Hard Rock

Guns N’ Roses: Richard Fortus, ‘fu complesso far convivere tre chitarristi assieme’

Di Orso Comellini - 22 Settembre 2020 - 8:44
Guns N’ Roses: Richard Fortus, ‘fu complesso far convivere tre chitarristi assieme’

In podcast su “The Radical With Nick Terzo”, Richard Fortus ha raccontato le difficoltà incontrate nei Guns N’ Roses a suonare con tre chitarristi all’inizio del nuovo millennio.

Amo Robin Finck e il suo modo di suonare. Tommy Stinson è come un fratello, siamo veramente vicini. Poi entrò Buckethead, che veleggiava un po’ per conto suo, ma aveva molto il senso della musica. Ero veramente eccitato all’idea di far parte di quel gruppetto di musicisti e lui, in particolare, è un talento fenomenale. Può essere decisamente difficile lavorarci assieme. Comunque io mi sono divertito un sacco, ma era una dinamica difficile, far funzionare tre chitarre assieme. Buckethead ha fatto un lavoro eccellente, perché ha capito benissimo come funzionassero certe dinamiche e come far combaciare tutti i pezzi del puzzle. Alla fine tutto è andato al proprio posto. Quando poi lui se ne andò e subentrò Bumblefoot le dinamiche furono differenti. Perché Ron è abituato a essere un po’ più individualista. Ha la sua band. Per cui non credo che abbia capito a fondo come far funzionare la cosa. In quel caso fu molto difficile.