità e più qualità!

La Top 10 del 2021 di Alessandro Rinaldi:

01 – Night Crowned – “Hädanfärd”
02 – Spectral lore – “Ετερόφωτος”
03 – Theatres des vampires – “In Nomine Sanguinis”
04 – Cradle of filth – “Existence is Futile”
05 – Wardruna – “Kvitravn”
06 – Seth – “La Morsure du Christ”
07 – Panopticon – “…And Again Into The Light”
08 – Kanonenfieber – “Menschenmühle”
09 – Ondfødt – “Norden”
10 – Mork – “Katedralen”

La rivelazione dell’anno: Night Crowned.

La delusione dell’anno: le persone. Onestamente, dopo il lockdown, mi aspettavo qualche cambiamento positivo. Ed invece ho ritrovato un mondo peggiore.

L’aspettativa musicale del 2022: Il nuovo album dei Ne Obliviscaris.

La Top 10 del 2021 di Elisa Tonini:

01 – Nawather – “Kenz Illusion”
02 – Dalriada – “Őszelő”
03 – WagakkiBand – “Starlight” (EP)
04 – Nine Treasures – “Awakening from Dukkah”
05 – Yaşru – “Kar Prensesi”
06 – ЖаБЪ – “Жабь, грабь, убивай!”
07 – Dzung – “Dzanca”
08 – Arandu Arakuaa – “Ainãka” (EP)
09 – Nanowar of Steel – “Italian Folk Metal”
10 – Darkestrah – “Chong-Aryk” (EP)”

La rivelazione dell’anno: Giorgio Mastrota. Dopo averlo stregato nel 2014 con la canzone a lui dedicata, i Nanowar of Steel sono riusciti a trasformarlo per davvero in un guerriero nordico di pura lana merino. Un personaggio “mainstream” della tv italiana (spesso associata al trash ) cioè…un miracolo. E che voce !
Tralasciando certi grandi nomi occidentali, generalmente per me sono usciti pochi album, ma in compenso tantissimi singoli. Svariati di questi li trovo particolarmente coinvolgenti, come un paio dei Gyze e dei Japanese Folk Metal.

La delusione dell’anno: Certamente l’abbandono di Hietala dai Nightwish è stata una sorpresa estrema, anche perchè la sua voce era uno dei marchi di fabbrica del gruppo e stava davvero bene con la voce di Floor.
Considerando album/EP, nessuna delusione eclatante. Si tratta di opere dignitose (o più) dove qualche pezzo meno convincente per qualità o per gusto, può farsi sentire.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: tra “Mutter” dei Rammstein, “Toxicity” dei System of a Down e “Voimasta Ja Kunniasta” dei Moonsorrow è una scelta difficile, dischi fatti da band ben diverse tra loro per sonorità e background culturale. Prediligo tuttavia il folk metal e “Toxicity” dei System of a Down vince per la bellezza vocale di Serj ed il mix esplosivo in salsa armena.

L’aspettativa musicale del 2022: l’uscita di nuovo materiale da parte delle band che seguo…sperando che sia anche di qualità.

La Top 10 del 2021 di Roberto Castellucci:

01 – Thunder – “All The Right Noises”
02 – Ghostheart Nebula – “Ascension”
03 – Cathartic Demise – “In Absence”
04 – Helloween – “Helloween”
05 – Alice Cooper – “Detroit Stories”
06 – Asphyx – “Necroceros”
07 – Eldritch – “Eos”
08 – Nightland – “The Great Nothing”
09 – Flotsam And Jetsam – “Blood In The Water”
10 – Dee Snider – “Leave a Scar”

La rivelazione dell’anno: Starforger – “Wreath Of Frost”.

La delusione dell’anno: Carcass – “Torn Arteries”.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Destruction – “The Antichrist”.

L’aspettativa musicale del 2022: poter finalmente togliere la polvere dai biglietti dei concerti rinviati negli ultimi 2 anni…

La Top 10 del 2021 di Matteo Pedretti:

01 – Amenra – “De Doorn”
02 – Wolves In The Throne Room – “Primordial Arcana”
03 – Eyehategod – “A History of Nomadic Behaviour”
04 – Tribulation – “When the Gloom Becomes Sound”
05 – Wardruna – “Kvitravn”
06 – Panopticon – “…And Again Into the Light”
07 – Emma Ruth Rundle – “Engine of Hell”
08 – Body Void – “Bury Me Beneath this Rotting Earth”
09 – Lingua Ignota – “Sinner Get Ready”
10 – Demon Head – “Viscera”

La rivelazione dell’anno: Grief Collector.

La delusione dell’anno: nessuna in particolare

Il capolavoro uscito 20 anni fa: My Dying Bride “The Dreadful Hours”.

L’aspettativa musicale del 2022: concerti!

La Top 10 del 2021 di Manuele  Marconi:

01 – Deceiver legion – “Varjoissaù”
02 – Aenigmatum – “Deconsecrate”
03 – Dead Summer Society – “Decades”
04 – Seizure – “Born in the Dark”
05 – Aethyrick – “Apotheosis”
06 – Night Crowned – “Hadanfard”
07 – Darkthrone – “Eternal Hails…..”
08 – Prygla – “Prygla”
09 – Grima – “Rotten garden”
10 – Valdaudr – “Drapsdalen”

La rivelazione dell’anno: Seizure.

La delusione dell’anno: Mayhem.

L’aspettativa musicale del 2022: – Nuovo album dei Megadeth, full lenght dei Vektor, terzo album dei Night Crowned (sperando nella consacrazione), ritorno sulla scena di Blood incantation, Svartidaudi, Vexovoid, Droid e Condition Critical.

La Top 10 del 2021 di Costanza Marsella:

01. Converge & Chelsea Wolfe – “Bloodmoon: I”
02. Lingua Ignota – “Sinner Get Ready”
03. Seth – “La Morsure Du Christ”
04. Aquilus – “Bellum I”
05. Plebeian Grandstand – “Rien ne suffit”
06. Cradle of Filth – “Existence Is Futile”
07. Pantheist – “Closer to God”
08. Unto Others – “Strength”
09. Dawn Of A Dark Age – “Le Forche Caudine 321 a.C. – 2021 d.C.”
10. Kælan Mikla – “Undir Köldum Norðurljósum”

La rivelazione dell’anno: i Whitechapel, mi hanno stupito con un disco incredibilmente maturo, personale ed ispirato

La delusione dell’anno: 1914 – WWhere Fear and Weapons Meet”; non che si tratti di un disco insoddisfacente in sé, ma non ha quel quid da ascolto compulsivo, come invece mi sarei aspettata.

L’aspettativa musicale del 2022: il nuovo Celeste, fuori da ogni ragionevole dubbio!

La Top 10 del 2021 di Marco Catarzi:

01 – Dvne – “Etemen Ænka”
02 – Iotunn – “Access All Worlds”
03 – Witherfall – “Curse of Autumn”
04 – Lunar Shadow – “Wish to Leave”
05 – Enforced – “Kill Grid”
06 – Blaze Bayley – “War Within Me”
07 – Pharaoh – “The Powers That Be”
08 – Cambion – “Conflagrate the Celestial Refugium”
09 – Significant Point – “Into the Storm”
10 – Septagon – “We Only Die Once”

La rivelazione dell’anno: rendersi conto che la scena US Power Metal è ancora composta da ottime band, di cui alcune eccellenti.

La delusione dell’anno: musicalmente nessuna, anno migliore del precedente, in cui si potrebbe stilare una seconda top ten altrettanto valida (in ordine sparso Iron Maiden, Hunted, Cannibal Corpse, Flotsam & Jetsam, At The Gates, Exodus, Drawn and Quartered, Paradox, Unto Others… oltre a bellissime realtà underground).

Il capolavoro uscito 20 anni fa: per i miei ascolti il 2001 non era anno di capolavori.

L’aspettativa musicale del 2022: i nuovi dischi di band che attendevo già per il 2021 (Sanctuary, Toxik, Kreator, Exciter, Vektor…) e che la NWOTHM e le altre “new wave delle new wave” non si compongano soltanto di gruppi fotocopia.

La Top 10 del 2021 di Edoardo Turati:

01 – Soen – “Imperial”
02 – Mastodon – “Hushed And Grim”
03 – Sylvan – “One to Zero”
04 – Cynic – “Ascension Codes”
05 – Fufluns – “Refusés”
06 – Witherfall – “Curse of Autumn”
07 – Thy Catafalque – “Vadak”
08 – Leprous – “Aphelion”
09 – Between The Buried And Me – “Colors II”
10 – Transatlantic – “The Absolute Universe”

La rivelazione dell’anno: Terra Odium – “Ne Plus Ultra“.

La delusione dell’anno: allo scadere ma vince a mani basse con una doppietta da brividi (“The Puzzle” e “Snuggles”). Magari è solo uno scherzo di fine anno…

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Tool – “Lateralus”, Opeth – “Blackwater Park”.

L’aspettativa musicale del 2022: Porcupine Tree, Jethro Tull, The Ferryman, Voivod, Marillion.

La Top 10 del 2021 di Germano Verì:

01 – Soen – “Imperial”
02 – Sylvan – “One To Zero”
03 – Omnium Gatherum – “Origin”
04 – Frost* – “Day And Age”
05 – Leverage – “Above The Beyond”
06 – Dream Theater – “A View from the Top of the World”
07 – Steve Hackett – “Surrender of Silence”
08 – Epica – “Omega”
09 – Transatlantic – “The Absolute Universe”
10 – Rhapsody of Fire – “Glory for Salvation”

La rivelazione dell’anno: This Winter Machine – “Kites”.

La delusione dell’anno: Yes – “The Quest”.

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Sonata Arctica – “Silence”.

L’aspettativa musicale del 2022: il nuovo album dei Threshold.

La Top 10 del 2021 di Haron Dini:

1) Between The Buried And Me – “Colors II”
2) Gojira – “Fortitude”
3) Thrice – “Horizons/East”
4) Deafheaven – “Infinite Granite”
5) Dream Theater – “A View from the Top of the World”
6) Red Fang – “Arrows”
7) Rivers Of Nihil – “The Work”
8) Plebeian Grandstand – “Rien Ne Suffit”
9) Volumes – “Happier?”
10) Leprous – “Aphelion”

La rivelazione dell’anno: Ahimè, ho conosciuto solo quest’anno Pete Thorn, dovevo conoscerlo molto prima. È diventato uno dei miei chitarristi preferiti.

La delusione dell’anno: Fortunatamente nessuna!

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Opeth – “Blackwater Park”, Tool – “Lateralus” e Converge – “Jane Doe”.

L’aspettativa musicale del 2022: Sicuramente deve essere un anno più fruttuoso rispetto al 2021. Sperando che le band che amo facciano uscire al più presto qualche riguardante gli album.

La Top 10 del 2021 di Leonardo Ascatigno:

01 – Hymnodya – “Oblivion”
02 – Steve Hackett – “Under a Mediterranean Sky”
03 – Bodom After Midnight -” Paint the Sky with Blood”
04 – Rivers of Nihil – “The Work”
05 – Carcass – “Torn Arteries”
06 – 1914 – “Where Fear and Weapons Meet”
07 – Soen – “Imperial”
08 – Darkthrone – “Eternal Hails…”
09 – Dinosaur Jr – “Sweep It Into Space”
10 – Jerry Cantrell – “Brighten”

La rivelazione dell’anno: Steve Hackett – “Under a Mediterranean Sky”.

La delusione dell’anno: Yes – “The Quest”.

L’aspettativa musicale del 2022: ripresa dell’attività live.

La Top 10 del 2021 di Pasquale Ninni:

01 – Hymnodya – “Oblivion”
02 – Steve Hacket – “Under a Mediterranean Sky”
03 – A Valediction – “Obscura”
04 – Bodom After Midnight – “Paint the Sky with Blood”
05 – Välde – “Humanity’s Last Breath”
06 – At the Gates – “The Nightmare Of Being”
07 – Colors II – “Between the Buried and Me”
08 – Archspire – “Bleed the Future”
09 – Cannibal Corpse – “Violence Unimagined”
10 – Omega – “Epica”

La rivelazione dell’anno: Smith/Kotzen.

La delusione dell’anno: Liquid Tension Experiment – “3”

Il capolavoro uscito 20 anni fa: Devin Townsend – “Terria”.

L’aspettativa musicale del 2022: ritorno all’attività live.

Bene, ribadiamo quanto detto in introduzione, vale a dire un enorme GRAZIE a tutti voi che decidete di dedicarci il vostro tempo.
Che dirvi, se non che cercheremo di non deludervi per i prossimi 20 anni?
Buone abbuffate e occhio al torrone, quello spaccherebbe i denti anche a dei Death Metaller con la dentatura da squalo!