Recensione: Divine Intervention

Di Nicola Furlan - 14 Dicembre 2006 - 0:00
Divine Intervention
Band: Slayer
Etichetta:
Genere:
Anno:1994
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
80

«Disco d’oro nel 1995. Esordio all’ottavo posto nella classifica dei dischi più venduti in America»

Ecco come possiamo presentare oggettivamente il bilancio di Divine Intervention. Forti dell’ingaggio dell’ex Forbidden Paul Bostaph a sopperire lo split con Lombardo (avvenuto nel 1992), il trio Araya Hanneman King sforna in pieno periodo “untori del thrash” un disco che sopravvive alla peste di metà anni 90, che ha spolpato fino all’osso ogni minima produzione del genere. Successore di un indiscusso capolavoro come Seasons in the Abyss il disco si presenta violento, ben curato, stilisticamente ineccepibile.

Fasti che vengono rivissuti con estremo piacere dalla miscellanea di riffing e ritmiche proprie dei capitoli precedenti, in particolar modo della triade Reign in Blood / South of Heaven / Seasons in the Abyss. Il nuovo batterista non fa rimpiangere più di tanto la dipartita di Lombardo. Chitarre sempre ispirate, cadenze ricercate e riconoscibilissime, lyrics espressione della violenza che ha reso tanto famosa la band e i soliti marci assoli fanno da padroni all’organizzazione di ogni pezzo, nessuna esclusione.
La produzione mette distintamente in risalto l’alone groovy che oscura qua e là l’album e il risultato non delude le aspettative degli ascoltatori.

Dieci brani di profondo e tirato thrash metal. Killing Fields e Fictional Reality nascono da tachicardiche mitragliate di doppia cassa per poi riprendere quei rallentamenti così intimi già ampiamente sperimentati con successo in precedenza. Sex, Murder, Art si attesta diretta e sparata in tutta la sua contenuta durata, in una sinergia di pesantezze e groove molto ricercati. Dittohead apre con un riffing di grande gusto vintage e con tale si lascia trasportare fino all’esaurimento, sovrapponendo pattern di batteria potenti ad assoli ruvidi e graffianti che richiamano in tutto e per tutto i tempi d’oro della band.
Divine Intervention trova il concentrato più denso della sua sostanza proprio nella title track, un fluido ammasso di riff capaci di rievocare tutti gli stilemi fondamentali del songwriting assassino.
Passando poi per la turbolenta Circle of Beliefs, segnata da ordinarie ritmiche alla King, ci si scontra contro quel muro massiccio di SS-3, altalenante tra gli estremi della velocità e del soffocante incedere alle pelli. Un passo ancora avanti nel songwriting di Serenity in Murder, per l’ossessività dei suoni e delle idee concretizzate nella concezione degli assoli e degli stacchi ritmici a supportare i malati clean-chorus. Intro di finissimo Bay Area per 213: introspettività, ritmica contenuta e mid-rhythm per proseguire con l’uso determinato di un incedere degno rappresentante della scena americana di fine anni ‘80 primi ‘90. E come avrebbero potuto chiudere, se non con un classico come Mind Control, che incuriosisce al solo pensiero di non aver potuto – ahimè – avere un Lombardo a massacrare tutti quei pezzi così ben concepiti?

Un disco senza incertezze di sorta: sono gli Slayer, assolutamente Slayer, ordinariamente Slayer. Un disco coerente, riassunto puntuale del loro background produttivo: è come se tre immortali creature infernali dai nomi di Reign in Blood, South of Heaven e Seasons in the Abyss si fossero unite sanguinosamente in un’orgia musicale, accompagnate dall’orchestra malata dei quattro di Huntington Park.
La piccola e malsana creatura generata potrete anche tenerla nel jewel case – i genitori regaleranno comunque emozioni in eterno. Ma se deciderete di darle una possibilità, saprà rendere onore ai suoi vecchi.

nik76
 
Tracklist:
01 Killing Fields
02 Sex, Murder, Art
03 Fictional Reality
04 Dittohead
05 Divine Intervention
06 Circle of Beliefs
07 SS-3
08 Serenity in Murder
09 213
10 Mind Control

Ultimi album di Slayer

Band: Slayer
Genere: Thrash 
Anno:2015
75
Band: Slayer
Genere:
Anno:1984
85