Recensione: Wired

Di Fabio Vellata - 11 Ottobre 2021 - 0:01
Wired
Band: Eclipse
Etichetta: Frontiers Music
Genere: Hard Rock 
Anno: 2021
Nazione:
Scopri tutti i dettagli dell'album
87

Una recensione facile, ogni tanto.
Di quelle in cui non serve perdersi troppo in particolareggiate dissertazioni sulla qualità del songwriting, sull’abilità degli artisti o sul perché si ritenga quell’album piuttosto di un altro, meritevole o meno d’attenzione.

Succede di rado.
Capita con gli Eclipse.
Essì perché la band di Erik Mårtensson, al settimo album in una carriera dal valore in costante crescita, non rende necessarie troppe chiacchiere.
La grandezza della loro musica è pressoché un dato di fatto, “universale”. S’ascolta il disco, si ritrova la consueta eccellenza di tutte le componenti, ci si emoziona un bel po’ e lo si riascolta ancora.
Al secondo giro nel lettore, lo si classifica, d’emblée, tra le cose migliori (tante volte proprio “la migliore”) uscite in quell’anno.

Uno standard diverso, una categoria a parte.
Che fa un po’ mangiare le mani: fosse capitato qualche anno fa (il solito periodo aureo, suvvia!), degli Eclipse e di Mårtensson, avremmo avuto pagine piene sulle riviste cartacee e tanti bei passaggi in heavy rotation, su radio o tv, dedicate alla musica, che fossero.
Tant’è: quando un album del gruppo svedese è in rampa di lancio non può che essere una gran bella notizia per i molti appassionati di melodic rock: non sbagliano praticamente mai.

Con l’aggravante (se così si può chiamare), di mettere in pista dischi omogenei, in cui i pezzi “minori” fanno spesso impallidire i tre quarti dei gruppi concorrenti presenti in scena. Mentre i brani “buoni”, quelli di punta, si rivelano spesso degli autentici capolavori per pathos, divertimento, melodia, cura dei particolari e facilità di fruizione. Senza contare quella “sicurezza” che traspare dal suono deciso, solido, pieno e fa da pietra angolare ad ogni composizione.
Su “Wired” ci sono ad esempio la possanza di “Roses on your Grave” e la coralità straordinaria di “Saturday Night”. La grandeur esaltante di “Twilight” e la pura potenza adrenalinica di “Bite The Bullet“.
Passaggi di fronte ai quali non si fa altro che prendere atto per l’ennesima volta della caratura superiore di quest’ufo chiamato Eclipse.
Tre quarti d’ora scarsi di ottima musica, prodotta benissimo, impeccabile sotto ogni punto di vista: ormai, faranno notizia solo quando pubblicheranno qualcosa al di sotto dell’eccellenza.

In effetti, come facciano a mantenere uno status qualitativo tanto alto ha del miracoloso ed è quasi sovrannaturale. Ma tutto sommato si tratta di un interrogativo di semplice contorno: godiamone come sempre, senza pensarci su troppo.
E rimaniamo sulle certezze: gli Eclipse sono fuoriclasse di un’altra categoria, con un altro grande album da mettere in bella mostra all’interno di una discografia perfetta.
Probabilmente, allo stato attuale, gli autentici e più credibili leader del settore a livello planetario.

 

Ultimi album di Eclipse

Band: Eclipse
Genere: Hard Rock 
Anno: 2021
87