Recensione: March in to the arena

inserito da
Oramai non è una novità che anche in territorio transalpino si sentano sempre più odori di come back che hanno dell'incredibile, e così dopo aver gioito per il nuovo platter dei veterani Nightmares, saluto con smisurato entusiasmo il ritorno sulle scene dei loro conterranei Lonewolf.
Forse alla maggior parte di voi che leggete questa recensione, il nome Lonewolf dirà poco o niente, ma chi come il sottoscritto segue con fervida attenzione le uscite discografiche diciamo minori, si ricorderà di certo del loro fortunato 7 pollici "Holy Evil", circa 1000 copie vendute, che fece circolare prepotentemente il nome della band almeno a livello underground.
Era il 1996 e tutti si aspettavano grandi cose dai Lonewolf, ma la band inspiegabilmente si inabissò nel nulla più assoluto. Alla luce di quanto ascoltato su questo nuovo album, il combo guidato dai fratelli Jens e Felix Borner, rispettivamente voce/chitarra e batteria, ai quali si aggiungono le new entry Dryss Boulmedais al basso e Mark Aguettand all'altra chitarra, cerca in qualche modo di recuperare il tempo perduto, e soprattutto una certa dose di credibilità verso i propri estimatori, con un suono ed un'attitudine veramente incoraggianti. Infatti "March in to the battle" recupera in parte il suono tagliente e spigoloso del loro passato musicale, assestandosi su territori sonori molto vicini al sound dei Running Wild e dei Grave Digger degli esordi. Anche le linee vocali, ruvide e poco inclini alla melodia, del buon Jens, pagano il giusto dazio alle lezioni impartite dei maestri Chris Bolthental e Rock'n'Rolf, e anche se il songwriting della band transalpina non raggiunge, qualitativamente parlando, picchi straordinari, gli otto brani ivi contenute si lasciano ascoltare con piacere risultando anche piacevoli e killer track del calibro di "Pagan glory" o "Towards the light" con il loro incedere a tratti speedy, potrebbero fare più di una vittima fra le centinaia di metal kids nostrani. Unica nota dolente dell'intero lavoro è senz'altro la produzione che in alcuni frangenti risulta piuttosto debole e che il più delle volte rischia di tarpare le ali ad una band in grado di spiccare il volo verso lidi a lei più congeniali.
Un disco tutto sommato onesto consigliato a chi non può fare a meno del classico german sound dei gloriosi eighties.
Lonewolf welcome home

1- Morbid Beauty
2- March into the Arena
3- Pagan Glory
4- Curse of the 7 Seas
5- Forgotten Shadows
6- Towards the Light
7- Buried Alive
8- Holy Evil
 
65