Recensione: Believe

Di Marcello Catozzi - 31 Ottobre 2013 - 0:01
Believe
Etichetta:
Genere: Hard Rock 
Anno: 2013
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
72

Con buon tempismo sulla ?release date? ufficiale (fissata per il 25 ottobre 2013), occupiamoci del debut album di Giulio Garghentini, artista lodigiano piuttosto noto sulle scene ?live? principalmente come leader dei Dream Company, una delle pi famose Bon Jovi tribute band a livello europeo. Inoltre, Giulio stato protagonista in altri contesti quali Mantra e Darkfire e ha pure preso parte a musical quali ?Grida di libert? e ?Jesus Christ Superstar?.

Fatte queste doverose premesse, accingiamoci a far girare il CD.
Il disco si apre con ?No second chance?, dall?approccio piuttosto familiare: riff iniziale di ispirazione Hard Rock, poi ripreso dal cantato, chiaro e pulito, nello stile di Garghentini. La canzone si arricchisce presto di una consistente trama di tastiere, che concorre a conferire un sound dinamico e soprattutto moderno a tutto il brano. Il motivo orecchiabile e ricorda gli Europe, in alcuni passaggi e pi in generale negli schemi sonori; anche l?assolo di chitarra suona limpido e scorrevole, in conformit con l?insieme della struttura.
?I can?t stand the rain? esordisce con un attacco energico all?unisono e stacchi vigorosi che portano in evidenza il ruolo fondamentale rivestito da chitarre e tastiere. La parte centrale, particolarmente, si distingue per un intreccio di virtuosismi chitarristici alternati con un lavoro di tastiere molto ben articolato; il tutto valorizzato da cori sontuosi in piena armonia con la strumentalit del brano.

?My jesus? ci porta suggestive note di pianoforte, sulle quali danzano le melodie di una voce dolcissima e parecchio ispirata, poi assecondate da un delicato quanto discreto accompagnamento di chitarra. Il crescendo reso ancora pi emozionale dalla presenza dei cori, che conferiscono un tocco gospel a questa ballad di rimarchevole spessore, che regala una certa commozione all?ascolto.
Chitarra e tastiere tracciano la direzione di questa ?Down the line?, assai dinamica e vivace, di gusto e palese impostazione ?Melodic Rock?, farcita da una sapiente nervatura di tastiere e da un variegato lavoro di chitarra, con le parti vocali molto ben curate e sempre sugli scudi.
?The words that i haven?t said? si distingue alquanto, rispetto alle precedenti tracce, per ritmica e orientamento (in puro ?Percudani style?, qui peraltro anche dietro al microfono), con un guitar solo di grande qualit e consistenza.
La title-track ?Believe?, di evidente impronta ?Melodic Hard Rock?, contraddistinta da un?intro di batteria, subito seguita dalla consueta accoppiata chitarra / tastiere a scandire il motivo dominante della canzone, appoggiata da cori di spiccata personalit. Il bridge, ben costruito, apre le porte a un assolo chitarristico di ampio respiro e intensit.
Nella successiva ?Rockstar? compaiono tocchi di sapore Funky, incorniciati da un eccellente tessuto chitarristico e da parti vocali ben congegnate e articolate, con un assolo di pregevole fattura.
L?ouverture di ?Sweet hard fighter?, dai toni pacati e sereni, viene poi interrotta dall?ingresso degli altri strumenti contestualmente a un calibrato cambio di ritmo, che diventa sempre pi rotondo e incalzante. Il guitar solo sopraggiunge, come sempre, gradevole e affiancato da un?elegante rifinitura di synth, che concorre a mantenere l?atmosfera iniziale.
Dopo l?interessante ?Love is dead?, nella quale convivono essenze di Funk e AOR, arriva un altro pezzo di ambientazione pacata e delicata, con linee vocali dolci e modulate e un?interpretazione di grande rilievo, improntata sul pathos: ?So beautiful? lascia un retrogusto un po? melanconico e chiude l?album nel segno della nostalgia e dell?emozione.

In sostanza, si pu affermare che il primogenito dell?artista lodigiano venga alla luce provvisto di tutti i connotati che ne delineano la personalit, il carattere: un ottimo songwriting, doti vocali di prim?ordine, spiccata versatilit con aperture a modelli di differente estrazione (Hard Rock, Blues, Funky), linee melodiche capaci di caricare emotivamente l?ascoltatore.
D?altro canto, non si pu trascurare la particolare attenzione posta nella produzione di questo disco: esemplari arrangiamenti, suoni sempre curati ed equilibrati in tutte le loro componenti, rappresentano elementi che conferiscono a ?Believe? i tratti distintivi e peculiari di un appartenente alla prolifica ?Tanzan Family?, la quale viene ad accrescersi, cos, di un ulteriore congiunto (oltre ai gi noti HungryHeart, Smokey Fingers, ecc.).
Vedremo, dunque, quali altre sorprese ci riserver per il futuro la premiata Scuderia Tanzan…
Rock on!

———
Il disco stato prodotto e arrangiato da Mario Percudani; stato registrato, mixato e masterizzato da Mario Percudani e Daniele Mandelli presso il Tanzan Music Studio di Ospedaletto Lodigiano (LO).
Etichetta: Tanzan Music www.tanzanmusic.com
Sito ufficiale: www.giuliogarghentini.com

Discutine sul forum nella sezione Hard Rock / Aor / Stoner!

Ultimi album di Giulio Garghentini

Genere: Hard Rock 
Anno: 2013
72