Recensione: Afterlife

Di Vito Ruta - 21 Marzo 2021 - 0:01
Afterlife
Band: Sunstorm
Etichetta: Frontiers Music
Genere: Hard Rock 
Anno: 2021
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
77

Nuova uscita, intitolata “Afterlife”, per i Sunstorm, orfani del cantante Joe Lynn Turner, a seguito della sua estromissione, non priva di polemiche, dal gruppo.

Cuciti addosso al cantante statunitense per sdoganare demo accumulati nel corso degli anni, i Sunstorm si sono trasformati, a dire dello stesso Turner (il quale ha voluto chiarire la propria posizione nella vicenda), in un progetto home band dell’etichetta discografica Frontiers.
L’impressione di lavorare a cottimo ha via via sottratto motivazione ed ispirazione a Turner che si è, comunque, sentito decisamente contrariato dalla decisione presa dalla casa discografica di far proseguire il cammino della band (e non sarebbe potuto essere diversamente considerato il diretto coinvolgimento nel gruppo di Alessandro Del Vecchio, questa volta, nella triplice veste di tastierista, autore e produttore).
La scelta del nuovo frontman chiamato al non facile compito di sostituire Turner è caduta sul cileno Ronnie Romero (Rainbow, Lords of Black), dall’indiscusso talento, che, anticipiamolo pure, regge il confronto con l’illustre predecessore.
Completano la line up, unitamente a Del Vecchio e Romero, Simone Mularoni alla chitarra, Nik Mazzucconi al basso e Michele Sanna, altra new entry, alla batteria.
L’album, che ha un suono caldo ed omogeneo, offre un livello compositivo elevato, anche se in alcune occasioni non si sottrae a sensazioni di deja-vu.

Il set di brani, in perfetto equilibrio tra hard rock e melodic rock, offre suggestioni che spaziano da Rainbow a Whitesnake, da Deep Purple a Journey e nasconde, nella generale gradevolezza della scaletta, episodi particolarmente ben riusciti.
La titletrack “Afterlife” (che allude, forse, alla seconda vita del gruppo dopo il periodo Turner?) e la successiva “One step closer” sono brani soddisfacenti, adatti a rompere il ghiaccio, anche se non si contraddistinguono particolarmente per originalità.
Swan song” e “Born again”, in cui spicca un grande solo di Mularoni, due buoni pezzi di hard rock classico eseguiti con verve e mestiere, presentano una maggiore ispirazione.

Lo stile di scuola prettamente AOR di “Stronger” viene riscattato dal chorus cachty e da un’altra bella prova di Mularoni.
I Found a way” è uno di quegli episodi davvero ben riusciti a cui si alludeva prima, con una interpretazione di Romero che conquista, richiamando alla memoria il miglior Coverdale.
Dopo la prevedibile “Lost Forever” segue la eroica “Far from over” con un altro chorus ed un’altra interpretazione di Romero destinate a lasciare il segno. Le interessanti e dinamiche “Here for you Tonight” e “Darkness night” preparano il gran finale rappresentato dalla briosa “A story that you can tell”, dal taglio Rainbow.

After Life” è un album bello, ricco di melodie, che scorre senza intoppi e la Frontiers ben ha fatto a portare avanti il gruppo, confermando l’intuito e la lungimiranza che la contraddistinguono.
Se ne faccia una ragione Joe Lynn Turner che, dall’alto della sua esperienza, dovrebbe essere ben consapevole della spietata legge dello spettacolo (rinverdita da Checco Zalone): “De sciò masciogò”!

Ultimi album di Sunstorm

Band: Sunstorm
Genere: Hard Rock 
Anno: 2021
77
Band: Sunstorm
Genere: Hard Rock 
Anno: 2018
79
Band: Sunstorm
Genere: Hard Rock 
Anno: 2016
75
Band: Sunstorm
Genere:
Anno: 2012
91
Band: Sunstorm
Genere:
Anno: 2009
90