Recensione: Waking the dead

Di Beppe Diana - 1 Novembre 2002 - 0:00
Waking the dead
Band: L.A. Guns
Etichetta:
Genere:
Anno: 2002
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
75

I veri rockers li riconosci subito al primo sguardo, brutte facce, vecchie pellacce dure a morire con il viso e il corpo logorato dai mille abusi che li hanno segnati inesorabilmente per tutta la vita, ma che non li hanno per niente abbattuti o sconfitti, inducendoli a toccare il fondo e risalire la china per rinascere dalle proprie ceneri, un po’ com’è successo ai miei idoli di gioventù L.A Guns.

Assorti agli onori della cronaca come l’ennesima risposta ai concittadini Guns’n’Roses, grazie soprattutto ad un album stupendo come l’omonimo platter dell’88 che li proiettò in cima alle classifiche di gradimento di molti metal fan di quell’epoca, la band del tatuatissimo chitarrista Tracii Guns, ha sfornato anno dopo anno un consistente numero di dischi, a dir la verità non sempre all’altezza del loro status di numeri uno che credo gli competa di diritto, cercando in qualche modo di cavalcare l’onda del successo che li ha più volte costretti a cambiare pelle e direzione musicale a cominciare dal criticatissimo, ma immenso, “Hollywood Vampire” per passare al mezzo fiasco “Vicious circle” ai totalmente alternativi “Hollywood hardcore” e “Shrikning violet” con Jizzy Red dei Love/Hate a ricoprire il ruolo di front man al posto del fuggitivo Phil Lewis.

Ma a volte si sa, il ricordo dei bei momenti passati è più forte di ogni screzio e malumore, e così prima il live “ A night on the strip” e poi l’album in studio “Man on the moon”, hanno sancito una volte per tutte, almeno si spera, il ritorno del figliol prodigo Lewis, che, con la sua particolare quanto sensuale timbrica vocale, anche questa volta contribuisce anche questa volta a segnare un nuovo capitolo della storia musicale dei celebri gunners losangelini.

Certo, i fasti dei primi album, sono oramai un ricordo più che sbiadito, ma comunque nulla toglie a questo “Waking the dead” l’onore di posizionarsi uno scalino più su delle ultime release della band americana, sistemandosi a metà strada fra le corpose iniezioni stradaiole di “L.A Guns” e “Cocked and loaded” e gli influssi metal di metà carriera.

Il buon Tracii da par suo, si dimostra ancora una volta un riff maker di tutto rispetto, Phil è il solito istrionico vocalist che ogni hard rock’n’roll band amerebbe avere fra le proprie fila, e la sezione ritmica formata dal duo Adam Hamilton/Steve Riley, rispettivamente basso e batteria, è sinonimo di sicurezza ed affidabilità. Sormontato da una copertina i cui tratti ricordano stranamente (sarà un caso??? NdBeppe) la celebre cover, poi censurata, di “Appetite for destruction”, l’album in questione si compone di un trittico di songs che colpiscono come un calcio in pieno volto, e che per potenza ed incisività hanno poco da invidiare ai new gods scandinavi come Glucifer, Hardcore Superstar et similia, provate ad ascoltare le stilettate metalliche della title track, oppure le propensioni melodiche di “Don’t look me at the way”, e mi saprete dire.

Ma i nostri non dimenticano di certo il loro passato di teen age band, e la spassosa quando catchy “Revolution” non ricorda i Beatles solo per il titolo, ma anche i cori e la struttura portante sanno molto dei fab-four di Liverpool. “Psychopatic eyes” è un brano che riesce a sprigionare un’energia unica, un’ enfatica e viziosa mistura di punk/ hard’n’roll che mi ha ricordato molto da vicino i Ramone (rip) degli esordi, mentre “Lost in the city of angel” mostra il lato più gotico e malsano della band in questione.

Sicuramente non ci troviamo di fronte ad un capolavoro assoluto, ma se siete dei veri cultori della buona musica i così detti open mind, beh fareste meglio a non farvelo sfuggire, per la serie “a volte ritornano, e sono ancora più incazzati di prima”. L.A Guns “streets survivor”.
Beppe “street’n’glamz” Diana

Ultimi album di L.A. Guns

Band: L.A. Guns
Genere: Hard Rock 
Anno: 2018
78
Band: L.A. Guns
Genere:
Anno: 1988
90
Band: L.A. Guns
Genere:
Anno: 2006
74
Band: L.A. Guns
Genere:
Anno: 2002
75