Recensione: Empress

inserito da

Energia travolgente, questo è il trio torinese Be The Wolf; lo hanno dimostrato in passato con gli album ‘Imago’ del 2015 e ‘Rouge’ del 2016 e lo confermano quest’anno con ‘Empress’, la cui uscita è prevista per il 19 ottobre 2018 via Scarlet Records (concesso in licenza in Giappone da Marquee Inc./Avalon).

Il nuovo lavoro corre sul crinale tra l’Hard Rock e l’Heavy Metal, imprimendo dinamismo e potenza continua, con aperture molto coinvolgenti e luminose soprattutto durante i refrain, accompagnati da chorus epici ed anthemici e con gli assoli di chitarra, lunghi ed articolati.

Il sound è vario, con partiture che possono essere veloci o cadenzate ma mai prive di una melodia di fondo, che riesce a dare un tocco di romanticismo anche ai brani più potenti.

In altre parole è un album che può accontentare molti palati: sia quelli che sono più portati a gustare generi come l’A.O.R. ma anche quelli che tendono più verso l’estremo, precisando che i brani non puntano alla violenza sonora ma piuttosto alla durezza.

Gli artisti sono tutti ottimi musicisti e riescono a trasmettere la loro passione a chi ascolta, non fermandosi un momento.

La voce, quella di Federico Mondelli, è forte, estesa e molto adatta al genere.

C’è anche un po’ di spazio per la sperimentazione, effettuata con l’uso dell’elettronica (‘Action’).

In conclusione i Be The Wolf, con ‘Empress’, dimostrano di avere un’identità propria, espressa nei dieci brani che compongono l’album, anche se si percepiscono vibrazioni provenienti dai classici degli anni ’80.

237795 Be The Wolf 450

L’apertura è affidata a ‘Burn Me Out’, veloce e dura è Heavy Metal al 100%, con cori melodici ma anche vivaci ed un assolo potente e dinamico.

Segue la già citata ‘Action’, pestata anche se non veloce, con strofe rese particolarmente morbide dall’uso delle tastiere elettroniche. Un brano particolare ed interessante.

Il terzo brano è ‘Stallone’, che richiama atmosfere Power, mentre in ‘Thousand Years’ esplode la vena Hard Rock, con un refrain epico e magico ed un assolo carico di luce.

Il brano successivo è ‘You’re My Demon Tonight’, veloce ed al contempo romantico, mantiene una struttura Heavy Metal con chitarre molto forti.

Superata la metà dell’album il lavoro degli artisti prosegue senza sosta: hanno ancora tanto da dire e soprattutto da dare.

All Days I Missed’ ha toni molto accesi pur se di velocità controllata; il refrain e l’assolo sono molto appassionanti.

Move It’ è un Rock arioso, energico, brillante ed accattivante mentre ‘Here and Now’, un veloce Heavy Metal, tende un po’ a chiudersi nell’oscurità, in particolare nella sezione finale.

Chiudono l’album le potenti e trascinanti ‘Trigger Discipline’ e ‘Jungle Julisa II’, quest’ultima intrisa di momenti romantici pur se forte.

Empress’ è la chiusura, molto dura, di un capitolo, composto anche dagli album usciti in precedenza e lo fa nel modo migliore. Dire se i Be The Wolf sono un gruppo Heavy Metal od un gruppo di moderno Hard Rock è praticamente impossibile, visti tutti gli intrecci che si susseguono nell’album. A mio parere non è neanche giusto cercare di limitarli dentro un genere: i Be The Wolf sono i Be The Wolf e basta, una band energica che saprà far parlare molto di se in futuro. Auguriamo loro la densa attività live che meritano ed attendiamo il prossimo lavoro. 

 
78