Recensione: Dependent Domination

Di Daniele D'Adamo - 3 Agosto 2011 - 0:00
Dependent Domination
Band: Accu§er
Etichetta:
Genere:
Anno: 2011
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
78

Complice, forse, la sostituzione di René Schützn con il nuovo chitarrista Uwe Schmidt, gli Accu§er allungano il passo e aggiungono nuova carne al fuoco alla già feconda carriera con un nuovo album, “Dependent Domination”, che, appunto, appare immediatamente come un discreto miglioramento complessivo rispetto al precedente “Agitation”.
Un miglioramento che fa onore al combo tedesco, composto da musicisti di comprovata esperienza e quindi, magari, meno restii a mettersi in gioco per evolversi sempre più.

Già “Agitation” era un buon esempio di thrash classico, basato sulla vecchia scuola ma anche aggiornato secondo i tempi che corrono senza però finire nel calderone del post-thrash o groove metal. Malgrado sia passato poco più di un anno, da quel full-length, “Dependent Domination” mostra una band che ha nel frattempo serrato le fila e incrociato le armi al fine di aumentare l’aggressività del proprio sound, ora spiccatamente thrash metal. Come quello dei Padri fondatori Metallica e Slayer, insomma.
È davvero ottimo, inoltre, il suono del CD: esplosivo e potente ma chiaro e cristallino come l’acqua di sorgente. Merito, senz’altro, del lavoro compiuto da Martin Buchwalter (missaggio, masterizzazione, registrazione e produzione) assieme al gruppo stesso (produzione) presso i Gernhart Studio Siegburg. Il bilanciamento fra gli strumenti e la voce è pressoché esente da pecche, consentendo a chi ascolta di godere appieno di un suono pieno e profondo, chiaramente leggibile in tutte le sue parti.
Frank Thoms mostra di non sentire il peso dell’età, affrontando con piglio deciso e stentoreo le varie linee vocali. Non sarà un genio del microfono, tuttavia il suo compito lo sa svolgere assai bene; riuscendo a non imitare le più note ugole del genere. Anche come chitarrista non se la cava per niente male, Thoms, che, assieme al neoacquisto Schmidt, forma una coppia d’acciaio molto abile in fase ritmica con l’uso a regola d’arte del palm muting. Kimpel e soprattutto Fechner, il batterista, non perdono nemmeno un colpo, dando forza al sound con un ritmo a volte anche veloce, ma sempre contenuto nei canoni stilistici del thrash. Una sezione ritmica competente e vigorosa.  
 
Questa consistenza, presente sia nello stile, sia nel suono, si riflette anche nelle canzoni, che rappresentano un insieme dall’alto peso specifico e della granitica durezza. La bontà dei Nostri come musicisti si evidenzia, innanzitutto, nella ferma e risoluta determinazione nella definizione del ‘marchio di fabbrica’. Una volta presa confidenza con il sound del disco, basterà prendere a caso un suo qualsiasi segmento per affermare: «ecco questi sono gli Accu§er!». Fatto non da poco, questo.
A parte il solito intro strumentale (“Presentiment”), trattasi di dieci brani interessanti anche se mancanti del capolavoro o dell’acuto in grado di rendere l’opera memorabile. “Beneath Your Dignity”, assieme a “As You Bleed” e “The Cause Of All Evil”, sono tre esempi di sferzate thrash, sostenute da riff iper-stoppati e super-compressi. Da enciclopedia della chitarra ritmica. Come “Torn To Pieces” ed “Escape From The Oath”, rapide e sciolte nella sequenza delle scale musicali sì da poter essere prese come metro di paragone per il giusto ‘andamento thrash’. Ottima la titkle-track, impreziosita dalle fini trame della lead guitar, indovinate nella loro melodiosità e ricche di gusto. “Mastering Punishment”, più arzigogolata negli accordi, fa vedere che il quintetto di Siegen sa anche spingersi oltre i confini del technical thrash metal. Un po’ di sapore vintage, infine, nella conclusiva “Behold & Beware”.

Come il buon vino, anche gli Accu§er migliorano con il tempo. “Dependent Domination” è un lavoro egregio sotto tutti i punti di vista, anche se privo di particolari barlumi di inventività compositiva. Ciò, tuttavia, non rende il platter inascoltabile. Anzi, la capacità di creare musica così fluida anche alle alte velocità è sicuramente un pregio non comune che conduce, alla fine, all’emissione di un giudizio finale più che positivo.

Daniele “dani66” D’Adamo

Discutine sul forum nel topic relativo!

Track-list:
1. Presentiment 1:00     
2. Beneath Your Dignity 6:02     
3. Torn To Pieces 3:17     
4. Desolate Shape 5:39     
5. Escape From The Oath 5:25     
6. Dependent Domination 3:59     
7. Mastering Punishment 4:15     
8. Death To The Traitor 4:22     
9. As You Bleed 6:02     
10. The Cause Of All Evil 3:51     
11. Behold & Beware 5:41     

All tracks 50 min.

Line-up:
Frank Thoms – Vocals, guitar
Uwe Schmidt – Guitar
Frank Kimpel – Bass
Oliver Fechner – Drums
 

Ultimi album di Accu§er

Band: Accu§er
Genere: Thrash 
Anno: 2020
74
Band: Accu§er
Genere: Thrash 
Anno: 2018
72
Band: Accu§er
Genere:
Anno: 2010
76